Home » Italia » Piemonte » Cosa vedere a Torino in un weekend

Cosa vedere a Torino in un weekend

Galleria Subalpina Torino

Cosa vedere a Torino in un weekend? Tanto, forse troppo quindi non potrete far altro che prender nota di quello che vi resta da visitare nel vostro ritorno imminente!

Torino in un weekend

Difficilmente inclusa nel top 5 delle città italiane (forse a causa di quella corazza che non consente di vederla per quello che è realmente) Torino non è una, ma mille: antica capitale del regno sabaudo; culla del Risorgimento;  teatro di significativi eventi storici e naturalmente indiscusso polo industriale che però negli ultimi anni ha saputo anche intercettare stimoli culturali e artistici  e incanalarli in spazi di fruizione che finalmente convogliano in città migliaia di appassionati e non solo.

Non sorprende ciò che il  Wall Street Journal scrisse già 10 anni fa “Elegante, perbene. Dietro quella facciata austera c’è una prorompente vitalità, un cuore pulsante creativo e frizzante che ne fa una città unica e diversa dal resto d’Italia”  definizione estremamente calzante, secondo me, di questa città schiva ma al contempo vitale.

Cosa vedere a Torino a weekend?

Le mie 36 ore a Torino iniziano con una piacevole passeggiata lungo via Roma, la principale arteria del centro cittadino che collega piazza Carlo Felice (proprio di fronte alla stazione Porta Nuova) a piazza Castello, passando per piazza C.L.N. e piazza San Carlo. Il tratto di via Roma dalla Stazione a piazza San Carlo è chiaramente ispirato all’architettura razionalista in voga nel periodo del riassetto della strada mentre il secondo tratto, fino a piazza Castello, fu studiato in modo che si raccordasse con lo stile barocco dei palazzi e monumenti circostanti.

In piazza C.L.N. (il cui nome evoca il Comitato di Liberazione Nazionale) campeggiano due fontane: le vasche sono sormontate ciascuna da una statua, rappresentante rispettivamente il Po e la Dora Riparia. In pochi ricordano che questa piazza venne scelta da Dario Argento per le scene più memorabili del film cult “Profondo Rosso”.

Piazza-San-Carlo-Torino

Piazza San Carlo con le due chiese gemelle e la statua dedicata a Emanuele Filiberto

Oltrepassate le statue dei due fiumi, vi immetterete nella imponente Piazza San Carlo (168×76 metri) dedicata a San Carlo Borromeo, lo stesso a cui è intitolata una delle due chiese barocche gemelle (l’altra è Santa Cristina) che si trovano proprio all’imboccatura del “salotto buono” di Torino. Il Santo arcivescovo era infatti molto devoto alla Sindone ed Emanuele Filiberto la fece traslare a Torino nel 1578 da Chambery per risparmiargli il lungo pellegrinaggio (oggi il Sacro Lino si trova nel Duomo).

Monumento-Equestre-Torino

Dettaglio del monumento equestre

Il monumento equestre che si erge al centro è dedicato a Emanuele Filiberto ed è comunemente noto come caval ed bronz (simbolo di pace visto che il Duca ringuaina la spada) mentre ai lati della piazza sorgono bellissimi palazzi e, sotto ai portici, storici caffè frequentati da Reali, scrittori e nobili, come il Caffè San Carlo e il Caffè Torino.
Proseguite su via Roma in direzione piazza Castello. Al termine della via, prima di essere rapiti dai tesori di fronte a voi, voltatevi sulla sinistra e sollevate lo sguardo.

Grattacielo-Torino-Torre-Littoria

La Torre Littoria, il grattacielo della città

Vedrete svettare la Torre Littoria, il grattacielo di Torino (109 metri antenna compresa), realizzato nel ’33 secondo i dettami dell’architettura razionalista, in netto e volontario contrasto con il barocco sabaudo dell’antistante piazza. La chicca: persino il sistema di illuminazione risente di questo dualismo stilistico in via Roma: il primo tratto da Porta Nuova a piazza C.N.L. mostra lanterne “novecento” mentre l’altro fino a piazza Castello presenta lanterne “settecento”.

Palazzo-Madama-Torino

Palazzo Madama

Castello-Acaja-Torino

Retro di Palazzo Madama con la Casaforte (o Castello) degli Acaja

Palazzo-Reale-Torino

Palazzo Reale

In piazza Castello si concentrano Palazzo Madama e, sul retro, il Castello degli Acaja (Patrimonio Unesco), il Palazzo della Prefettura-Armeria Reale, il Teatro Regio, la Chiesa di San Lorenzo (dove avvenne la prima ostensione della sindone in città) e, ovviamente Palazzo Reale.

Duomo-Torino

Duomo e Torre Campana

Utilizzate il passaggio che collega la piazzetta reale al Palazzo Chiablese: potrete raggiungere in un minuto via XX Settembre proprio all’altezza del Duomo rinascimentale dedicato a San Giovanni Battista e dell’adiacente torre campanaria. Percorrete tutta la via (sulla sinistra non potrete non notare il Parco Archeologico di Porta Palatina)

Parco-Archeologico-Porta-Palatina-Torino

Parco Archeologico di Porta Palatina

e svoltate a sinistra in Corso Regina Margherita per immergervi nelle atmosfere insospettabili per una città austera come Torino di Balon, lo storico Mercatino delle Pulci, uno spazio in cui troverete negozi, banchi e locali che animano Borgo Dora fin dal 1857 con alterne vicende. Appassionati di libri e dischi, antiquariato, accessori vintage e articoli etnici potranno letteralmente impazzire per portarsi a casa l’oggetto del desiderio senza dimenticare di contrattare! Il mercato ha luogo dal martedì al venerdì.

