Home » Europa » Spagna » #Unusualibiza: alla scoperta di Santa Eularia des Riu

#Unusualibiza: alla scoperta di Santa Eularia des Riu

Puig de Missa Ibiza
Se state pianificando il vostro itinerario lungo la costa orientale dell’isola di Ibiza vi consigliamo di scegliere una delle deliziose calette vicino a Santa Eulària des Riu (potreste trovare anche la dicitura Eulalia).

Santa Eularia des Riu

Nel corso del nostro #unusualibiza (leggete Ibiza insolita) abbiamo avuto la fortuna di visitare questa incantevole cittadina arroccata sul promontorio dominato da una candida chiesa-fortezza e abbiamo scoperto che permette, al viaggiatore curioso, di  unire l’utile al dilettevole tutto l’anno!
Dopo una splendida giornata al mare tra Cala Boix (una bella spiaggia circondata dai boschi ubicata proprio in prossimità del promontorio), Cala Llenya (dove potrete praticare sport acquatici), Cala s’Argamassa (quattro minuscole calette con sabbia mista a rocce), Es Niu Blau (conosciuta come Bora Bora, è una spiaggetta attrezzata dove sfocia un limpido torrente) oppure s’Aigua Blanca (la caletta dei naturisti), potrete ritagliarvi un’oretta per scoprire le particolarità della seconda città dell’isola per estensione e popolazione!
Puig-de-Missa-Santa-Eularia-des-Riu-Ibiza

Puig de Missa a Santa Eularia des Riu

Dovete sapere che a Santa Eulària scorre l’unico fiume di Ibiza (oggi poco più di un ruscello) che ha rappresentato una vera ricchezza per il territorio: grazie alle sue acque un tempo abbondanti, gli ibizenchi hanno potuto irrigare i campi ma, soprattutto, assicurare il corretto funzionamento dei numerosi mulini ad acqua che producevano il pane per l’intera popolazione! In prossimità della foce del fiume c’è il Pont Vell, un antichissimo ponte romano e, se deciderete di seguire quel tracciato, costeggiando il parco fluviale, vi assicurerete una bella passeggiata che vi condurrà fino in cima a Puig de Missa
Pont-Vell-Santa-Eularia-des-Riu

Pont Vell

 

Una leggenda molto curiosa dice che se nella notte di San Giovanni (24 giugno a mezzanotte) si raccoglie un fiore che sboccia solo in quel momento sotto gli archi del ponte (conosciuto anche come ponte del diavolo), si può catturare il familiar, una specie di gnomo (o lo spirito di un defunto) al quale affidare tutti i lavori più faticosi! Pare che sia molto importante sigillare il familiar in una bottiglia ermeticamente chiusa e liberarlo solo al momento opportuno perché nel caso in cui non vi sia da farlo lavorare il familiar sia capace di mangiare tutto il mangiabile… persino la vostra casa!
Moli-de-Dalt_Ibiza

Molì de Dalt 

Iniziate quindi la vostra ascesa verso la città lungo un sentiero immerso in una natura selvaggia (se non ve la sentite di affrontarlo a piedi, non c’è problema, potrete farlo tranquillamente in auto o su due ruote).

Puig-de-Missa-Ibiza

Puig de Missa

A metà strada tra il ponte romano e il Puig de Missa, abbiamo visitato il piccolo museo Molì de Dalt –  Can Planetes in cui si possono apprendere molte informazioni sul fiume, l’incanalamento delle sue acque, il parco dei Mulini, le tipologie di mulino (orizzontale e verticale), la vita stessa di coloro che vi lavoravano per la produzione di farina. Dal mulino inoltre si gode uno scorcio sulla chiesa-fortezza davvero impagabile quindi la tappa (anche per riprendere fiato) è caldamente consigliata!
Puig-de-Missa_Ibiza

Puig de Missa

 

Salite quindi fino al tempio del XVI secolo dedicato alla Santa (e dichiarato Bene di Interesse paesaggistico nel 1952) e restatevene per qualche minuto in silenzio.
Ammirate il bianco accecante del complesso in netto contrasto con l’azzurro del cielo e ascoltate la piacevolissima brezza che si incanala nel porticato.
Visitate l’interno che vi regalerà qualche altro minuto di fresco mentre vi soffermerete ad apprezzare la statua della Santa sull’altare in un contesto estremamente sobrio ed essenziale quindi, se volete il più bel panorama sulla campagna circostante e sul mare, entrate nell’ameno cimitero!
In questo agglomerato fortificato, dominato dal bianco degli edifici e da macchie di colore dei fiori che esplodono tra fichi d’india, si trova anche l’istruttivo Museo Etnografico
Museo-Etnografico-Ibiza

Museo Etnografico Santa Eularia des Riu

In questo museo, inaugurato nel 1994, potrete scoprire la cultura tradizionale delle Baleari semplicemente curiosando tra le stanze dell’antica casa rurale di Can Ros! In mostra permanente vi sono abiti, gioielli, oggetti di uso quotidiano, una cantina e la ricostruzione di un’abitazione tipica: se sarete fortunati, potrete ammirare esposizioni temporanee di arte contemporanea o prodotti di artigianato locale!
Moli de Dalt
Orari: da martedì a domenica dalle 10 alle 13
Prezzi: ingresso gratuito
Museo Etnografico
Orari 1/10 – 31/03: da martedì a sabato dalle 10 alle 14, domenica dalle 111 alle 13.30. Chiuso lunedì, festivi e dal 20 dicembre al 20 gennaio. 
Orari 1/04 – 30/09: da lunedì a sabato dalle 10 alle 14 e dalle 17.30 alle 20, domenica dalle 11 alle 13.30. Chiuso festivi
Prezzi: 3€ intero, 1,50€ ridotto, gratis bambini
Per ulteriori info: Santa Eularia des Riu

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento