Home » Viaggiare informati » 5 consigli per risparmiare nella prenotazione di un viaggio

5 consigli per risparmiare nella prenotazione di un viaggio

Come risparmiare nella prenotazione di un viaggio

flight reservation

Il fai da te ormai spopola nella prenotazione di un viaggio ma vogliamo darvi qualche consiglio (frutto della nostra esperienza, combinata a continue letture online) per risparmiare la prossima volta che vi metterete davanti al pc con l’intenzione di acquistare un volo o di prenotare un hotel.

Occhio ai cookie

Un biscotto non è un vero biscotto se non si sbriciola e infatti, ogni volta che effettuate una ricerca online, lasciate in giro centinaia di briciole che qualcuno raccoglie e utilizza per tracciare il vostro profilo di acquirente.

Nulla di illegale, visto che i cookie nascono per migliorare la prestazione del sito e la vostra esperienza di navigazione.

Qualcuno però insinua che click ripetuti, alla ricerca dello stesso volo, ne farebbero aumentare il prezzo.

Le compagnie aeree (e i siti di prenotazione in generale) rispondono dicendo che l’aumento è frutto di complicati algoritmi che nulla hanno a che vedere con l’IPtraking.

In attesa che un esperto in materia si esprima definitivamente sullo spinoso argomento, noi preferiamo procedere con “la navigazione in incognito”. Finora, nessuna brutta sorpresa.

Quando prenotare e in quali giorni

Qualche anno fa, se si prenotava molto a ridosso della partenza, ci si assicurava una tariffa davvero lowcost ma ormai il lastminute è una “specie in via d’estinzione” a meno che non si prenoti il giorno prima senza sapere se mettere in valigia un costume o il cappotto.

Da analisi pubblicate da grandi portali di prenotazione (tipo Skyscanner) per spuntare un buon prezzo bisogna acquistare il biglietto

  •  6 settimane prima della data del volo, nel caso di una low cost;
  • 20 settimane prima della data del volo, nel caso di una compagnia di linea;
  • 23 settimane prima della data del volo per viaggi a lungo raggio.

Un recente studio, pubblicato da tre economisti italiani, sosterrebbe invece l’algoritmo della lettera U.

La tariffa migliore si spunterebbe a 10 giorni esatti dalla partenza

A titolo informativo, abbiamo fatto un esperimento e il monitoraggio del costo di un biglietto per Catania, acquistato proprio a 10gg dalla partenza, ci sarebbe costato 1/3 in più rispetto al prezzo pagato due mesi prima. Ma un caso, chiaramente, non fa statistica.

travel-boat

Travel [photo credit fdecomite]

Sempre mentre siete in incognito davanti al vostro pc, assicuratevi che non sia un lunedì, un venerdì o una domenica. Se è comprensibile che nel week end i voli possano costare di più (fino a un 7%) pare che il lunedì sia un giorno a “rischio aumento prezzi” a causa della “tristezza” che affliggerebbe molti lavoratori il primo giorno della settimana.

Non vi venga in mente, poi, di fare shopping nel “blue monday” il giorno più triste dell’anno!

Facile che, a causa di una massiccia voglia evasione di potenziali viaggiatori, gli algoritmi siano tarati per restituire tariffe sensibilmente più alte! Mangiate un po’ di cioccolato e aspettate almeno un giorno ma tenete d’occhio l’orologio!

L’ora giusta per dedicarsi allo shopping online è infatti il pomeriggio perché, statisticamente, gli acquirenti attivi in orario d’ufficio (quindi al mattino) viaggiano per lavoro, hanno una disponibilità economica maggiore e accettano tariffe leggermente più alte.

Chi prenota nel pomeriggio invece, sempre da statistica, è in cerca di una semplice vacanza e quindi mostra una maggiore propensione al risparmio. E gli algoritmi seguono questo trend.

Usate i comparatori prezzi

Sempre, sempre usare portali che mettono a confronto i prezzi di voli e hotel per spuntare la tariffa migliore!

NON parliamo di portali attraverso i quali si può finalizzare l’acquisto perché, in questo caso, la tariffa visualizzata non è mai quella “finita” ma si deve considerate l’incremento dovuto alla formula di pagamento prescelta e il calcolo della quota di gestione per tratta.

Parliamo piuttosto dei cosiddetti metamotori che, gratuitamente, effettuano una comparazione tra tariffe alberghiere o delle compagnie aeree su un database di migliaia di fonti reperite sul web e pubblicate dalle OTA.

Tenete d’occhio i codici sconto!

Diversi portali raccolgono codici sconto per risparmiare su biglietti aerei, ferroviari, prenotazioni hotel e tanto altro ancora.

Il funzionamento è molto semplice: è sufficiente copiare il codice e riportarlo nell’apposita stringa prima di finalizzare l’acquisto. Spesso si tratta di piccole percentuali di sconto, in altri casi di veri e propri buoni.

L’unica accortezza, è quella di assicurarsi che il codice sconto non sia scaduto perché in tal caso, avendo perso efficacia, non visualizzerete alcuna riduzione nell’importo finale da pagare.

Iscrivetevi alle newsletter e ai programmi fedeltà

Non vi sto consigliando di farvi spammare la casella postale ma di selezionare un numero (ristretto) di siti (con annesso follow sui social) che realmente presentano super offerte di viaggio (solo volo o combinazioni volo+hotel).

In questo modo, riceverete direttamente sulla e-mail le promozioni in corso senza perder tempo a cercarle da soli (io trovo semplicemente geniale Pirati in Viaggio).

