Home » Italia » Sicilia » Marzamemi, il borgo arabo a vocazione marinara

Marzamemi, il borgo arabo a vocazione marinara

marzamemi piazza
marzamemi-piazza

Dettagli colorati in piazza Santa Margherita

Marzamemi è un delizioso borgo siciliano in provincia di Siracusa incastonato tra Pachino (la città del pomodorino) e Noto.

Due sono le interpretazioni legate al suo nome: Marsà al hamem (ovvero “Baia delle Tortore”) e “Piccolo Porto”. La sua storia è indissolubilmente legata alla pesca e soprattutto alla tonnara, costruita dagli arabi intorno all’anno mille, e dopo varie vicissitudini, venduta dal proprietario spagnolo al principe di Villadorata, quando la famiglia decise di investire nel settore ittico nel 1630.

marzamemi tonnara porticciolo

La tonnara e il porticciolo di Marzamemi

Nonostante sia stata per molti anni la seconda in Sicilia per importanza (dopo quella di Favignana), la tonnara di Marzamemi è ufficialmente chiusa dal 1969 salvo l’apertura per eventi privati e pubblici della Loggia – ex ricovero degli “scieri”, le grandi barche – e del cortile del Palazzo dei Principi.

La vocazione marinara del borgo è chiara in Piazza Regina Margherita dove il principe fece costruire il suo affascinante Palazzo barocco, la chiesa dedicata al patrono San Francesco di Paola (sconsacrata, è conosciuta anche come Chiesa della Tonnara) e decine di casette basse dei pescatori (oggi restaurate e reiventate come case di villeggiatura o negozietti e localini colorati).

Su questa pittoresca piazza si affaccia anche un’altra chiesa, costruita nel 1936 e inaugurata nel 1948, sempre dedicata al patrono San Francesco.

marzamemi-palazzo-principe-villadorata

Il Palazzo del Principe Villadorata in piazza Regina Margherita

La Chiesa della Tonnara in piazza Regina Margherita

La Chiesa della Tonnara in piazza Regina Margherita

Marzamemi-case-pescatori

Le case dei pescatori di Marzamemi

La Chiesa (nuova) di San Francesco in piazza Regina Margherita

La Chiesa (nuova) di San Francesco in piazza Regina Margherita

marzamemi-vicolo-villadorata-arco

Vicolo di Villadorata e l’arco che lo collega a piazza Regina Margherita

Il borgo ha degli scorci di una fotogenia unica, non solo per i tavolini bianchi e blu che risaltano sulla pietra locale, ma anche per i contrasti di colore lungo la balata (che a luglio diventa il luogo di ritrovo per assistere al Festival del Cinema di Frontiera) e il porticciolo.

La Balata con la caratteristica pavimentazione di lastricati di pietra calcarea di forma rettangolare.

La Balata con la caratteristica pavimentazione di lastricati di pietra calcarea di forma rettangolare.

Marzamemi-isolotto-brancati

Isolotto Brancati

Non potrete non notare Isola Piccola, l’Isolotto Brancati (di proprietà privata) che si staglia di fronte al porto. Sull’isola noterete un villino rosso fatto costruire da raffaele Brancati a inizio ‘900 come dimora estiva per la sua famiglia (e che ospitò anche il più famoso Vitaliano). Marzamemi è tutta qui, attorno alla sua piazza e alla sua storia, fatta di tonno, lavoro, fatica e sudore.

Se volete godervi le spiagge di Marzamemi, a piedi raggiungete la Spiaggia della Spinazza o la Baia del Cavettone. Allontanandovi un pochino, verso nord, incrocerete le spiagge più belle: San Lorenzo, Vendicari, Calamosche.

Tonnara-Vendicari

La Tonnara di Vendicari

A proposito di Vendicari, fate una tappa alla Riserva naturale orientata di Vendicari con la Torre Sveva e l’antica Tonnara.

Se invece amate la natura, scendete ancora. Visitate Pachino, Portopalo di Capopassero (il comune più a sud d’Italia) e ammirate Isola delle Correnti, geograficamente più a sud di Tunisi e luogo in cui si incontrano il Mar Ionio e il Mediterraneo.

isola-delle-correnti

Isola delle Correnti collegata alla terraferma con una passeggiata artificiale

L’isola in realtà è collegata alla terraferma con un braccio artificiale – distrutto ripetutamente dalle onde come si vede in foto – e che emerge con la bassa marea. Se sarete armati di scarpe da scoglio, comunque, potrete raggiungere l’isola a nuoto e fare una passeggiata per vedere il faro in disuso.

POTREBBERO INTERESSARTI...

3 commenti

TuristadiMestiere 11 Novembre 2010 - 9:04

@viaggiare: ciao Chiara, è una zona splendida e magari poco nota, rispetto a città più gettonate.
@lydia: I’m coming to see your site. Thanks!

Rispondi
Lydia 9 Novembre 2010 - 14:23

Hi, nice blog & good post. overall You have beautifully maintained it, you must submit your site for free in this website which really helps to increase your traffic. hope u have a wonderful day & awaiting for more new post. Keep Blogging!

Rispondi
viaggiareconibambini 8 Novembre 2010 - 13:34

Bellissima questa parte della Sicilia ci sono stata l’anno passao e spero di ripoterci tornare ,ciao un saluto Chiara

Rispondi

Lascia un commento