Home » Italia » Sardegna » Sardegna: spiagge a pagamento e a numero chiuso

Sardegna: spiagge a pagamento e a numero chiuso

Spiagge a pagamento e a numero chiuso in Sardegna

la torre pelosa stintino

Spiagge della Sardegna a pagamento? Ebbene sì, per tutelare i fragili ecosistemi di queste calette prese letteralmente d’assalto d’estate, le amministrazioni hanno deciso di istituire un numero chiuso. Per alcune, è previsto anche il pagamento di un ticket d’accesso al fine di contribuire ai costi di gestione.

Spiagge della Sardegna a numero chiuso e a pagamento

La Pelosa – Stintino

Max 1500 persone dal 1 giugno al 30 settembre. E’ necessario prenotare l’ingresso (giornaliero o a seconda della durata della propria vacanza) sul sito: https://www.lapelosastintino.com/home.

Il costo è di 3,50€ a bagnante (adulto); gratis i bambini under 12. Il parcheggio dell’auto è a parte.

Leggi anche Cosa fare e vedere a Porto Torres

Punta Molentis – Riu Trottu e Porto Sa Ruxi – Villasimius

Non è prevista prenotazione quindi conviene arrivare al mattino presto:

  • Punta Molentis max 500 persone
  • Riu Trottu max 150
  • Porto Sa Ruxi max 450 persone

Il punto di accesso via terra (quello via mare sarà presto regolamentato) è tramite il parcheggio che ha un costo di 10€ ad auto (6€ dopo le 16) + 1€ a bagnante (adulto; gratis i bambini fino a 6 anni). I camper pagano 15€; le moto 5€; le bici e i pedoni 3€.

Punta Molentis è una delle perle di Villasimius (e di tutto il sud della Sardegna). Si trova lungo la provinciale panoramica che porta a Castidas e  Costa Rei. Questa meravigliosa spiaggia si distingue per la sua sabbia bianca e il suo mare cristallino a cui fa da contrasto una vecchia cava di granito. Punta Molentis è suddivisa in varie calette dove troverete la presenza della splendida macchia mediterranea e bellissimi cactus (se siete fortunati li troverete in fiore).

In passato sono stati girati, proprio in questa spiaggia della Sardegna, diversi spot televisivi

Vicino a Punta Molentis si trova la spiaggia Rio Trottu. Anche qui il mare è cristallino e dirada verso il verde, mentre sia la spiaggia che i fondali sono caratterizzati dalla presenza di ciottoli arrotondati di piccole  e medie dimensioni. Dalla spiaggia si può godere della vista dell’Isola dei Cavoli e di Capo Carbonara.

Porto Sa Ruxi è una meraviglia autentica, con le sue spiagge divise da scogliere basse che variano di dimensione a seconda delle maree. La spiaggia è ben protetta dai venti e i suoi fondali bassi ne fanno il luogo ideale per un bagno con i bambini più piccoli. Se siete amanti delle immersioni, qui potrete divertirvi parecchio, grazie alla presenza di moltissimi animali marini.

Cala Mariolu – Baunei

Max 650 persone, si può restare per un massimo di 2 ore.

spiagga della sardegna cala mariolu

Spiagga della Sardegna Cala Mariolu

Cala Mariolu è considerata la “perla” di Orosei (ed è una delle più belle spiagge della Sardegna) e a ragione. Si trova sulla costa centro orientale della Sardegna. La spiaggia è caratterizzata dalla presenza di sassolini bianchi e rosa, mentre il mare è di un cristallino impressionante. Cala Mariolu è circondata da una falesia che raggiunge i 500 metri e questo fa si che sia raggiungibile solo da terra attraverso un sentiero tutt’altro che agevole (almeno per chi non è abituato a questo tipo di passeggiate).

Tra le spiagge della Sardegna, questa è una delle più famose e rinomate.

Una curiosità sul nome: Cala Mariolu si chiama così perché in tempi passati pare ci fosse una foca monaca che rubava i pesci dalle reti dei pescatori i quali la chiamavano “mariola” (ladra).

Cala Goloritzé

Max 250 persone. E’ richiesta la prenotazione tramite l’app ‘Heart of Sardinia‘, scaricabile sullo smartphone a partire da 72 ore fino a un minuto prima dell’arrivo. Il costo è di 6€ (sono previste riduzioni per i bambini) e si può saldare con paypal o carta di credito.