Gli enti del turismo ad esempio, in occasione di eventi speciali creano dei contest simpatici invitando la community sui propri social a partecipare (rispondendo a delle domande e votando delle foto, ad esempio).

Per rendere più appetibile l’adesione dei lettori, vengono messi in palio instant win (piccole vincite giornaliere come coupon da spendere in loco) e estrazioni finali da capogiro (come viaggi veri e propri per due persone comprensivi di volo e hotel).

Le probabilità che vinciate sono basse eppure qualcuno dovrà pur essere estratto: perché non voi?

travel-car

Travel [photo credit Susana Fernandez]

Al contempo, iscrivetevi ai programmi fedeltà di hotel e compagnie aeree.

In questo modo, per ogni prenotazione, accumulerete punti (utilizzabili su acquisti successivi) e potrete usufruire di esclusivi benefit (wifi, colazione, late check out gratuiti per fare qualche esempio) servati ai soci.

Molti programmi prevedono diversi step “fedeltà” e interessanti partnership che garantiscono l’incremento dei punti e la loro spendibilità grazie agli acquisti effettuati nel panel collaborazioni.

E una volta partiti, un modo per risparmiare durante il viaggio è il travel sharing! Lo avete provato mai?

POTREBBERO INTERESSARTI...

13 commenti

Lucia 25 Ottobre 2014 - 15:28

Quella del lunedì mi mancava (sarà che io li guardo tutti i giorni 😀 ), però adesso ne terrò conto!
Quella dei cookies invece l’avevo letta, ho anche fatto una prova cercando lo stesso volo da un altro pc con un’altra connessione, ma i prezzi erano gli stessi… chissà?
Sempre meglio starci attenti però, alla connessone anonima non avevo pensato 😀
Grazie dei consigli!!

Rispondi
Cristina 25 Ottobre 2014 - 9:46

bel post pieno di consigli! Sapevo che nel weekend conviene non cercare voli e offerte viaggi ma il lunedì pensavo fosse un giorno ok…in effetti la motivazione non fa una piega!

Rispondi
Monica Nardella 25 Ottobre 2014 - 11:44

ecco, la “depressione” da lunedì ormai è un dato di fatto e quindi ci hanno costruito attorno un algoritmo molto fruttuoso 😀

Rispondi
Simonetta 24 Ottobre 2014 - 22:48

per me è più complicato perchè sono troppo legata a ponti e weekend, ma con pazienza riesco a risparmiare lo stesso.

Rispondi
Monica Nardella 25 Ottobre 2014 - 11:43

anche io Simonetta ma lo vedo come un aspetto “positivo” nel senso che so già con largo anticipo quali sono le date del mio viaggio/week end e quindi posso monitorare mesi prima!!!

Rispondi
Milly 24 Ottobre 2014 - 22:18

Consigli utili e non scontati!
La storia dei cookies l’avevo notata anche io: in alcuni casi da un accesso all’altro i prezzi triplicano anche, rendendo evidente la cosa, ma in altri casi gli aumenti sono lievi e ti possono fregare!

Rispondi
Monica Nardella 25 Ottobre 2014 - 11:40

è per questo motivo che compro sempre “in incognito” così non rischio di lasciare tracce durante la navigazione che possano individuare il mio profilo di acquirente: se scoprono che compro voli ogni tre per due sai che impennata dei prezzi, a prescindere??? 😛

Rispondi
Alessandro @ Girovagate 23 Ottobre 2014 - 10:51

quanti consigli utili! Questo algoritmo della U non lo conoscevo, dovrò stare più attento ai tempi di acquisto dei voli perchè spesso mi muovo troppo nelle vicinanze delle date in cui vorrei partire…. e a volte è tardi per spuntare un buon prezzo anche se monitori notte e giorno i siti e i comparatori :/

Rispondi
Monica Nardella 25 Ottobre 2014 - 11:37

Io ho fatto un esperimento! Acquisto diverse settimane prima e poi, a ridosso della partenza, verifico il prezzo: è sempre più alto quindi il lastminute forse interessa esclusivamente i pacchetti con voli a lungo raggio, NON i low cost.

Rispondi
Camilla 22 Ottobre 2014 - 23:28

Io ho trovato, spesso, delle tariffe convenienti partendo e/o rientrando di martedì o mercoledì: sono due giorni abbastanza buoni come prezzi 🙂 Non sapevo che ci fosse anche “il giorno più triste dell’anno” e me lo sono segnato in agenda: niente prenotazioni quel giorno! Anche iscriversi alle newsletter credo possa essere utile, da molti spunti. Comunque, per ora, si è rivelato molto utile tenere d’occhio i prezzi di varie compagnie e prenotare quando trovo quello migliore per una delle destinazioni della lista desideri 😀

Rispondi
Monica Nardella 23 Ottobre 2014 - 9:27

Anche io, potendo parto di martedì o mercoledì (come ho fatto per la Jamaica, ad esempio). Le newsletter aiutano a conoscere le promozioni in tempo reale. Trovo anche gli alert molto comodi! Brava, vade retro blue monday! 😀

Rispondi
Monica 22 Ottobre 2014 - 19:42

Veramente interessante!

Rispondi
Monica Nardella 23 Ottobre 2014 - 9:28

Grazie!!! Se hai sperimentato qualche “espediente”, non esitare a dirmelo così lo testo anche io!!!

Rispondi

Lascia un commento