Home » Diari di Viaggio » Islas del Rosario, Colombia

Islas del Rosario, Colombia

Islas Rosario Colombia sea

Volendo fare un’estensione mare in Colombia, dove andare? Com’è il mare di Cartagena? Dove sono le spiagge più belle?

Durante il nostro viaggio in Colombia ad agosto, dopo il Tour nel Triangolo del Caffè e tappe strategiche nelle città (cosa vedere a Medellin e cosa vedere a Cartagena) abbiamo voluto fare un’estensione mare in Colombia.

Tra le varie possibilità, escludendo il mare di Cartagena (che non è bello) e l’isola di San Andres (che è splendida ma troppo lontana, avremmo dovuto prendere altri due aerei) ci siamo concessi qualche giorno di puro relax nell’arcipelago del Rosario, conosciuto come Islas del Rosario, in pieno mar dei Caraibi.

L’arcipelago conta 27 isolette di barriera corallina e dal 1977 vi è stato istituito un Parco Nazionale, il Corales del Rosario, per tutelare lo straordinario patrimonio naturale di animali e piante indigene (molluschi, coralli, alghe, crostacei, pesci e uccelli marini). Le isole più grandi sono Isla Grande e Isla del Rosario.

 

Houses-Cartagena-Bay

Le ultime casette nella Baia di Cartagena

 

Come arrivare sulle Islas del Rosario

Isla Grande è il punto di approdo sull’isola dei turisti che scelgono di fare il one day trip. Una lancia parte tutti i giorni dal molo La Bodeguita di Cartagena e vi fa rientro nel primo pomeriggio.

Noi consigliamo di affidarsi alle imbarcazioni ufficiali perché a fronte di un biglietto più costoso (spesso comprensivo anche del pranzo), viaggiano in assoluta sicurezza a dispetto dei pescatori che a volte azzardano partenze sulle loro piccole lance anche quando il mare è agitato.

Tenete infatti sempre presente che le acque all’interno della baia di Cartagena sono tranquille ma superata la Isla de Tierra Bomba viaggerete per circa un’ora nell’oceano, costeggiando solo per un primo tratto l’isola di Barù.

Dove dormire e cosa mangiare sulle Islas del Rosario

Noi abbiamo scelto di alloggiare a Isla Grande perché convivono, in perfetto equilibrio, tre ecosistemi: mangrovie, boschi tropicali e lagune costiere.

Tra le varie possibilità, la scelta è ricaduta sul San Pedro de Majagua, un resort incastonato tra mare, bosco e laguna che offre bungalow panoramici, ristorante, due spiaggette private e un centro diving.

 

Dove-dormire-Islas-Rosario

L’interno del nostro bungalow

Dove-dormire-Islas-Rosario-

Il panorama dal bungalow

Dove-dormire-Islas-Rosario-Colombia

Il patio del nostro bungalow

Il nostro bungalow era in prima fila (a discreta distanza dagli spazi comuni quindi la privacy e il silenzio erano garantiti), ampio, pulito e dotato di aria condizionata. Il menù del ristorante non è molto vario quindi se si alloggia per più giorni c’è il rischio di stancarsi e desiderare altri sapori.

Consigliamo quindi di diversificare almeno a pranzo, facendo escursioni con i pescatori che vi abborderanno via mare, direttamente dalle loro barchette.

Vi mostreranno il pescato del giorno e vi inviteranno a salire a bordo. Per la nostra esperienza, ci sentiamo di consigliarvi di accettare senza alcuna esitazione perché sono giovani che vivono di turismo e faranno di tutto per accontentarvi.

 

Cosa-mangiare-Colombia-pesce

Pescato del giorno da mangiare arrosto

Islas-Rosario-Colombia

Islas del Rosario

Noi ad esempio abbiamo trascorso due bellissime giornate tra gli isolotti, lagune, piscine naturali prima di approdare in calette riservate appositamente per noi dove in pochi minuti hanno sistemato un tavolino con le sedie e cucinato alla brace quello che abbiamo scelto dal pescato del giorno (aragoste, crostacei, pesci) con contorni a base di riso, insalata e platano fritto.

Il pescatore entrambe le volte ci ha lasciati soli e ogni tanto tornava per chiedere se avessimo bisogno di altro: cosa chiedere di più?

 

Islas-del-Rosario-Colombia-

Il nostro tavolino “riservato” nella caletta

In fase di contrattazione avremmo potuto spuntare un prezzo migliore ma crediamo che non solo il paradiso valga 80$  ma li valga senza dubbio il lavoro di questi pescatori.

Pensate che il nostro, la notte precedente all’escursione, ha avuto un incidente che gli è costato una decina di punti in testa.

Sarebbe dovuto andare a Cartagena per un controllo più approfondito e comunque non esporsi al sole perché era sotto antibiotico e invece, per non perdere il guadagno della giornata, ha confermato il nostro tour.

 

Cosa-mangiare-Colombia-pesce

Pranzo a base di pesce vista paradiso

Questa breve parentesi per ricordarvi di non essere degli sprovveduti in vacanza, spendendo più del dovuto, ma neppure di dimenticare il rispetto per la gente del posto che lavora per rendere la vostra vacanza più speciale.

Tra l’altro, siccome sull’isola non esistono bancomat (ricordatevelo prima di partire perché in hotel potete pagare con le carte di credito e debito ma per escursioni, mance o piccole spese dovrete dotarvi di moneta locale), abbiamo avuto la possibilità di pagare le escursioni in dollari, affibbiando a questi ragazzi anche l’onere e le spese del cambio (ci sembra di aver capito che un’attività molto proficua sia proprio quella di cambiare le valute straniere per conto dei pescatori da parte di personaggi che fanno la spola quotidianamente su Cartagena).

Dal resort partono dei sentieri che vi conducono nel centro dell’isola dove si trovano un paio di negozietti molto (molto) basic dove dovrete sperare di trovare quello che vi serve.

Non ci sono molte indicazioni ma è quasi impossibile perdersi anche perché ci sono abitazioni lungo il percorso.

Islas-Rosario-Colombia-Sunset

I tramonti della Colombia [la casa sulla sinistra è di Fernando Botero]

Nota: abbiamo sentito clienti polemizzare sul wifi (eccellente negli spazi comuni) e sui rumori notturni degli animali. Se l’idea di sentire un’iguana (il timido e innocuo Pepito!) che passeggia per il resort vi atterrisce o se invece di godervi il mar dei caraibi preferite stare nel bungalow a scorrere la timeline dei vostri social, allora lasciate perdere il San Pedro de Majagua e molti altri alloggi esotici e visitate una città metropolitana!

POTREBBERO INTERESSARTI...

1 commento

Ermanno De Vivo 21 Ottobre 2016 - 2:54

Ciao Monica, volevo chiederti se per caso sai l’altopino della torre del diavolo a quanti metri quadrati ammonta. Tutti parlano della sua latezza ma nessunoo della sua “larghezza” e questo lo trovo moto stranoanche se penso di saperne il motivo. Puoi darmi questa informazione o nel caso procurarmela? Ho girato in lungo e in largo ma non ne ho trovato traccia. Ciao, e buon viaggio.

Rispondi

Lascia un commento