Home » Europa » Spagna » Siviglia: Plaza de España

Siviglia: Plaza de España

Siviglia Plaza Espana
Plaza de España è una delle piazze più belle e suggestive di tutta Siviglia nonché un luogo di incontro culturale dall’indiscutibile fascino.

Plaza de España a Siviglia

La costruzione della piazza, disegnata nel 1911 dall’architetto Aníbal González, ebbe inizio nel 1914 e terminò nel 1928 sotto la direzione dell’architetto Vicente Traver, coinvolgendo una forza lavoro di migliaia di persone.
Plaza de Esoana

Plaza de Espana

In occasione dell’Esposizione Iberoamericana organizzata proprio a Siviglia nel 1929, si decise di creare un padiglione spagnolo, per l’appunto Plaza de España, al fine di incrementare il turismo, creare nuovi posti di lavoro e migliorare l’aspetto urbanistico della città. Ceramiche variopinte, marmi e mattoni rossi decorano la piazza e le donano un tocco barocco e rinascimentale insieme.
Plaza de Espana

Plaza de Espana

Varie sono le simbologie e le interpretazioni che emergono dall’analisi di Plaza de España: la forma semicircolare di duecento metri di diametro, riconduce all’abbraccio che la Nazione dona alle sue colonie antiche, la vicinanza al fiume Guadalquivir simboleggia il cammino da seguire per l’America e il canale lungo cinquecentoquindici metri viene attraversato da quattro ponti che rappresentano gli antichi regni del Paese Spagnolo. Mosaici, mappe e stemmi adornano le pareti dell’edificio principale caratterizzato da 48 archi che fanno riferimento alle 48 province spagnole (disposte in ordine alfabetico).
Gli archi che simboleggiano le province spagnole

Gli archi che simboleggiano le province spagnole

Particolare decorazione dello spazio dedicato alla Provincia di Malaga

Particolare decorazione dello spazio dedicato alla Provincia di Malaga

Gran parte della superficie della piazza, pari a 50.000 metri quadrati, è all’aperto e completamente libera da costruzioni (31.000  metri quadrati) mentre la restante parte (19.000 metri quadrati) risulta occupata dalle due torri che chiudono il semicerchio e dagli edifici centrali. Nel bel mezzo della piazza si trova una fontana realizzata dall’artista Vicente Traver che nel tempo venne accusato di aver rotto l’immagine di vuoto tipica di Plaza de España. Nel 1997 grazie alla proposta di una delegazione governativa e della moglie del sindaco Soledad Becerril, venne creato un laboratorio-scuola volto a realizzare nuove ceramiche in sostituzione delle vecchie ormai rovinate. Appena 7 anni dopo, nel 2004, venne inaugurato il primo settore restaurato di Plaza de España. Per la sua particolarità questo gioiellino della città andalusa è stato scelto come set di importanti film, tra questi “Guerre Stellari” e “Lawrence d’Arabia”.
Plaza de Espana

Plaza de Espana

Dove: Plaza de España si trova all’interno del Parco di Maria Luisa nei pressi della Reale Fabbrica di Tabacco (oggi sede di alcune facoltà e del Rettorato universitario) e della rotonda del Cid Campeador (una statua equestre raffigurante Rodrigo Díaz conte di Bivar, detto Cid Campeador, guerriero, nonché nobile castigliano che assunse un importante ruolo durante la Reconquista). L’aeroporto San Pablo dista appena 10 km dal centro di Siviglia ed è servito da un servizio autobus, linea EA, che vi condurrà in centro in circa 20/30 minuti (4€ a persona; partenze ogni 30 minuti). La città si gira benissimo a piedi in quanto le distanze sono brevi ed è sconsigliabile infilarsi nel traffico locale. In ogni caso , chi volesse, potrebbe servirsi del servizio autobus – escluso per il centro storico – (http://www.tussam.es/). 
Orari: è possibile accedere alla piazza in modo libero e gratuito ma al fine di evitare atti di vandalismo, in inverno la chiusura è prevista alle ore 22 e in estate alle ore 24.

Articolo redatto da Giulia S.

POTREBBERO INTERESSARTI...

2 commenti

Jackie 1 Novembre 2013 - 10:32

Quanti bei ricordi! Ho vissuto a Sevilla per qualche tempo, e ricordo sempre con piacere i tardo pomeriggi passati a curiosare qui le vare maioliche 🙂

Rispondi
Federicasole 24 Ottobre 2013 - 6:58

Ci sono stata, indossavo una gonna gitana colo fucsia e grazie alle tue foto ricordo tutto alla perfezione, eppure era il il 2004!Ci tornerei volentieri, adoro Siviglia!:-)

Rispondi

Lascia un commento