Home » Il gusto di viaggiare » Cosa e dove mangiare alle Seychelles

Cosa e dove mangiare alle Seychelles

Pesce grigliato e insalata di mango vista mare

Cosa e dove mangiare alle Seychelles? Pensione completa, mezza pensione o self catering? Ristoranti o take away? E’ vero che sono isole molto costose (anche) dal punto di vista gastronomico?

Sfatiamo un mito: le Seychelles non sono una meta esclusiva da cui tenersi lontani. Bastano degli accorgimenti e un minimo di buonsenso per regalarsi un viaggio in paradiso senza spendere troppo!

—> Come organizzare un viaggio alle Seychelles a dicembre

La prima decisione da prendere è: resort sulla spiaggia o guesthouse con kitchenette (è cioè con cucina)? Molti viaggiatori propendono per il self catering motivati da un’esigenza di maggiore libertà o da particolari esigenze alimentari ma nella maggior parte dei casi la discriminante nella scelta è il budget a disposizione.

Le guesthouse costano in media tra i 50 e i 70€ a notte mentre i resort di fascia medio alta circa 250€. Optando per alloggi con cucina, si può fare la spesa in uno dei numerosi mini market presenti e, perché no, nel mercato ittico di Victoria dove comprare pesce freschissimo.

Dove mangiare alle Seychelles: resort, self catering, ristoranti o take away?

Dove-dormire-a-Mahe

L’Avani Barbarons Seychelles Resort dalla spiaggia antistante

Quelli che decidono per il resort devono, a loro volta, vedersela tra il pacchetto solo colazione, mezza pensione o pensione completa.

In questi casi, prima di prenotare, consigliamo di visionare menù e prezzi dell’hotel. In base alle vostre abitudini alimentari, al programma del viaggio e, soprattutto, alla presenza nella struttura di diversi ambienti in cui cenare (bar e ristoranti) valutate se preferire piuttosto solo la formula B&B.

Noi abbiamo prenotato una camera ocean view all’Avani Barbarons Seychelles Resort con la sola colazione. Così facendo, abbiamo risparmiato molto semplicemente scegliendo ogni sera se mangiare al ristorante, al bar o al buffet del nostro resort.

La mezza pensione sarebbe costata 600€ a persona – senza bevande – mentre ne abbiamo spesi 280, sempre a persona, compresi cene, pranzi e addirittura bevande!

Tra l’altro, alle Seychelles, le temperature invitano a pranzi light (e non a buffet) e, auspicando escursioni giornaliere che vi facciano uscire dal resort, si può mangiare nei super local take away.

Parliamo di localini dove trovare piatti creoli (abbastanza speziati) con qualche tavolino dove accomodarsi. I piatti proposti (2/3 di carne e altrettanti di pescato del giorno, panini, insalate, in alcuni pasta e addirittura pizza!) non sono sempre gli stessi.

—> Cosa vedere a Mahé

Date un’occhiata ai vassoi esposti al bancone e scegliete! In media, il costo di ciascun piatto oscilla tra i 5 e i 7€ e le porzioni sono abbondanti. Data la natura del locale, non formalizzatevi sul fatto che vi serviranno il pranzo (e quindi tutte le pietanze scelte) in una vaschetta in polistirolo corredata di posate di plastica.

E veniamo ora al nodo cruciale…

Cosa mangiare alle Seychelles?

Cosa-vedere-Mahe-mercato-victoria

Il pescato del giorno in vendita nel mercato di Victoria

Pesce freschissimo per lo più grigliato. Siccome parliamo di una “materia prima” locale, i prezzi non sono alti. Sbizzarritevi tra jobfish (una specie di dentice), red snapper (un enorme dentice rosso), cernia e tonno.

Red Snapper al curry e riso bianco

Red Snapper al curry e riso bianco

Alternative alla griglia, sono la frittura ma, soprattutto, la cottura col curry. Dovete sapere che le spezie sono un regalo dei colonizzatori francesi e inglesi anche se oggi sono stabilmente entrate nella tradizione culinaria del paese. Il curry sechellois tra l’altro, è meno piccante e più delicato nel sapore di quello asiatico perché, quasi a fine cottura, viene amalgamato con il latte di cocco che crea condimenti dalla consistenza cremosa e avvolgente.

