Home » Diari di Viaggio » Cosa vedere in Andalusia? Zuheros!

Cosa vedere in Andalusia? Zuheros!

Castello di Zuheros in Andalusia

La maggior parte di coloro che organizzano un viaggio in Andalusia pianificano il proprio weekend tra Siviglia, Cordoba, Granada, Malaga o Ronda. Città indubbiamente bellissime ma che rientrano nel “classico” tour andaluso.

In pochi si avventurano nel piccolo paese di Zuheros, un borgo magico appollaiato su una collina che domina la vallata sottostante quasi interamente coltivata a uliveto.

Leggi: Diario di viaggio a Cordoba

 

Zuheros

Zuheros è la “porta” della Sierra Subbetica (Parque Natural de las Sierras Subbéticas), un enorme parco naturale caratterizzato da sierre calcaree, doline, gravine e grotte.

Il parco annovera non solo percorsi di escursionismo e trekking estremamente panoramici ma anche importanti testimonianze dal punto di vista archeologico.

Molti infatti scoprono il borgo dopo aver visitato la Cueva de los Murciélagos, la Grotta dei pipistrelli, un importante sito preistorico con eccezionali dipinti rupestri.

Interessante, per una visita più consapevole, la visita all’adiacente Ecomuseo.

Quanto invece è stato rinvenuto nella cueva è allestito oggi nel Museo Archeologico di Zuheros. Inevitabile quindi che si decida di curiosare nel museo e raggiungere il paese distante solo 4 chilometri.

Leggi: Siviglia in due giorni,

Cosa vedere a Siviglia: Las Setas 

Cosa vedere a Siviglia: Plaza de Espana 

Visita alla Cattedrale e alla Giralda di Siviglia

Cosa-vedere-Andalusia-Zuheros-panorama

Il panorama dal centro dell’abitato di Zuheros [photo credit Donato Reverberi]

Giunti alla base di Zuheros, si lascia la macchina e si prosegue a piedi, inerpicandosi lungo le stradine strette e acciottolate che caratterizzano il borgo tutto bianco e dai tetti color ocra.

Già lungo la passeggiata avrete modo di intuire il panorama che si gode dalla piazzetta centrale.

Se avrete la fortuna di capitare al tramonto, non potrete che rimanere incantati dal profilo delle colline di un verde lussureggiante che si perde a vista d’occhio.

Cosa-vedere-Andalusia-Zuheros-tramonto

Zuheros al tramonto [photo credit Donato Reverberi]

Avete presente quella sensazione di totale appagamento che vi illude che nulla possa destare ulteriore sorpresa?

Ebbene, il tempo di distogliere lo sguardo dal panorama che credevate fosse l’unico meritato premio a fine salita, che si resta letteralmente senza parole!

Un superbo Castello che sembra sbocciare dalla roccia si staglia maestoso a dominare l’intera area circostante e crediamo davvero che poche fortezze al mondo siano più scenografiche e sorprendenti del maniero di Zuheros!

Costruito dai mori durante la secolare occupazione dell’Andalusia e restaurato dai cristiani dopo la Reconquista dà carattere alla deliziosa piazzetta insieme alla chiesa edificata a fine ‘500 e dedicata a Nuestra Senora de los Remedios.

Zuheros, oltre a essere una tappa interessante per coloro che vogliono visitare la Sierra Subbetica, è una scoperta per i viaggiatori in cammino lungo la via dei Pueblos Blancos.

Tra i pittoreschi villaggi imbiancati a calce, ricchi di tesori e bellezze naturalistiche che puntellano un’ampia area compresa tra Cadice e Malaga, spicca un’altra cittadina andalusa letteralmente ingoiata dalla roccia! Per saperne di più, vi consigliamo la lettura di Cosa vedere a Setenil de las Bodegas l

Setenil-de-las-Bodegas

Il borgo di Setenil de las Bodegas incastonato nella roccia [photo credit Antonio Patino]

La chicca: a Zuheros viene prodotto un olio extra vergine d’oliva di qualità eccellente! Merito, sostengono gli studi effettuati dalle competenti autorità, di una incredibile varietà di olive (ne è stata rilevata almeno una dozzina) tipiche in uliveti coltivati in fasce montane da centinaia di anni e con sistemi di tipo estensivo.

Come arrivare a Zuheros: per raggiungere il paese, si deve deviare per solo 10 minuti dalla provinciale N-432, la strada che collega Cordoba e Granada, in direzione della Sierra Subbetica.

Cueva de los Murciélagos: Lunedì chiuso. Visite su prenotazioni. Dal 1 aprile al 30 settembre 12:30 – 17:30 dal martedì al venerdì; dal 1 ottobre al 31 marzo 12:30 – 16:30. Sabato, domenica e festivi dal 1 aprile al 30 settembre alle 11:00, 12:30, 14:00, 17:00 e 18.30; dal 1 ottobre al 31 marzo alle 11:00, 12:30, 14:00, 16:00 e 17.30. Prezzi: solo Cueva adulti 7,50€, bambini dai 4 ai 12 anni 6€. Biglietto cumulativo Cueva, Museo Archeologico e Castello adulti 9€, bambini dai 4 ai 12 anni 7€. Per sicurezza, verificare sempre gli orari e i prezzi sul sito ufficiale.

Articolo redatto in collaborazione con Donato Reverberi

POTREBBERO INTERESSARTI...

5 commenti

Federico 16 Marzo 2018 - 12:06

Ciao Monica complimenti per il blog, molto interessante, volevo chiederti un parere su di un tour per l’Andalusia che ho trovato su di una agenzia che sia chiama goblinviaggi, voglio capire se quel viaggio in linea di massima mi dia la possibilità di vedere le stesse cose che hai visto tu.
Grazie

Rispondi
Monica Nardella 21 Aprile 2018 - 14:06

Ciao Federico dove posso guardare i dettagli del tour?

Rispondi
Federico Porta 21 Aprile 2018 - 14:29

Ciao Monica qua trovi tutto, https: // goblinviaggi . it /i-nostri-viaggi/europa/andalusia-arte-e-cultura/.

Mi sembra interessante come giro, che ne pensi?

Rispondi
Monica Nardella 22 Aprile 2018 - 11:04

Il giro è molto interessante. Io preferisco muovermi in maniera indipendente per lasciarmi un margine di autonomia qualora un posto mi piacesse particolarmente ma un tour simile è perfetto per chi desidera visitare un territorio ampio (come l’Andalusia) senza alcun pensiero in termini di prenotazioni, transfer e via dicendo!

Rispondi
federico 23 Aprile 2018 - 9:40

ok Monica grazie mille delle dritte, appena rientrerò dal tour ti faccio sapere come è andata.

Lascia un commento