Cala Goloritzé è una spiaggia incontaminata dove il mare incontra le montagne ed è stata eletta monumento nazionale nel 1995. Viene considerata una delle 10 spiagge più belle d’Italia. La spiaggia di ciottoli levigati bianchissimi e il mare cristallino, alimentato da sorgenti sottomarine, la rendono un autentico capolavoro della natura.

Spiagge della Sardegna a numero chiuso

Spiaggia di Tuerredda – Teulada: max  1100 persone

La Spiaggia di Tueredda è stata inserita nella lista dei capolavori del Mediterraneo dalle riviste specializzate. Viene anche definita il gioiello del sud-ovest della Sardegna. Qui troverete un mix di mare cristallino, sabbia soffice e profumi mediterranei per una balneazione a dir poco paradisiaca.

La spiaggia, grazie alla sua posizione, gode di un mare quasi sempre calmo e al riparo dai venti. Ideale per gli amanti dello snorkeling che potranno ammirare moltissime specie di pesci, per niente timidi.

Con il numero chiuso, può accogliere un massimo di 1100 persone.

Cala Birìala e Cala dei Gabbiani – Baunei: rispettivamente max 300 e 350 persone

Cala Birìala è una piccola spiaggia di origine franosa che si apre sotto una parete di arenaria. È raggiungibile anche via terra, ma la via preferenziale è il mare, grazie al servizio navetta giornaliero (solo durante il periodo estivo) con partenze da Cala Gonone, Arbatax e Santa Maria Navarrese. Con il numero chiuso può accogliere al massimo 300 persone.

Cala dei Gabbiani è un’altra meravigliosa spiaggia dell’est della Sardegna, che soffre un pochino la fama della vicina Cala Mariolu. In realtà questa spiaggia presenta le stesse identiche caratteristiche della sorella più famosa e vale la pena visitarla, godendosela durante una bella giornata al mare. A numero chiuso, Cala dei Gabbiani, accoglie al massimo 350 persone.

Santa Maria Navarrese – Baunei: max 1300 persone

Santa Maria Navarrese può essere  considerata il punto strategico dove stare per godersi alcune delle più belle spiagge della Sardegna in zona: Cala Sisine, Cala Mariolu, Cala Follò, Cala Goloritzè e la bellissima Cala Luna (una delle spiagge della Sardegna più belle in assoluto di tutto il Mar Mediterraneo).

Cala Sisine – Baunei: max 1600 persone

Cala Sisine Sardegna

Cala Sisine Sardegna – Credits: Ivan Sgualdini. License: CC BY-NC-SA

Cala Sisine è una spiaggia larga ben 200 metri, appare quasi incastonata tra le coste rocciose circostanti. Il mare va dall’ azzurro al turchese e i fondali sono bianchi, grazie alla presenza di sassolini rotondeggianti.

Questa meraviglia della Sardegna è raggiungibile tramite il servizio di trasporto di imbarcazioni private che partono da Cala Gonone, Arbatax e Santa Maria, ma se si è esperti di trekking, è possibile raggiungerla anche a piedi attraverso percorsi segnalati. Una volta arrivati, si potrà usufruire anche di un punto ristoro.

Regole di accesso e balneazione

In quasi tutte le spiagge soggette a restrizioni vigono anche specifiche regole (che anche se non fossero scritte, dovrebbero essere comunque rientrare nel senso civile dei bagnanti).

  • Divieto di fumare fuori dalle aeree autorizzate e delimitate
  • Gli animali non sono ammessi se non negli spazi autorizzati e delimitati
  • E’ vietato portare via sabbia, ghiaia, ciottoli, conchiglie e via dicendo
  • E’ vietato introdurre e utilizzare in spiaggia sacchetti, contenitori e stoviglie monouso in plastica o altro materiale non biodegradabile

Le sanzioni ove previste, vanno da 25 a 500 euro.

In questo articolo troverete tante info utili per risparmiare per una vacanza o un weekend lowcost in Sardegna!

[articolo in continuo aggiornamento su segnalazione]

POTREBBERO INTERESSARTI...

4 commenti

Simone 6 Luglio 2022 - 18:53

Io vieterei anche di fumare….e in tutte le spiagge!

Rispondi
Monica Nardella 7 Luglio 2022 - 19:35

Guarda, con me sfondi una porta aperta. Per me dovrebbero vietare il fumo ovunque ^^

Rispondi
Nicola 13 Giugno 2022 - 14:18

E’vieteto respirare??

Rispondi
Monica Nardella 14 Giugno 2022 - 10:42

Ah no, almeno quello è consentito! Respiriamo iodio a pieni polmoni!

Rispondi

Lascia un commento