Home » Italia » Lazio » Estate: weekend a Ventotene

Estate: weekend a Ventotene

Ventotene tramonto santo stefano

L’isola di Ventotene è un microscopico puntino nel mar Tirreno, al largo delle coste del Golfo di Gaeta, facile da visitare a piedi ed in grado di contenere le meraviglie del mondoin un solo aggettivo: magica. Un posto davvero unico e speciale che offre vita sopra e sotto il livello del mare.

Ventotene fa parte dell’arcipelago pontino idealmente suddiviso in due gruppi di isole: a nord-ovest si collocano Ponza, Palmarola, Zannone e Gavi; a sud-est Santo Stefano e, appunto, Ventotene, che risulta essere il comune più meridionale del Lazio.

L’Isola di Ventotene

Grazie alla sua riserva marina, è senz’altro un’isola gettonata dal turismo subacqueo ma offre tanto altroCala Nave, la spiaggia principale dell’isola, deve alla sua origine vulcanica, l’aspetto di una rara perla nera per via della sua fine sabbia scura; altre piccole spiaggette nei dintorni, come Cala Rossano, Parata della Postina, Parata Grande e Calabattaglia sono tutte raggiungibili a piedi e, anche se alcune sono attrezzate, si confondono mantenendo inalterato il paesaggio.

Ventotene-Porto-Romano

Il Porto Romano di Ventotene

poco più di un miglio marino, come dicevo, si trova l’isola di Santo Stefanodominata dall’imponente mole del penitenziario costruito nel 1795, utilizzato come ergastolo modello, su incarico di Ferdinando IV Re di Napoli. Spesso, coloro che ricevevano la grazia e ottenevano la fine della pena, si trasferivano a Ventotene dove potevano continuare a esercitare i mestieri appresi in carcere. Utilizzato fino al 1965, fu poi abbandonatooggi l’isola è disabitata e accessibile al pubblico solo tramite visite guidate in partenza da Ventotene (prima di entusiasmarvi all’idea, però, contattate il Museo Archeologico allo 0771 85345 e verificate che il servizio sia attivo).

Ventotene è per chi ama la semplicità, per chi vuole abbandonare ogni forma di vita quotidiana e perdersi in un’oasi di pace: colorata da una fiorente vegetazione e incorniciata da un mare incredibile, spicca maestosa richiamando migliaia di persone pronte a perdersi nella sua natura incontaminata, nei suoi profumi ancora selvaggi e nelle notti silenziose e stellate ma anche folli e movimentate.

Ventotene-mare

Barche a vela ne abbiamo che solcano il bellissimo mare di Ventotene?

Dove mangiare a Ventotene

Consigliato Il Giardino (Via Olivi 43) se volete gustarvi un aperitivo nelle ultime luci della giornata o a cena, immersi nel verde. Per chi vuole stare in allegria, divertendosi con musica e sorseggiando buonissimi cocktail, una veduta unica sul porto, un panorama mozzafiato, il posto giusto è sicuramente Il Gabbiano a Cala Rossano.

Sembrerà strano ma l’isola non ha una cultura prevalentemente marinara come lascerebbe intendere. In realtà, è molto radicata in quella contadinatant’è che tra i piatti tipici dell’isola spiccano la zuppa di lenticchie (la lenticchia per Ventotene, infatti, è una vera risorsa: basti pensare che negli anni ‘50 veniva addirittura esportata negli Stati Uniti) e uno stufato di verdure chiamato “cianfotta”, preparata soprattutto in primavera e con prodotti autoctoni: patate, piselli, carciofi, asparagi, fave e cipolla. 

Ventotene-Spiaggia-Parata-Grande

Veduta sulla spiaggia di Parata Grande

 

Dove dormire a Ventotene

Consiglio senza riserve il Parata Grande Agriturismo che si trova nella migliore posizione per ammirare indimenticabili albe e tramonti, ma anche per assaporare le prelibatezze che questa splendida terra offre. Antonio insieme al fratello, lo gestiscono con grande professionalità e gentilezza.

Ventotene-porto-romano-

Le casette colorate al Porto Romano

Come arrivare a Ventotene

Per raggiungere l’isola pontina, l’imbarco più comodo è il porto di Formia (il servizio è garantito dalla Laziomar: con la nave si impiegano poco più di due ore; con l’unità veloce, un’ora). Formia è a circa un’ora di treno sia da Roma che da Napoli. Chi si sposta in auto può parcheggiare gratuitamente al Molo Vespucci o in zone a pagamento vicine. Prezzi nave a tratta: 12,30€ adulto; 6,20€ bambini dai 4 ai 12 anni; gratis under 4 anni. I prezzi sono leggermente inferiori in bassa stagione. Prezzi nave a tratta (tutto l’anno, escluso conducente): Auto fino a 4 mt. 33,60€ – Auto oltre 4 mt. 49,50€ – Moto fino a 250 cc 16,80€ – Moto oltre 250 cc 20€. Prezzi unità veloce a tratta (validi tutto l’anno): 17,90€ adulto a tratta; 9€ bambini dai 4 ai 12 anni; gratis under 4 anni. Il bagaglio ha un costo di 1,50€. 

E’ prevista inoltre una tassa di sbarco di 1,50€. 

In alternativa al porto di Formia, i viaggiatori da Roma possono partire anche da Terracina (con Laziomar) e da Anzio (con Vetor). In estate vengono attivati collegamenti da Napoli con Snav. 

Articolo redatto in collaborazione con Marianna Grussu

Leggi anche: Diario di Viaggio a Ponza!

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento