Home » Padula: frittata dalle mille uova.

Padula: frittata dalle mille uova.

Certosa di Padula
Questo post nasce da una chiacchierata con una persona a me sconosciuta che ha lasciato un’impronta sul mio cuore per il coraggio e la tenacia che la caratterizzano. L’incontro è stato in ospedale, eravamo io ed i miei compagni dal naso rosso e lei con la sua mamma e la sua malattia: 27 anni più o meno, un trapianto e un’energia da invidiare! Non conosco il nome, ma ricordo benissimo il suo volto e quello della mamma che rideva di cuore. Lei vive a Padula, in provincia di Salerno, ed è innamorata della sua terra.

Tra le varie cose, ci ha raccontato anche della “Frittata dalle mille uova”: non strabuzzate gli occhi, avete capito bene, proprio mille! La storia è ambientata più di 500 anni fa e narra del Re Carlo V di Spagna che, tornato vittorioso dalla battaglia di Tunisi, decise di rilassarsi con le sue truppe a Padula, presso la Certosa di San Lorenzo. I monaci, colpiti dall’umiltà del Re, decisero di festeggiarlo preparando in suo onore un lauto pasto ed una enorme frittata da mille uova che divenne da subito uno degli aspetti caratteristici della città di Padula. Realtà o leggenda creano il presupposto per la rievocazione storica “Padula in festa per Carlo V: la frittata dalle mille uova”, organizzata dall’Associazione Turistica Pro Loco Padula.

Il prossimo 10 agosto, alle ore 21,00 presso la corte esterna della Certosa di San Lorenzo, attori in costume e figuranti daranno vita a questa “insolita tradizione” che richiama turisti da tutta L’Italia e non solo, incuriositi dalla realizzazione di questa frittata da Guinness. La “padella” che viene utilizzata, manovrata da 8 persone, è costruita sulla base di principi leonardeschi grazie ai quali può essere facilmente rigirata con appositi tiranti, per evitare che la frittata bruci con grande disappunto dei presenti!

Io non potrò esserci ma il pensiero di sicuro andrà a questa cara ragazza ed alla sua grande voglia di vivere: con le dita incrociate e con il cuore speranzoso mi auguro che per quella data sia uscita dall’ospedale e sia pronta a mangiare un pezzo di frittata anche per me! La chicca: presso la Certosa – la più grande d’Italia e dichiarata patrimonio Unesco nel 1998, proprio ieri, è stata inaugurata la mostra “Storie certosine”, un allestimento caratterizzato da 4 dipinti provenienti dalla Certosa di San Martino  di Napoli che raccontano la vita dei certosini tra le quattro mura del monastero. 



Quando: dal 2 agosto al 31 ottobre 2012
Indirizzo: presso l’Appartamento del Priore
Orari: tutti i giorni dalle 9 alle 19.30 – ultimo ingresso alle 19 (chiuso il martedì)
Prezzi: l’accesso alla mostra è gratuito, compreso nel biglietto della Certosa. Ingresso gratuito under 18 e over 65, 2€ dai 18 ai 25 anni, 4€ dai 25 ai 65 anni. 
Articolo redatto da Giulia S.

POTREBBERO INTERESSARTI...

4 commenti

TuristadiMestiere 4 Settembre 2012 - 21:41

@nella: ahahahahahahahah vero!
@pcnews: a me piacciono molto… ma le mangio con moderazione!
@cristine: uhm… ma sai che non riscordo se l’ho più preso il mio premiuccio??? Arrivo!

Rispondi
cristine 3 Agosto 2012 - 22:52

Ciao c’è un premio per te nel mio blog!

Rispondi
pcnewsystems 3 Agosto 2012 - 11:02

Bellissma manifestazione, le uova sono sempre salutari, e fanno bene.

Rispondi
nella 3 Agosto 2012 - 10:27

Indubbiamente un fegato sanissimo e niente colesterolo…

Rispondi

Lascia un commento