Home » Lo scaffale di TDM » Lo Scaffale di TDM: Gabriela, Flor, Teresa… le nostre guide a Bahia.

Lo Scaffale di TDM: Gabriela, Flor, Teresa… le nostre guide a Bahia.

Le donne di Salvador de Bahia

Oh Brasil! Tanto sei grande, pieno di meraviglie e contrasti, quanto, proprio per tale ragione, è difficile individuare il tuo cuore. Dov’è il tuo cuore, Brasile? Solo un guida capace potrà svelarti ai nostri occhi europei, di viaggiatori curiosi ed insaziabili.

L’autore che seguiremo è il formidabile e prolifico Jorge Amado; grazie a lui, avremo modo di conoscere una delle regioni più interessanti della terra “verde oro”: Bahia. Già, perché la produzione letteraria di Amado ha come fulcro proprio questa parte del Brasile.

Tuttavia, la voce di Jorge sarà il mezzo attraverso il quale prenderanno vita le nostre vere guide nel paese, si tratta di tre magnifiche donne.

La prima è Gabriela, con lei entreremo in contatto con una parte del territorio Bahiense poco conosciuto. La donna dalla pelle color cannella, viene dalla povera regione tropicale dell’ovest di Bahia, ma è ad Ilheus che il suo amore per Nacib incrocerà la vita e la lotta dei lavoratori “del cacao”, in una trama tanto appassionante quanto semplice.

Chi ha già letto Amado conosce quale importanza riveste per l’autore il racconto delle vite dei lavoratori, dei poveri con le loro dinamiche. Affresco sociale e storia d’amore Gabriella, garofano e cannella, come nel precedente romanzo Cacao (che era anche intensamente autobiografico), pur trattando temi spesso non facili, si eleva grazie alla maestria di Jorge in un racconto affascinante, davvero godibile.

In qualche modo, volendo avvicinare queste opere ad un autore europeo, il primo parallelo, pur con le dovute e radicali differenze, è Zola con il ciclo Rougon-Macquart.

le donne di Salvador de Bahia

Le donne di Salvador de Bahia | foto Lapidim

Salvador… la Roma negra, la capoeira, il carnevale! Città incredibile e viscerale Salvador, già capitale del Brasile. In questo luogo magico si trova il concentrato, l’essenza, di tutto il paese. Seguendo Flor, o meglio, Dona Flor, entreremo in contatto con la vita dei quartieri e con tanti personaggi, tutti perfettamente rappresentati.

E’ un’opera, Dona Flor e i suoi due mariti, spassosa, non priva di tanti momenti di riflessione, come tipico di Amado. Sopratutto però, si tratta di un romanzo divertente. Quanti uomini strizzeranno l’occhio al “picaro” Vadinho (il primo marito) e quante donne si sentiranno vicine a Flor?

Comunque tutti i lettori resteranno affascinati da un racconto, colorato, fresco e che non si dimentica. Inoltre, potrà far piacere conoscere alcune ricette di cucina spiegate da Flor in persona. Piatti che possono essere replicati per accompagnare la lettura in un viaggio a più dimensioni; oppure trovandosi dalle parti di Salvador, si potrà intercettarli in un buon ristorante.

L’avventura di Teresa, Teresa Batista stanca di guerra, è un saliscendi di emozioni, seguendola visiteremo zone del paese non ancora esplorate negli altri romanzi, poi torneremo nel Sertao già scoperto con Gabriela, per chiudere il cerchio entrando nelle viscere di una Salvador “torrida”.

La storia di Teresa, è un grande romanzo di amore e ricerca della felicità, di accusa verso il potere e di intense emozioni dove prostitute, marinai, borghesi, signori e sfruttatori, paesaggi naturali e città, strade, piazze e case, compongono un quadro sincretistico nel quale si specchia un intero paese e, forse, andando oltre, l’intero continente sudamericano.

In un certo senso, si stacca dai precedenti romanzi pur mantenendo integro quello stile vivacissimo che ha determinato, almeno in parte, la fama dell’autore. Amado ha scritto molti libri, romanzi e saggi. È il cantore di Baiha per antonomasia ed una delle più grandi penne del Brasile.

È anche uno di quelli che proprio ce piacciono! Qui abbiamo privilegiato una strada “particolare” per seguirlo, ma in futuro torneremo ad incontrare Jorge e la sua opera.

Ormai classici della cinematografia “carioca” sono i film di Bruno Barreto che hanno portato sullo schermo i romanzi di Amado. Nel ’76 Dona Flor, nel ’83 Gabriela, entrambi interpretati da Sonia Braga. Tutti i libri sono pubblicati, tra gli altri, da Einaudi e Garzanti.

Alla prossima. M.I.

La chicca: due mete per respirare lo spirito più genuino dello stato di Bahia? Trancoso, il villaggio coloniale con le spiagge più belle del BrasileLençois, la città coloniale nella Chapada Diamantina!

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento