Home » Diari di Viaggio » Diario di viaggio: Ponza e la sua movida

Diario di viaggio: Ponza e la sua movida

Ponza Chiaia di Luna
Chiaia di Luna a Ponza

Chiaia di Luna

Weekend lungo a Ponza

Se avete almeno 3 giorni per un bel week end al mare, non perdete l’occasione di andare a Ponza, la più grande e conosciuta delle isole pontine! Troverete un mare cristallino, delle calette deliziose, un’ottima cucina, una diversificata offerta ricettiva e soprattutto musica, divertimento e tanti giovani!

Come arrivare a Ponza

Innanzitutto, per arrivare:

  • da ANZIO traghetto LAZIOMAR (1h e 45 min) www.laziomar.it o aliscafo VETOR (1h e 10 min)  http://www.vetor.it/;
  • da FORMIA traghetto LAZIOMAR (2h e 30min) www.laziomar.it o aliscafo VETOR (1h e 20 min) http://www.vetor.it/;
  • da NAPOLI aliscafo SNAV (2h e 55 min) www.snav.it;
  • da TERRACINA catamarano NLG www.navlib.it o motonave CARLOFORTE SNAP http://www.snapnavigazione.it/
Passeggiata di Ponza

Passeggiata sul porticciolo

Noi abbiamo scelto, tra le varie opportunità, di partire con l’aliscafo della Vetor (da Formia ore 8.45).

Ci siamo presentati al “check in”, come da richiesta, mezz’ora prima e abbiamo avuto il primo piccolo “intoppo” quando alla biglietteria ci hanno chiesto un supplemento per i bagagli.

Per evitare brutte sorprese, sappiate che è compreso nel biglietto un bagaglio assimilabile a quello che, in aereo, è considerato bagaglio “a mano”. Pertanto, se le misure del vostro sono le stesse, rifiutatevi di versare l’integrazione del biglietto!

L’ora e venti di navigazione è stata perfettamente rispettata. Il porticciolo, dove le case colorate si specchiano nelle acque cristalline, è un piccolo gioiellino.

Frutteria lungo la passeggiata sul porticciolo di Ponza

Frutteria lungo la passeggiata sul porticciolo

Dove Alloggiare a Ponza

Abbiamo alloggiato in un appartamento privato a Santa Maria (dal porto, circa 1 km). Il tragitto è fattibile anche a piedi – purché si abbiano scarpe comode e non si abbiano con sé le valigie! – ma se preferite, potete prendere un taxi che vi chiederà 10 euro, sola andata (tariffa da listino).

La zona ci è sembrata l’ideale perché è molto ben collegata con il porto (dove ci sono tanti locali e la “movida” ponzese) e con la spiaggia di Frontone (da qui partono le barche per la spiaggetta dove di giorno si prende il sole e dalle 17.30 in poi si fa un popolarissimo happy hour!).

In alternativa a una casa privata (i prezzi di giugno si aggirano sui 30 euro a persona al giorno), posso suggerire un residence molto carino ubicato al porto: B&B Casa Carmela.

Spiagge di Ponza

Spiagge di Ponza

Mare e Spiagge di Ponza

Abbiamo scelto la spiaggia di Frontone il giorno dell’arrivo (il venerdì) e quello della partenza (la domenica) per pura comodità.

Il piccolo molo d’imbarco era a 20 metri da casa e quindi ci risultava particolarmente agevole andare lì piuttosto che in una spiaggia più lontana, raggiungibile solo con il motorino o con interminabili discese a mare fatte di centinaia di scalini!

L’acqua, come in tutto il resto dell’isola, è cristallina.

La spiaggia, interamente di ciottoli, è sufficientemente grande per accogliere un buon numero di turisti. Scendendo dal boat taxi (biglietto 4 euro a persona A/R), dirigetevi a destra: è vero che a sinistra è meno popolato, ma ci sarà un motivo! Il sole infatti si nasconde dietro la montagna praticamente tra le 15 e le 16 e la temperatura scende sensibilmente, mentre sul lato opposto si può godere dei benefici raggi solari per almeno un’altra ora e mezza!

