Home » Europa » Croazia » Rogoznica: estate lowcost in Croazia

Rogoznica: estate lowcost in Croazia

Rogoznica Croazia

Oggi vi vogliamo parlare di Rogoznica, un delizioso borgo di pescatori ubicato sull’isolotto di Kopara collegato alla costa della Dalmazia settentrionale da un lungo ponte.

Rogoznica

Se siete alla ricerca di un buen retiro silenzioso, immerso nel verde, bagnato da un mare trasparente e con prezzi ancora accessibili (e non lo diciamo solo noi: il Sole24 Ore ha definito Croazia, Montenegro e Turchia  mete top della convenienza), lo avete trovato!

Mappa Google Earth Rogoznica

Mappa Google Earth Rogoznica

 

Dovete sapere infatti che l’isolotto spuntava nell’omonima baia, senza un collegamento diretto con la terraferma, fino alla metà del XIX secolo. L’isolamento a cui è stato costretto ha di fatto preservato tutte le peculiarità naturalistiche e architettoniche della sua città più importante.

Basse case bianche con i tetti rossi o antichissime case in pietra che sbucano tra la vegetazione tipicamente mediterranea (palme e pinete che arrivano fino al mare) costituiscono la foto più rappresentativa di Rogoznica. Con la realizzazione di un terrapieno e di un ponte (che ha diviso la baia in due), questa incantevole località croata ha goduto sì di un maggiore afflusso turistico ma – per fortuna – non è entrata nel circuito classico, restando la meta perfetta per coloro che desiderano una vacanza all’insegna del mare e del relax. 

Rogoznica, caletta

Rogoznica, caletta – foto | ckrieh

La costa, frastagliata, è caratterizzata da ciottoli e rocce o da piccole piattaforme in cemento create appositamente per consentire ai bagnanti di sostare nei punti più belli e panoramici.

Adatte per famiglie con bambini, per l’ubicazione centrale, la facile accessibilità e la presenza di strutture per acquistare generi alimentari, bibite o noleggiare ombrelloni e lettini sono le spiagge di Miline e Sepurina mentre quella di Art è consigliabile ai turisti adulti che sappiano nuotare.

Ma Rogoznica non è solo mare! L’entroterra infatti è molto rigoglioso e ben collegato e chi desidera una vacanza in agriturismo, ad esempio, vi potrà trovare delle piccole realtà a gestione familiare dove sperimentare una vita più genuina e dei piatti tipici da leccarsi i baffi!

Noi vi suggeriamo di assaggiare la peka, un piatto dalmata al 100% a base di carne arrostita sulla brace – cotta a lungo per assicurare una consistenza tenerissima – servito spesso con un contorno a base di verdure miste cucinate nella stessa teglia sotto un coperchio a campana!

Se volete proprio calarvi completare l’esperienza culinaria, brindate a base di Babic, un vino rosso estratto dai vigneti carsici della Dalmazia!

Ma torniamo alle cose da vedere durante la vostra vacanza estiva! Dopo una giornata di mare, potrete concedervi una visita alla città vecchia con le sue case in pietra, alla chiesa di San Nicola, di San Ivan o alla chiesa parrocchiale dedicata alla Beata Vergine Maria in Cielo, costruita dopo un fatto miracoloso.

Un pescatore, mentre si trovava nei pressi del promontorio rinvenne un quadro raffigurante la Vergine in visita a Elisabetta. Il pescatore lo ritenne di buon auspicio e lo portò con sé a casa ma per tre volte il quadro tornò tra le rocce di Gradine.

Fu allora che il pescatore con il parroco e tanti fedeli, decisero di costruire una cappella in prossimità del luogo del ritrovamento e quando la città nel 1887 fu flagellata dal morbillo, la popolazione in massa andò in pellegrinaggio verso la cappella chiedendo la grazia alla Vergine.

Da quel 24 gennaio, più nessuno morì per la grave pestilenza e tutti i malati guarirono! Il 2 luglio di ogni anno il quadro viene portato in processione, via terra e via mare, con un seguito di fanciulle vestite di bianco, grande partecipazione di devoti e turisti affascinati dall’intero rito cristiano!

Rogoznica, tramonto

Rogoznica, tramonto – foto | ckrieh

Se vi piacciono le atmosfere, i colori e i profumi dei mercati, non trascurate una tappa nel mercato locale dove potrete trovare frutta, verdura ma soprattutto pesce freschissimo!

Il mercato è aperto tutti i giorni dall’alba a notte inoltrata (di solito fino alle 22): scegliete voi il momento più propizio anche se, per il pesce, è consigliabile attendere il tramonto, quando i pescherecci rientrano dalla giornata di lavoro e sono carichi di pesce per una cenetta davvero a km0!

Tra le soluzioni alloggiative più richieste a Rogoznica vi sono infatti gli appartamenti che garantiscono tutti i comfort necessari durante la vacanza oltre alla libertà di cucinare in casa, riducendo ulteriormente i costi del soggiorno.

Se vi incuriosisce la parte nuova, dovrete spostarvi al di là del ponte: la periferia si è estesa infatti sulla terraferma caratterizzando questo tratto di costa con villette, edifici di recente costruzione, ristoranti, localini e una bellissima marina, la Marina di Frapa! 

La baia, protetta dai venti, da sempre è porto sicuro per le imbarcazioni di passaggio e questa speciale conformazione è stata giustamente valorizzata per creare un punto di approdo per yacht turistici, una scuola di vela e un centro che organizza immersioni! 

Occhio del Drago, Rogoznica

Occhio del Drago, Rogoznica – foto | Josko Peric

Consigliatissimo un tour al vicino Occhio del Drago (Zmajevo Oko), un lago salato in una conca di roccia bianca dalla forma ellittica, profondo una quindicina di metri.

La natura rigogliosa che lo circonda rende lo spettacolo ancor più suggestivo: i più coraggiosi, potranno persino immergersi nelle acque del lago e farsi un bagnetto rigenerante! 

 

La chicca: Rogoznica si trova in una posizione strategica tra Primosten (8 km), Trogir (25 km), Sibenik (35 km), Spalato (55 km) quindi le escursioni, anche giornaliere, sono assolutamente fattibili. Molto gettonate le visite al parco del Krka (50 km). 

 

Documenti: sono accettati il passaporto e la carta di identità valida per l’espatrio (anche con rinnovo tramite timbro sul retro, certificato di proroga cartaceo e carta di identità elettronica). Per ulteriori info, ecco i paesi in cui è accettata la carta di identità. La Croazia fa parte dell’UE dal 2013 ma non è ancora membro Schengen. La moneta è la kuna croata.

 

Come arrivare a Rogoznica

La soluzione più comoda è senza dubbio l’aereo (l’aeroporto di riferimento è quello di Spalato che dista da Rogoznica solo 30 km).

Il viaggio è persino economico visto che lo Zračna luka Split/Kaštela è servito anche dalle compagnie lowcost (Vueling e easyJet, ad esempio).

Raggiungete il terminal dei bus e prendete un autobus che, via Trogir, vi condurrà a destinazione in 50 minuti. Le linee che offrono questo transfer sono tante (ad esempio la linea CRB Croatia Bus Globtour; CTM Cazmatrans Nova; ATR Autotrans solo per citarne alcune).

Il costo del biglietto è di 13HRK a tratta, circa 1,70€.

L’alternativa è il bus locale n.37 che, passando proprio di fronte all’aeroporto di Spalato, raggiunge Trogir. Lo svantaggio è che il 37 passa per le 7 Kastela (e quindi effettua numerose fermate intermedie) e si ferma a Trogir: da qui dovrete prendere uno dei numerosissimi autobus per Rogoznica.

Ovviamente le alternative possibili all’aereo + bus esistono. Noi abbiamo effettuato una simulazione su www.omio.it e con un solo click abbiamo scoperto che la scelta di raggiungere la Croazia in auto + nave, qualche anno fa, si è rivelata una soluzione altrettanto intelligente (qui il nostro diario di viaggio a Trogir).

Partendo infatti con la nostra macchina da Roma, abbiamo raggiunto Ancona, ci siamo imbarcati per Spalato con la Jadrolinija (9 ore circa di navigazione) e siamo arrivati a Trogir in mezz’ora circa prendendo l’autostrada A1 Zagreb-Split uscita Sibenik e direzione Primosten. Se volete conoscere più nel dettaglio tempi e costi di viaggio visualizzate il portale, impostando i filtri per una ricerca più mirata. 

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento