Home » Sudamerica » Brasile » Come visitare il Cristo di Rio? In trenino!

Come visitare il Cristo di Rio? In trenino!

Vista Rio Cristo Corcovado

Come visitare il Cristo di Rio, l’icona indiscussa della città (e forse dell’intero Brasile)?

Noi, su consiglio, abbiamo deciso di prendere il Trem do Corcovado, il trenino a cremagliera che si inerpica sul massiccio del Corcovado, la montagna alta oltre 700 metri, da cui svetta il Cristo Redentore, una delle nuove sette meraviglie del mondo e patrimonio dell’umanità insieme al paesaggio carioca.

Come-arrivare-Cristo-Trenino

Il Trem do Corcovado al capolinea in cima

Il trenino si fa strada per quasi 4 chilometri nella lussureggiante mata atlântica (la vegetazione del Parco Nazionale di Tijuca in cui si trova il Corcovado) lungo la ottocentesca Estrada de ferro e raggiunge la cima in 20 minuti circa. Agli inizi del ‘900, con l’avvento della corrente elettrica, il Trem è diventato la prima ferrovia elettrica del Brasile.

Vista dal Trem do Corcovado

La meravigliosa vista dal Trem do Corcovado

Siccome ne partono 3 l’ora (e parliamo di trenini con due vagoni), è opportuno acquistare anticipatamente il biglietto sul sito ufficiale (http://www.tremdocorcovado.rio/). Noi lo abbiamo fatto il giorno prima e siamo stati fortunati a trovare posto perché novembre non è alta stagione. Se partite in periodi di maggiore afflusso turistico, attivatevi per tempo:  scegliete data e ora della “corsa”, acquistate il ticket e stampatene una copia.

Raggiungete quindi il capolinea, in Rua Cosme Velho 513, e mettetevi in coda alla biglietteria per consegnare il voucher in vostro possesso e ottenere un biglietto vero e proprio che dovrete conservare con cura perché vi servirà per il viaggio di ritorno!

Cosa mangiare a Rio de Janeiro?

Siccome la coda per il cambio può essere lunga, consigliamo di arrivare un’oretta prima della partenza prenotata: noi abbiamo fatto una fila di circa mezz’ora e i restanti 30 minuti sono volati tra qualche foto e la salita sul Trem do Corcovado. Consigliamo di sedervi sulla sinistra (entrando nel vagone) perché avrete un panorama splendido sulla città mentre salirete verso la cima.

Cristo-redentore-Rio

Il Cristo Redentore di Rio de Janeiro

Giunti a destinazione, la terza statua più grande del mondo (è alta 30 metri + 8 di basamento), vi accoglierà in tutta la sua imponenza! Gesù, a braccia aperte, sembra voler proteggere tutta Rio e si presta suo malgrado agli scatti dei turisti che cercano disperatamente di immortalarsi con il Redentore.

La statua del Cristo di Rio è stata inaugurata il 12 ottobre del 1931 dal Presidente Getúlio Vargas su impulso del cardinale Joaquim Arcoverde. Il progetto, vinto dall’ingegnere carioca Heitor da Silva Costa, prevedeva una statua con una posa differente. Fu il successore di Arcoverde, il cardinale Leme a proporre una statua imponente e simbolo della cristianità in Brasile. Nel sistema di illuminazione c’è lo zampino dell’Italia: a studiarlo e ad attivarlo da Roma, fu nientemeno che Guglielmo Marconi a cui è dedicata una targa ai piedi della statua che dice:

 

SIENTISTA ITALIANO
CIDADÃO DO MUNDO
QUE DO ENGENHO HUMANO
AFIRMOU O PERENE VALOR,
A VITÓRIA
SOBRE AS DISTÃNCIAS
E ILUMINOU DE ROMA, CIDADE ETERNA,
ESTE SÍMBOLO DO RIO, CIDADE MARAVILHOSA

Prezzi trem do Corcovado (comprensivo dell’accesso al Cristo): 65R$ adulti bassa stagione; 79R$ adulti alta stagione; 51R$ bambini 5-11 anni; gratis bambini fino a 4 anni.

Come visitare il Cristo di Rio: le alternative al trenino

Se avete più premura (sebbene non credo sia possibile di averne più di noi che siamo stati a Rio 3 giorni e mezzo!) prendete un taxi e fatevi accompagnare fino al Centro Visitatori. Da lì, dei minibus vi condurranno al capolinea del treno, in cima. Anche in questo caso, conservate il ticket che vi servirà per tornare indietro.

Cosa fare a Rio de Janeiro?

Prezzi minibus dal Centro Visitatori (comprensivo dell’accesso al Cristo): 28R$ adulti bassa stagione; 41R$ adulti alta stagione; 15R$ bambini 5-11 anni; gratis bambini fino a 4 anni. P.S. i minibus partono anche da altri punti della città come Largo do Machado, Copacabana e Barra da Tijuca (chiaramente i prezzi differiscono in base alle distanze).

Il ritorno, in treno e in minibus, non deve essere prenotato: vi basterà incanalarvi nella fila di riferimento (non sbagliate perché l’attesa può essere lunga e dover ricominciare nell’altra è sicuramente frustrante) e salire a bordo del primo mezzo disponibile.

Panorama-Cristo-Rio

La folla di turisti che si accalca sulla terrazza panoramica

Info utili: tra mezzogiorno e le 14 il sole è praticamente a picco e rischiereste di fare foto al Cristo controluce (oltre che a dover sgomitare per farvi largo nella calca di turisti come è successo a noi). Quindi andate di primo mattino o nel pomeriggio. Il sito è accessibile con comodi ascensori e scale mobili quindi anche persone con difficoltà motorie non dovranno rinunciare alla visita. P.S. NON è necessaria alcuna guida per questa visita quindi investite i vostri soldi piuttosto per il tour in una favela di Rio per capire bene queste realtà (e non un tour-safari, ma uno fatto con una onlus, magari).

Articolo redatto in collaborazione con Alitalia

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento