Home » Italia » Liguria » Passeggiata lungo la Ex Ferrovia Levanto – Bonassola – Framura

Passeggiata lungo la Ex Ferrovia Levanto – Bonassola – Framura

Panorama Bonassola Levanto

Una passeggiata lungo la ciclopedonale Levanto – Bonassola – Framura vi farà scoprire un tratto costiero che spesso resta marginale rispetto al tour nelle vicinissime Cinque Terre.

Noi abbiamo avuto la fortuna di apprezzarne un tratto in occasione del viaggio in Liguria quando, alloggiando nel Resort La Francesca, abbiamo scoperto il sentierino che, dal ristorante, conduce in un paio di minuti nel tratto intermedio dell’ex ferrovia.

Dovete sapere che in realtà questa linea a binario unico faceva parte del tragitto Sestri Levante – Monterosso inaugurato nel 1860 e chiuso al traffico nei primi anni ’70 del ‘900 per la complicata gestione del sito, ubicato troppo in prossimità del mare.

Ex-ferrovia-Levanto-Bonassola

Ex ferrovia Levanto-Bonassola

 

Il progetto della originaria linea ferroviaria, infatti, gli ingegneri optarono per un percorso che si adattasse perfettamente profilo della litoranea e lo realizzarono a mano, scavando letteralmente la roccia!

L’ex ferrovia è stata oggetto di un progetto di riconversione con la creazione di una ciclopedonale che ha restituito ai liguri e ai turisti uno spicchio di costa che per fortuna continua a mantenere intatto il suo fascino.

Parliamo di cinque chilometri totali in cui a tratti all’aperto vista mare si alternano cinque tratti in galleria, più o meno lunghi.

Se, come noi, utilizzerete il comodo sentierino da La Francesca, giungerete nell’ampio spiazzo compreso tra la quarta e la quinta galleria. A quel punto, dovrete solo scegliere se andare verso sinistra (direzione Levanto) o verso destra (a Bonassola e quindi a Framura).

Siccome noi avevamo in programma di raggiungere le Cinque Terre in treno da Bonassola abbiamo imboccato la ciclopedonale a destra.

Se non avete vincoli particolari, vi consigliamo di percorrere il tratto opposto perché, ci dicono, vi regalerà probabilmente panorami più belli.

La quarta galleria del percorso, quella in direzione di Levanto, mostra un’evidente opera di ristrutturazione a seguito dei danni arrecati dalla forte erosione marina e dalle pesanti infiltrazioni di acqua dalla montagna sovrastante.

La quinta galleria, tra le più lunghe dell’ex ferrovia, è ancora in perfetto stato: impossibile non restare a fissare incantati la forma a goccia della volta e la fila di mattoncini che ne delineano meglio la struttura e il muro sovrastante.

 

Ex-Ferrovia-Levanto-Bonassola

Ex ferrovia Levanto-Bonassola

All’interno del tunnel, una luce fioca illumina il percorso, garantendo l’incolumità di pedoni e ciclisti, incanalati ciascuno nella propria corsia (mi raccomando, non siate indisciplinati e rispettate sensi di marcia e carreggiate!).

 

Ex-Ferrovia-Galleria-Bonassola

Galleria della Ex Ferrovia [foto credit VERSION.1]

Dopo un punto cieco dovuto a una curva proprio nella parte centrale (in cui non si vede più l’entrata né l’uscita), sbucherete nella splendida baia di Bonassola.

Vi ricordiamo che, grazie a questo tracciato, potrete accedere a calette non altrimenti raggiungibili come la Spiaggia di Porto Pidocchio o a I Marmi.

Ulteriore riprova, casomai fosse necessaria, di quanto il recupero dell’ex ferrovia sia stato positivo, restituendo anche la fruibilità di un tratto di costa lontano dalle “pazze folle” estive: un vero gioiellino per veri amanti della tintarella in contesti selvaggi e incontaminati!

La passeggiata è alla portata di tutti, anziani, famiglie con bambini (anche su passeggino) e portatori di handicap.

Idem per chi si avventura in bici: il percorso è tutto in pianura quindi anche i ciclisti della domenica potranno godere di una esperienza fantastica e non faticosa.

Portate con voi un maglioncino in primavera e in autunno perché all’interno delle gallerie la temperatura scende sensibilmente (e soprattutto avvertirete una maggiore umidità).

Tutti e tre i borghi sono serviti dal treno. Potrete portare la vostra bici (con il pagamento di un sovrapprezzo sul biglietto) oppure noleggiarla in loco.

A Levanto da Cicli Raso (10/15€ per l’intera giornata -numero 0187.802511), Sensa Freni Bike Shop (15€ per l’intera giornata – numero 0187.807128), Ondasport (6€ per mezza giornata e 10€ per l’intera giornata – numero 0187.801483) e Tina & Mario (numero 0187.807480).

A Bonassola da La Proloco (numero 0187.813500) e da Bar Smash (347.9761705).

A Framura da il Porticciolo Turistico (334.7310828).

De gustibus non disputandum est

Qualcuno, dopo aver letto questo articolo, ha criticato il nostro entusiasmo.

Noi non abbiamo percorso (purtroppo) tutti e 5 i chilometri della ciclopedonale e lo abbiamo anche scritto chiaramente, avendola scoperta durante il soggiorno nel nostro resort, ubicato esattamente a metà.

Il tratto in cui ci siamo ritrovati a passeggiare però ci è piaciuto.

Ci avevano spiegato che si trattasse della riconversione di una linea ferroviaria e ci aspettavamo di percorrere delle gallerie: quindi, non siamo stati assolutamente turbati dall’alternanza aperto/chiuso del tracciato.

Si fa tanto parlare di ecosostenibilità e quando finalmente qualche amministrazione opta per “costruire solo il necessario e di recuperare ed utilizzare tutto ciò che già esiste” noi apprezziamo.

Abbiamo parlato tra l’altro di calette poco gettonate: nel 2014, data del nostro weekend, Porto Pidocchio e I Marmi lo erano. Negli anni non sappiamo se siano state prese d’assalto. Potrebbe essere.

Però, chi ha postato foto col pienone di ombrelloni, per confutare le nostre affermazioni, non si è reso conto (?) di aver immortalato Levanto (che è tutto, fuorché un posto sconosciuto).

Ad ogni modo, non capiamo perché si debba scrivere un post per polemizzare sui gusti altrui: a noi la ciclopedonale Levanto-Bonassola è piaciuta. E sappiamo di essere in ottima compagnia (tipo il signore che quel giorno si godeva sole e mare)!

 

Panorama-Ex-ferrovia-Levanto-Bonassola-Framura

Panorama che si gode dall’ex ferrovia

 

La chicca: prima di prendere il treno per le Cinque Terre, ci siamo lasciati sedurre da un aperitivo all’Antica Osteria Guetta, posizionata dal capo opposto rispetto a quello in cui si arriva dalla passeggiata e che vi permetterà di godere una splendida vista panoramica (oltre che un vinello e qualche bruschetta gustosa).

POTREBBERO INTERESSARTI...

3 commenti

Michela 17 Maggio 2015 - 23:57

Stavo pensando ad un weekend lungo da quelle parti…questo tratto di ferrovia mi incuriosisce parecchio!

Rispondi
Monica Nardella 19 Maggio 2015 - 9:30

Si tratta di una bella passeggiata che costeggia il mare (e qualche punto in galleria): da fare!

Rispondi
Mauro 17 Maggio 2014 - 12:02

Bella la mia Liguria 🙂

Rispondi

Lascia un commento