Balon-Torino

Stand al Balon

Io ho potuto passeggiare tra i banchi del “Balon del Sabato”, aperto dalle 7 alle 17, che pare occupi la più estesa area mercatale all’aperto di tutta Europa! Il mercato è aperto eccezionalmente la seconda domenica del mese dalle 8 alle 18 col nome di “Gran Balon” (prossimo appuntamento il 16 aprile). Tornate dunque sui vostri passi. Lasciandovi alle spalle Piazza Castello, puntate verso i portici per scoprire la Galleria Subalpina una delle tre storiche gallerie commerciali di Torino inaugurata, su modello dei passages parigini, nel 1874. Il salone, lungo una cinquantina di metri è un felice mix di elementi barocchi e rinascimentali. La volta è eccezionalmente moderna per l’epoca in cui fu realizzata, visto il generoso impiego di ferro e vetro. Ospitò locali storici come l’ancora felicemente aperto Baratti&Milano e il Caffè Concerto Tomano, frequentato da De Amicis, oggi convertito in sala cinematografica).

Palazzo-Carignano-Torino

Palazzo Carignano, con la facciata sull’omonima piazza

Questo primissimo sopralluogo vi avrà permesso di farvi un’idea della città. Io ho dedicato la seconda giornata ai musei torinesi e siccome era la prima domenica del mese (in cui tutti i musei statali e le gallerie civiche sono gratis), ho pianificato le visite in modo da incastrare il Palazzo Reale con l’Armeria e, a pagamento, il Museo Egizio e il Museo del Cinema. Il percorso mi ha permesso di vedere (tra l’altro) il bellissimo Palazzo Carignano che ospita il Museo Nazionale del Risorgimento Italiano. Questo Palazzo, esempio di architettura barocca, ha la particolarità di avere la facciata sul retro in stile eclettico, in pietra bianca e stucco rosa mentre quella che si affaccia su Piazza Carignano è in mattoni stuccati con malta di polvere di cotto: sembra di vedere due palazzi diversi!

Come vistare il Museo Egizio e Visita al Museo del Cinema!

 

Palazzo-Carignano-Torino-facciata-bianca

Palazzo di Carignano con la facciata in pietra bianca

Dove dormire a Torino

Victoria-Hotel-Torino

La mia camera al Victoria Hotel

Io ho alloggiato presso l‘Hotel Victoria (appartenente agli Space Hotels), una bella struttura in centro, a due passi dalle principali attrazioni cittadine anche se in una via laterale, quindi silenziosa e per niente trafficata. La mia camera era ampia e luminosa, arredata con mobili antichi e stoffe pregiate, dotata di tutti i comfort e con un delizioso balconcino.

Victoria-Hotel-Torino-lounge

Angolo lettura al Victoria Hotel

Ho particolarmente apprezzato i diversi ambienti creati nella lounge nei quali gli ospiti possono leggere un libro o conversare con un piacevole sottofondo musicale. Per tutti gli ospiti il sabato sera è stato offerto un aperItivo a base di cocktail e stuzzichini.

Victoria-Hotel-Torino-sala-lettura

Altro spazio relax e lettura del Victoria Hotel

Purtroppo, per mancanza di tempo, non ho potuto usufruire della Spa Iside ma credo che sarà un’ottima scusa per tornare (casomai non aveste con voi il costume non crucciatevi perché nello shop dell’hotel ne vendono di interi a 18€ e vi forniranno gratuitamente accappatoio e ciabattine).

Dove mangiare a Torino

Pizza-Torino

La focaccia con crudo al Caffè Universitario

Per un aperipranzo seduti al tavolo (12€ + cocktail a scelta) c’è il Bar Caffè Università sotto i portici di via Po al civico 4/d. La formula è all you can eat e il buffet è davvero molto vario e gustoso. Per un pasto davvero veloce, qualche metro dopo, al civico 10, c’è una Focacceria che a partire da 2€ promette la vera focaccia ligure.

Bicerin-fior-di-bufala-Torino

Bicerin al fior di Bufala da Conogelato

Per un bicerin creativo, consiglio Conogelato, un piccolo localino in via Cesare Battisti 3 dove potrete assaggiare la variante con fior di latte di bufala al prezzo di 5€.

Bicerin-Torino-Baratti-e-Milano

Bicerin classico

Per un bicerin classico, io sono andata da Baratti&Milano anche perché non ho saputo resistere all’acquisto dei gianduiotti (4,50€ + 13€). Se volete approfondire, potrete leggere un altro articolo dedicato a un weekend a Torino per scoprire cosa vedere a San Salvario.

POTREBBERO INTERESSARTI...

4 commenti

Monica I Viaggi di Monique 18 Aprile 2016 - 23:09

Ma che bello leggere un post dedicato a Torino.
Fa un po’ effetto xchè è la città dove ho studiato, dove vado spesso xchè è a un’ora da casa, ma a volte si percepisce la sua bellezza solo attraverso gli occhi chi la vive per la prima volta.
Nascondi angoli molto belli, e le residenze reali di Venaria e Stupinigi poi sono favolose!
Monica

Rispondi
Monica Nardella 19 Aprile 2016 - 11:02

E’ una città bellissima dove spero di tornare presto perché – ad esempio – la Venaria e Stupinigi non sono riuscita a vederli!

Rispondi
MIchela 15 Aprile 2016 - 10:22

Utilissimo articolo, dato che sto pensando di organizzarmi per fare un weekend a Torino a Luglio!!
Grazie 😀

Rispondi
Monica Nardella 15 Aprile 2016 - 10:23

Se vuoi muoverti in zona San Salvario, invece, leggi l’altro articolo che ho linkato 😀 [e quando tornerai, fammi sapere cosa ne pensi!]

Rispondi

Lascia un commento