Home » Travel Tips and Tricks » Best Travel Tips Ever

Best Travel Tips Ever

Travel suitcase
Qualche giorno fa i nostri 5 consigli per un viaggio low cost hanno avuto un successo tale, da convincerci ad approfondire l’argomento. Abbiamo allora cercato le domande più frequenti tra i viaggiatori in cerca di info pratiche e abbiamo scoperto che molti portali  hanno dedicato un’intera rubrica ai suggerimenti utili prima, durante e dopo un viaggio (tra cui utilissima la sezione “ultimi consigli” di Easyviaggio, ispirata ai dubbi più recenti emersi nel forum).Noi abbiamo stilato una personalissima Best Travel Tips Ever. Pronti?
1)  LISTA: Fate una lista delle cose da portare e, soprattutto, modificatela a seconda della tipologia del viaggio. Sembrerà banale, come primo consiglio, ma non lo è affatto. Conosco persone che si ostinano a portare sempre le stesse cose,  indipendentemente dalla meta, con la scusa che “non sia mai che non capiti di averne bisogno”. No, nel deserto non avrai bisogno dei tacchi, ma prova a convincere la tua amica! Quindi, onde evitare di portare peso inutile – che magari vi costringerà ad imbarcare la valigia  con aggravio ulteriore dei costi – selezionate gli indumenti e gli oggetti da portare con voi. Vi consiglio di individuare un jolly che potrà assolvere a diverse funzioni: io ad esempio porto con me un foulard-pareo con cui risolvo varie emergenze (velo in testa o sulle spalle, per coprire il volto in caso di vento, copricostume eccetera). Portate anche indumenti che, all’occorrenza potrete gettare o regalare, liberando spazio nella valigia per regalini o acquisti dell’ultim’ora. Io parto solo con bagaglio a mano: non vivo l’ansia da smarrimento e non perdo tempo prezioso di fronte al nastro scorrevole.

2) DOCUMENTI: fate una fotocopia di tutti i documenti con cui partirete e custoditele in un luogo sicuro. Se per sfortuna vi dovesse capitare di subire un furto o di smarrire il portafoglio, potrete fare regolare denuncia al locale commissariato di polizia e, se il paese aderisce agli accordi Schengen, partire con la copia della denuncia. Se il paese o la compagnia aerea non si allineano a tali accordi (ad esempio Ryanair), dovrete farvi rilasciare dall’Ambasciata il documento di viaggio provvisorio (e le fotocopie vi saranno utili). Prima di partire, date un’occhiata all’ubicazione dell’ambasciata e segnatevi indirizzo e numero di telefono: in caso di emergenza questa accortezza vi farà risparmiare tempo.

3) SOLDI: non è necessario portare con sé troppo contante. Prelevate presso gli ATM (possibilmente quelli vicini a edifici presidiati dalle forze dell’ordine: difficilmente sono oggetto di frode) per non pagare esosi tassi di cambio. Prima di partire, registrate sul cellulare il numero da contattare per bloccare le carte di credito/bancomat. Perché? Confessatelo: ammesso che lo portiate con voi, dove lo custodite? Nel portafoglio, ovvio! E in caso di furto o smarrimento del portafoglio, come potreste fare? Conservate in un luogo sicuro dell’extra cash che potrebbe togliervi da qualche situazione difficile e girate con un bel gruzzoletto di spiccioli: fanno comodo per la mancia e qualora doveste andare in un bagno in cui è previsto il pagamento con moneta!

Pianificazione del prossimo viaggio

Pianificazione del prossimo viaggio [photo credit Tee Poole]

 4) MUST SEE: individuate i vostri must see, documentatevi sull’esistenza di eventuali free days, riduzioni e, soprattutto orari di apertura per stilare un programma di massima delle visite. In questo modo non resterete delusi di fronte al museo chiuso l’ultimo giorno di viaggio e non pagherete il biglietto intero solo perché non sapevate che due ore prima avreste beneficiato del free pass. Ulteriore consiglio: non pianificate troppo. Perdersi è bello e l’imprevedibilità vi potrebbe regalare delle sorprese indimenticabili!
5) SICUREZZA: Se siete in partenza per un lungo viaggio e prevedete (lo spero proprio) qualche tappa fuori dai circuiti turistici classici potrete registrarvi sul sito “Dove siamo nel mondo” del Ministero degli Esteri o lasciare una copia dell’itinerario di massima a un familiare o a un amico. In questo modo, qualcuno saprà sempre dove vi trovate. Per scrupolo, potete aderire al programma ICE (In Case of Emergency), registrando sul vostro cellulare i primi due numeri che un soccorritore dovrebbe contattare in caso di emergenza con la sigla ICE1 e ICE2 (sperando che non serva, ovviamente!).
Kit primo soccorso

Kit farmacia [photo credit Nomadic Lass]