Il pesce essiccato – vera prelibatezza locale – viene spesso utilizzato col curry o cucinato col pomodoro, cipolla, aglio e peperoncino con un contorno di riso bianco che stempera un po’ la sapidità del piatto!

Il piatto nazionale è il polpo al curry ma non mancano carni (soprattutto pollo, allevato localmente) e verdure, cucinate in padella con questo mix di spezie e latte di cocco con cui ottenere delle vere ghiottonerie!

cosa-mangiare-seychelles-polpo-curry

Polpo al curry con riso bianco

Capitolo pipistrello. Sì, alle Seychelles in qualche ristorante potreste trovare piatti a base di pipistrello (la specie dell’arcipelago è nota anche come volpe volante). Non molti sono quelli che finiscono con l’ordinarlo quindi anche l’offerta nel tempo si sta diradando. Ad ogni modo, chi lo ha assaggiato (noi no perché non ci è stata proposta questa possibilità sebbene non sappia dirvi oggi cosa avrei fatto nel caso) ammette di averlo trovato buono, con carne molto simile a quella del coniglio.

In generale, questi main course vengono serviti con riso in bianco, melanzane fritte, lenticchie (sono buonissime), chips di patata dolce.

La frutta è quasi tutta di importazione quindi fatevi consigliare per assaggiare (o acquistare) prodotti local.

Cosa-vedere-Mahe-mercato-victoria-

Varietà di banane in vendita nel mercato di Victoria

Sì al breadfruit, il frutto dell’albero del pane propinato in tutti i modi possibili e immaginabili che porta con sé anche la promessa di farvi tornare nell’arcipelago. Sì alla carambola, il frutto stella dal sapore un po’ pungente, che cresce ovunque sulle isole, persino lungo il ciglio delle strade!

Cosa-vedere-Mahe-cocco-a-Port-Glaud

Bere il cocco fresco a Port Glaud non ha prezzo!

Sì al cocco (ma fatevelo tagliare al momento, così da berne il latte e mangiare la polpa allo stato ancora gelatinoso. Non tutti sanno che il cocco che mangiamo noi, bianco e duro, è in realtà già vecchio), banane e ananas.

Cosa bere alle Seychelles

Seybrew-birra-seychelles

La buonissima birra Seybrew prodotta alle Seychelles

Due birre locali (la Seybrew o la Eku) molto amate dai seychellesi che ne sono diventati grandi consumatori (tra i primi al mondo!) e il Takamaka, un rum prodotto a Mahé in piantagioni che si estendono proprio alle spalle della distilleri.

Qui potrete partecipare a una mini degustazione di due assaggi gratuiti o a quella completa (di cinque varietà: white, dark, extra dark, St André, rum all’ananas e al cocco) a pagamento (con 8€ di ticket potete visitare anche l’impianto di distillazione).

Cosa-fare-mahe-degustazione-distilleria-rum

Degustazione di rum presso la Takamaka Distillery

Il vino che potrete degustare è tutto d’importazione: francese o, udite udite, sudafricano!

Tra le bevande da assaggiare anche una delle varietà del Seytè, un tè coltivato nel Morne Seychellois National Park di Mahé (consigliatissima la visita alla Tea Factory). Io ho fatto incetta di tè alla vaniglia, menta, cannella e indian ocean. Purtroppo non ho potuto assaggiare quello alla citronella perché terminato.

Piantagioni di tè vista oceano a Mahé

Piantagioni di tè vista oceano a Mahé

Voi avete assaggiato altri piatti alle Seychelles? Segnalateceli nei commenti!

POTREBBERO INTERESSARTI...

2 commenti

Carlo 27 Febbraio 2020 - 22:20

Ciao Monica. Mi hai fatto proprio venire la voglia di un viaggetto. Leggendo il tuo racconto poi… meno male che non hai mangiato il pipistrello ?. Viste le conseguenze attuali…

Rispondi
Monica Nardella 22 Marzo 2020 - 15:00

Credo che sarei riuscita a mangiarlo solo senza sapere che lo fosse, sebbene ripeto che il pipistrello delle Seychelles è più grande e “carnoso” di quello che conosciamo noi. Tanto che si chiama volpe volante perché la ricorda.

Rispondi

Lascia un commento