Home » Asia » Cina » Huashan: il trekking più pauroso al mondo!

Huashan: il trekking più pauroso al mondo!

Huashan China Thousand feet

Oggi vogliamo mettere alla prova il vostro coraggio portandovi sul monte Hua (o HuaShan) una delle 5 montagne sacre della Cina, nella provincia di Shaanxi.

Il Monte Hua

Meta di pellegrinaggio di buddisti e taoisti, questa scalata è vietata ai deboli di cuore: mentre la parte settentrionale è raggiungibile in funivia, la parte meridionale è percorribile solo a piedi lungo un percorso mozzafiato (e a tratti spaventoso) che non sempre contempla barriere protettive, al contrario!

Il vero problema, infatti non sono i 2.160 metri di altitudine: ripide scalinate, sentieri verticali, scalini scavati nella roccia e passaggi ridotti a semplici tavole di legno su cui si può camminare in una sola direzione sono il vero incubo di questa impresa (Changong Zhandao è il tratto incriminato: 4 metri per 30 centimetri di terrore)! Poco importa – secondo noi – se gli avventurosi turisti sono assicurati da imbragature e possono usare catene come corrimano: l’inquietante assenza di parapetti rende la passeggiata costantemente a strapiombo nel vuoto davvero terrificante! Direte voi: ma questa è un’esperienza riservata ad espertissimi climbers! No.

Parete a Strapiombo Monte Hua

Parete a Strapiombo Monte Hua

Semplici escursionisti si cimentano nell’impresa per ragioni più propriamente religiose (o per sconsiderata imprudenza). Nella valle, come dicevamo, si trovano 5 cime sacre e in tutte, sulla sommità meridionale, si trova la casa del tè. La montagna di Huashan a sua volta è composta da 5 picchi quasi a rappresentare un fiore: i punti di sosta (proprio quelli spaventosi di cui parlavamo prima) ne rappresentano i petali. Huashan, letteralmente, significa fiore di montagna. Detta così, questo massiccio potrebbe quasi diventare poetico ma vi invitiamo a non sottovalutare la scelta di una simile peripezia perché fonti non ufficiali parlano di un centinaio di vittime ogni anno, causate da distrazione e, forse, eccessiva audacia.
Come arrivare: il sito è raggiungibile in treno da diverse città (Datong, Zhengzhou, Luoyang) con arrivo nella stazione Nord di Hua Shan. Tempi di percorrenza e prezzi chiaramente variano a seconda della stazione di partenza ma siccome di solito i viaggiatori giungono da Xi’an (famosa per l’esercito di terracotta) è utile segnalare che il viaggio – su treno alta velocità – dura massimo 45 minuti e il prezzo si aggira sui 55 Yuan. Dalla stazione, si deve prendere un minibus o un taxi. Da Xi’an parte anche un autobus ma i tempi si allungano, soprattutto in considerazione del fatto che i mezzi partono solo quando sono pieni.

Il percorso

Il percorso

Prezzi: le tariffe per il “trekking” variano a seconda della stagione: marzo-novembre 180 yuan (circa 21€); dicembre-febbraio 100 yuan (circa 12€). Il biglietto vale due giorni.
Di solito, si arriva alla cima Nord con la funivia (o una spettacolare passeggiata che comprende la Scala Celeste) e da lì si raggiunge la cima Sud (quella “incriminata”). Il biglietto dura due giorni perché il parco è enorme e i sentieri richiedono un tempo minimo di percorrenza. Durante l’alta stagione è affollatissimo e quindi vanno considerate anche le code per salire sulla funivia (pari a 2 ore) o per completare alcuni tratti intermedi (tipo quello in cui è consentito il transito in fila indiana). La chicca: c’è un percorso che viene chiamato a “orecchio radente” perché l’unico modo per affrontarlo è con il viso molto vicino alla parete rocciosa…. brrrrr!

Nella provincia di Shaanxi vi consigliamo di vedere anche i 50.000 Buddha di Yungang!
Articolo redatto da L.C.

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento