Home » Europa » Spagna » Siviglia: visita della Cattedrale e della Giralda

Siviglia: visita della Cattedrale e della Giralda

Siviglia cose da vedere

Ieri sera siamo tornati dal nostro week end e fremevo dalla voglia di mostrarvi la spettacolare Cattedrale di Siviglia (conosciuta semplicemente come la Catedral) e la Giralda, l’ex minareto almohade convertito in campanile.

Cose da vedere a Siviglia

La Catedral (Cattedrale di Siviglia), terza per dimensione dopo San Pietro e St. Paul a Londra, sorge in un’ampia piazza che ne esalta la maestosità.  Costruita nel XIV secolo su una moschea (di cui la testimonianza più evidente è il delizioso Patio de los Naranjos, un giardino di aranci in cui i fedeli assolvevano alle abluzioni prima di entrare) toglie semplicemente il fiato a coloro che la vedono per la prima volta.

Cattedrale di Siviglia

Cattedrale di Siviglia

 

Lo stile gotico svettante verso il cielo, il colore ambrato, le guglie, i decori che sembrano merletti si lasciano contemplare per svariati minuti su ciascuna delle quattro facciate orientate sui punti cardinali. Nella piazza, dove c’è anche l’ingresso, attendono pazientemente le carrozze tirate a lucido con i raggi delle ruote dipinti di un vivace giallo: ci basta poco per capire che si tratta di un mezzo di trasporto molto apprezzato dai turisti a Siviglia (e particolarmente caro ai locali nei giorni di festa).

 

Carrozze sevillane

Carrozze sevillane

 

Vista la fila ridotta (caso abbastanza raro), abbiamo deciso di entrare subito. Se l’esterno catalizza lo sguardo, l’interno è un susseguirsi di espressioni di stupore per le cinque navate, le ampie volte, l’enorme rosone, le finestre istoriate, le venti cappelle, l’altare.

 

Tomba di Cristoforo Colombo

Tomba di Cristoforo Colombo

 

La Cattedrale è un vero trionfo di oro, di decorazioni e di incisioni e persino la tomba di Cristoforo Colombo conquista il suo momento di gloria. Non si sa con certezza chi vi sia seppellito viste le numerose traslazioni della salma ma l’omaggio al navigatore genovese è stato generosamente tributato dal popolo sevillano!

 

Giralda

Giralda

 

In fondo a sinistra, si trova l’accesso per il campanile: preparatevi a un panorama a 360 gradi su Siviglia! Non spaventatevi all’idea di dover “scalare” un dislivello di 50 metri: non sono gradini (a parte una decina proprio alla fine) ma di rampe percorse anche coi cavalli a suo tempo (il che implica un camminamento largo e arioso, per nulla claustrofobico).

 

Panorama sulla città dalla Giralda

Panorama sulla città dalla Giralda

 

La Giralda (uno dei tre patrimoni dell’Umanità Unesco, insieme all’Alcazar e all’Archivio delle Indie) ricorda per due terzi l’originale minareto almohade (liberamente ispirato alla Koutoubia: se volete saperne di più, leggete il nostro diario di viaggio di Marrakech) mentre nell’ultimo tratto un classico campanile rinascimentale con tanto di campane.

Giunti in cima, potrete spaziare con lo sguardo sulla città,  cercando di individuare i confini dei Reales Alcazares (il più antico palazzo reale abitato d’Europa), la Plaza de Espana (facilmente intuibile dalle torri prese da Santiago de Compostela), il ponte di Calatrava o i vicoli del Barrio de la Cruz! Alle 16.15 il rintocco delle campane ci ha colti di sorpresa, voi non siate altrettanto impreparati!

Patio de los

Patio de los Naranjos

Ingresso con la copia di El Giraldillo

Ingresso con la copia di El Giraldillo

 

La chicca: perché Giralda? Per via del Giraldillo, una statua in bronzo (replicata all’ingresso della Catedral) posizionata proprio in cima.
Indirizzo: Avenida de la Constitucion. Prezzi: 9€ intero, 4€ ridotto studenti fino a 25 anni e pensionati; gratis under 14, disabili, disoccupati e residenti. Orari: lunedì dalle 11 alle 15.30; dal martedì al sabato dalle 11 alle 17; la domenica dalle 14.30 alle 18.

La chicca: Siviglia dall’alto? Visitate Las Setas!

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento