Home » Italia » Sicilia » Infiorata di Noto 2014: la capitale del barocco siciliano!

Infiorata di Noto 2014: la capitale del barocco siciliano!

Cattedrale di Noto Sicilia
Infiorata di Noto Sicilia
foto | Domenica Prinzivalli


Appuntamento a Noto, dal 16 al 18 maggio 2014, per salutare la Primavera con la XXXV edizione dell’Infiorata! Noi abbiamo avuto la fortuna di visitare la città simbolo del barocco siciliano durante il viaggio on the road della Sicilia Orientale da Siracusa a Capopassero. La nostra opinione? Assolutamente da vedere! Noto, annoverata – a ragione – dall’Unesco nel patrimonio culturale dell’Umanità dal 2002, è un vero gioiellino nato dalle ceneri della città vecchia, completamente rasa al suolo dal devastante terremoto del 1693. 

Cattedrale e Palazzo Ducezio - Foto TuristadiMestiere

Infiorata di Noto Sicilia
foto | Domenica Prinzivalli

La Noto che il mondo ci invidia venne ricostruita -a 8 chilometri circa- col gusto allora imperante, con una pietra arenaria giallognola capace di conferirle un fascino sempre diverso a seconda dell’ora del giorno. La scelta di edificare i palazzi, seguendo un orientamento specifico, permette ai raggi del sole di colpirne le facciate con un effetto straordinario soprattutto al tramonto, quando la pietra si colora di arancio! L’Infiorata rappresenta per i siciliani e per i turisti (soprattutto stranieri) una tradizione estremamente suggestiva, pur essendo stata ereditata da Roma. I “quadri floreali” vennero realizzati infatti per la prima volta in Vaticano, in pieno barocco, per celebrare la festività dei patroni Pietro e Paolo, il 29 giugno del 1625. Paradossalmente, l’usanza del mosaico realizzato con i petali si perse quasi subito a Roma mentre si radicò fortemente nei castelli romani: ed è proprio grazie allo scambio tra gli infioratori di Genzano e quelli di Noto, che ben 35 anni fa nacque l’Infiorata netina! Il tappeto floreale che ogni anno arreda via Corrado Nicolaci attira frotte di turisti che si incolonnano nei corridoi laterali, in attenta contemplazione dei 16 riquadri (6 metri x 4 metri) che si susseguono lungo un leggero pendio. 

Infiorata di Noto Sicilia
foto | Angelo Failla

Da qualche anno, la curiosità verso una delle manifestazioni più scenografiche e colorate dell’isola, ha fatto sì che l’appuntamento si estendesse dalla terza domenica di maggio al week end fino a intrattenere residenti e turisti per l’intera settimana con tanti appuntamenti collaterali quali mostre d’arte, esibizioni, fiere di prodotti locali, raduni di auto d’epoca e di camperisti e, soprattutto, l’interessante Corteo Barocco, la parata che racconta i fasti delle famiglie che hanno contribuito a fare la storia di Noto a cui si può assistere la domenica. 

Infiorata-di-Noto-Palazzo-Nicolaci-Sicilia
foto | Pietro

Per rendere l’Infiorata sempre attuale, pur utilizzando uno stile “pittorico” risalente al ‘600, viene scelto ogni anno un tema diverso: per l’edizione 2014 è previsto un Omaggio alla Russia. Senza nulla togliere alla maestria degli infioratori isolani, a rendere l’evento davvero unico è la “cornice”, accuratamente scelta nel 1980 dai genzanesi per la prima edizione. La via, lunga più di un centinaio di metri, è stretta tra la Chiesa di Montevergini, a monte, con la bella facciata convessa, e diversi palazzi barocchi tra cui Villadorata, il palazzo del principe Nicolaci, i cui balconi sono considerati – pensate – “i più belli del mondo”! 

Infiorata di Noto - Chiesa di Montevergini - Sicilia
foto | Domenica Prinzivalli

Andare a Noto qualche giorno prima delle date clou dell’Infiorata vi permetterà di scoprire la città in un clima più disteso: vi consigliamo di visitare proprio Palazzo Nicolaci (riaperto al pubblico dopo un importante restauro), la Chiesa di San Francesco, la Cattedrale dedicata a San Nicolò, la Sala degli Specchi presso Palazzo Ducezio, il Monastero di Santa Chiara e i Musei della Villa del Tellaro, l’antica residenza romana scoperta nel 1971 distante una decina di chilometri. 

Impossibile non apprezzare, proprio all’ingresso della città, la neoclassica Porta Reale, un arco di trionfo edificato in onore di Ferdinando II di Borbone in visita alla città a metà ‘800.

Come arrivare a Noto: se vi spostate con l’aereo, vi suggeriamo di atterrare all’aeroporto Fontanarossa di Catania (distante 80 km circa) e di noleggiare un’auto o di prendere un treno. In auto, potrete prendere la A18 ME-CT-SR e l’A19 PA-CT-SR e uscire a Cassibile. Da qui, imboccare la Strada Statale 115 fino a Noto. Con il treno, dovrete arrivare prima alla Stazione Centrale di Catania, prendere un regionale o un intercity per Siracusa e quindi un regionale per Noto (tempo del viaggio 2 ore e 30 minuti circa).



Dove dormire a Noto: Noto è una città in cui abbiamo spesso utilizzato il termine opulenza per esprimere la ricchezza e l’eleganza dei suoi edifici, dei monumenti e persino dei suoi giardini. Il nostro consiglio è quindi di alloggiare in una struttura di charme o in un boutique hotel che abbiano preservato l’antica ricercatezza facendovi fare un salto nel passato della Noto barocca. Una selezione molto particolare potete trovarla sul portale Italy Traveller: vi sentirete principi per una notte! 

Info utili
Cattedrale di NotoCorso Vittorio Emanuele; orari visita: 9-13 e 15-20.
Chiesa di Santa Chiara:  Corso Vittorio Emanuele; orari: variano in base alle stagioni; prezzi: 1,50€.
Chiesa di San Francesco all’Immacolata
Corso Vittorio Emanuele 142. 
Palazzo DucezioPiazza Trigona; 
orari: da lunedì a domenica 9.30-13 e 15-16.30; prezzi: 2€.
Palazzo NicolaciVia Nicolaci; orari: dal lunedì a domenica: 10-13 e 15-17-30; prezzi: 4€.
Villa Romana del Tellaro: orari dal lunedì alla domenica dalle 9 alle 19; prezzi: 6€.

Cattedrale di Noto - Sicilia

La chicca: gli amanti della natura, dopo aver fatto il pieno di cultura e arte, potranno visitare la Riserva Naturale Orientata di Vendicari: un’oasi dove praticare il bird-watching, fare un bagno nell’acqua più cristallina della riserva nella spiaggia di Calamosche e ammirare le Saline, riscoprendo, ancora una volta, quanto la vita dei siciliani sia strettamente connessa al mare. Qui infatti, si trovano anche i ruderi dell’antica (e assai fotogenica) tonnara! 

POTREBBERO INTERESSARTI...

1 commento

libero 7 Maggio 2015 - 21:38

beautiful please

Rispondi

Lascia un commento