6) ASSICURAZIONE: per alcune tipologie di viaggio è consigliabile un’assicurazione completa, che garantisca il rimborso in caso di annullamento e che copra le spese in caso di malattia. Ricordate che in molti paesi non è prevista l’assistenza sanitaria garantita nel nostro paese e potreste trovarvi a sborsare molti molti soldi extra.
7) KIT FARMACIA: portate con voi un kit base di medicinali di automedicazione e prima di partire, fate una curetta con un integratore alimentare che rafforzi il vostro sistema immunitario. In questo modo potrete sperare di far fronte allo schock culinario che capita in alcuni paesi. Non smetterò mai di ripetere che la prima causa di dissenteria è l’acqua. Non basta bere solo quella in bottiglia: bisogna usarla per tutto, per sciacquare la frutta che acquistate in strada, ad esempio, o per lavarvi i denti!
Foto di viaggio

mangiare locale [photo credit Oleg Sidorenko]

8) EAT LIKE A LOCAL: gli italiani che si ostinano a mangiare italiano all’estero per lamentarsi, all’uscita, della pizza o della pasta, sono sempre troppi! Parte integrante del viaggio è il cibo. Fatevi consigliare dai locali per assaggiare la cultura eno-gastronomica del paese in cui vi trovate. Non abbiate paura di osare o di chiedere la ricetta! Se volete risparmiare, andate al mercato, fate incetta di cibo e andate nel parco cittadino: un pic nic improvvisato vi farà sentire davvero dei locals (e magari potrete intrattenervi a parlare con loro, scoprendo qualche chicca da vedere giusto dietro l’angolo)!
9) AL MATTINO E’ MEGLIO: non poltrite in viaggio! Come si dice, il mattino ha l’oro in bocca! E allora uscite presto. Troverete meno turisti e più locali in giro. Vi godrete la città come se foste dei residenti e persino le vostre foto ne gioveranno, sia per la luce migliore che per l’assenza di molesti turisti in posa ovunque! P.S. da statistica, i furti si concentrano nelle ore di massimo afflusso: probabilmente, svegliandovi presto, vi sottrarrete anche a questo rischio! La sera, prima di andare a dormire, dedicate 5 minuti del vostro tempo a fare un back up delle foto che avete scattato durante la giornata. Non c’è niente di peggio di una SD danneggiata, al rientro da un bel viaggio!

10)  PAESE CHE VAI, USANZA CHE TROVI: rispettate le regole del paese che vi ospita e, in generale, adottate il galateo del buon viaggiatore. Con un po’ di buonsenso vi eviterete sgradite sorprese e tornerete a casa con un bagaglio culturale più ricco!

Siete ancora qui? Non vi è venuta una voglia irresistibile di partire subito, mettendo in pratica questi consigli?

POTREBBERO INTERESSARTI...

11 commenti

Alessandro @ Girovagate 26 Novembre 2014 - 9:40

importantissimo il punto 2!!! Una fotocopia dei documenti ti salva la vacanza in caso di smarrimento! Io tengo sempre una copia archiviata su Google Drive, per ogni evenienza…. L’assicurazione invece non l’ho mai fatta ma sarebbe da valutare in certi viaggi

Rispondi
Monica Nardella 1 Dicembre 2014 - 20:43

Io ho imparato a mie spese che l’assicurazione (per viaggi superiori a certe cifre) va fatta perché l’imprevisto è dietro l’angolo! PS io dimentico sempre le password delle “nuvole” in cui custodire foto/documenti/scansioni! 😛

Rispondi
Camilla 23 Novembre 2014 - 20:23

Consigli da appuntarsi! Sono quei consigli che sembrano banali, se li dici all’amica (quella dei tacchi magari) ti dice che sono cose ovvie e stupide, ma sono i consigli e provvedimenti piùutiliin viaggio

Rispondi
Monica Nardella 25 Novembre 2014 - 9:28

sono commenti sperimentati sulla nostra pelle. Sbagliando si impara e ci piacerebbe aiutare gli altri a non commettere i nostri stesso errori!

Rispondi
Lucia 23 Novembre 2014 - 12:36

Si, mi è venuta voglia di partire 😀
Sopratutto per “testare” gli ultimi tre, su cui sono totalmente d’accordo! Che viaggio sarebbe altrimenti??

Rispondi
Monica Nardella 25 Novembre 2014 - 9:31

… vero, ma quanti connazionali vogliono mangiare italiano all’estero??? o.O

Rispondi
Cristina 22 Novembre 2014 - 13:21

Post utilissimo, grazie Monica!

Rispondi
Monica Nardella 25 Novembre 2014 - 9:31

grazie Cristina!!!

Rispondi
Manuela 20 Novembre 2014 - 19:13

bellissimo questo articolo Monica 🙂
Condivido tutto – in particolare l’assicurazione, aspetto che molti purtroppo sottovalutano!

Rispondi
Marika 18 Novembre 2014 - 14:45

Bellissimo questo post! Concordo su tutto e non riuscirei a scegliere un solo consiglio tra questi che hai elencato 🙂
Ti dispiace se lo faccio anche io? Ovviamente citandoti 🙂 🙂

Rispondi
Monica Nardella 18 Novembre 2014 - 14:48

Uuu grazie mille!!! Scrivi scrivi sono curiosissima di leggerti adesso! 😀

Rispondi

Lascia un commento