Se non volete traslocare alle 15, inseguendo il sole per la vostra tintarella, scegliete fin dal mattino il lato giusto. Magari per pranzo, potete sbirciare il lato sinistro andando a mangiare nel bar ristorante “Tequila”.

Spiaggia di Frontone a Ponza

Spiaggia di Frontone

Cosa mangiare a Ponza

Noi, ordinando una “frisella”, uno spaghetto con le vongole, una minerale e una birra media, abbiamo pagato 25 euro in due, mangiato bene e goduto di un bel panorama (unica nota negativa, il bagno “fuori servizio” per l’intero week end…).

Chi non riuscisse a stare sdraiato sui ciottoli, può affittare un lettino per la modica cifra di 10 euro (indipendentemente dall’orario di arrivo, almeno nel nostro caso): altro motivo per cui suggerisco di sistemarsi sul lato destro, perché sarebbe impossibile spostarsi in un secondo momento con il lettino al seguito e perché c’è un comodissimo stabilimento balneare!

Alle 17.30 inizia l’happy hour. Sulla spiaggia approdano a mano a mano i “tenderini” degli yachts e il bar si popola di ragazzi e ragazze pronti a scatenarsi al ritmo della musica house, sorseggiando drink (tutti a 10 euro, alcolici e non) e mangiando arrosticini (5 pezzi 5 euro) o frutta fresca (fette di cocomero o macedonia a 10 euro).

Per chi deve rientrare con il boat taxi, deve tener d’occhio l’orologio perché l’ultimo parte alle 20. Dopo una giornata al mare, doccia rinfrescante e cenetta al ristorante.

Porticciolo di Ponza

Porticciolo

Noi abbiamo potuto assaporare pesce freschissimo, primi piatti al bacio e dolci squisiti nei ristoranti: “A casa di Assunta” (Via Panoramica, tel. 0771 820086) e “Il capriccio” (Via Chiaia di Luna, tel. 0771 80729) raggiungibile a piedi, salendo le scale sulla sinistra, subito dopo il capolinea degli autobus.

Se avete bisogno di spostarvi in taxi chiamate il simpaticissimo Joe, detto “amico del mondo”, 360 960635, che vi scorrazzerà per l’isola a tutte le ore rallegrandovi con aneddoti di vip e meno vip con il suo slang italo-americano.

La domenica avevamo programmato il giro dell’isola. Svegliatevi presto, SE NON AVETE PRENOTATO LA BARCA, perché trovarne una è impresa assai ardua.

Invece, se siete certi di andare, contattate il mitico Francesco (motobarca Hilem, 338 8771243) che, con incredibile passione, vi accompagnerà alla scoperta dell’isola!

Farete il bagno nelle calette più belle e vi mostrerà i luoghi dove sono nate le leggende più curiose e quelli resi famosi da episodi realmente accaduti (ad esempio i Faraglioni di Lucia Rosa così detti perché testimoni del suicidio della bellissima fanciulla per l’amore osteggiato dal padre per un contadino ponzese).

Il tour vi farà conoscere le Grotte di Pilato, i Faraglioni della Madonna, Chiaia di Luna, Capo Bianco, Cala Feola, le Piscine Naturali, Cala Felice, l’Arco Naturale, Cala Inferno, Frontone.

Il mare cristallino di Ponza

Il mare cristallino

tour in barca a Ponza

tour in barca

Escursioni da fare a Ponza

Nel tour, consigliamo di inserire una “puntata” a Palmarola (bel-lis-si-ma!) ma, chiaramente, dovrete rassegnarvi all’idea di programmare la sveglia prima delle 8 perché ci vuole del tempo per arrivare e per visitarla (e i “barcaioli” si rifiutano di andare, superata una certa ora!).

Se avete qualche giorno in più, suggeriamo un indimenticabile weekend a Ventotene!

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento