Home » Italia » Toscana » Run&Travel: 100km del Passatore

Run&Travel: 100km del Passatore

Firenze km Passatore Faenza
Vi piacciono le sfide estreme? Amate correre lunghe distanze? Allora leggete con attenzione! Nel 1969 nasce un’idea folle: unire le terre del Chianti con le terre del Sangiovese.

La 100 Km del Passatore 

Avete capito di quale gara stiamo parlando? Dal 1973 quell’idea è diventata realtà ed ogni anno, l’ultimo sabato di Maggio, un numero sempre maggiore di runners sfida se stesso lungo il percorso appenninico che collega Firenze a Faenza: 100km del Passatore. Secondo la leggenda, la gara prende il nome da  un brigante della zona, così soprannominato per via del mestiere paterno, traghettatore sul fiume Lamone. Il Passatore si aggirava nei boschi dell’appennino tosco-emiliano intimorendo con la violenza i signorotti locali. Le sue gesta divennero presto leggendarie e grazie a carisma e astuzia si rifugiava nei boschi appenninici, sconfinando spesso nella zona dell’Alto Mugello, finché un giorno, venne ucciso nei pressi di Russi (Ra).
 
Lo start verrà dato sabato 24 maggio 2014 alle ore 15 in Via de’ Calzaiuoli a Firenze e la competizione si concluderà il giorno seguente alle 11 in Piazza del Popolo a Faenza (tempo massimo 20 h). Lungo il percorso saranno presenti tre cancelli orari:
Km 32 – Borgo San Lorenzo – (tempo massimo 6h)
Km 48 – Passo Colla – (tempo massimo 10h)
Km 65 – Marradi – (tempo massimo 13h)
Inizialmente la corsa seguiva il tracciato della SS302 Brisighellese-Ravennate attraversando l’Appennino Tosco-Emiliano con notevoli dislivelli fino a raggiungere il punto più alto al Passo della Colla a quota 913 metri. 

maratona 100 km del passatore

maratona 100 km del passatore

Ad oggi il percorso parte da Firenze e, dopo aver attraversato il centro cittadino, si snoda lungo la strada che porta a Fiesole. Superato il comune sui colli che sovrastano Firenze, si prosegue in direzione Passo della Vetta le Croci (518 metri), finché la gara ritrova il tracciato storico e viene data la possibilità agli accompagnatori di seguire i propri runner. La competizione ha mantenuto comunque importanti dislivelli: dai 52 m. della partenza si raggiunge il picco al Passo della Colla di Casaglia a metà competizione – indubbiamente il punto più suggestivo del tracciato – fino a tornare ai 35 m. dell’arrivo)!  L’atleta più veloce che transiterà dal Passo e che porterà a termine la competizione, riceverà il Gran Premio della Montagna. Durante le ore notturne è fatto obbligo indossare abbigliamento catarifrangente e munirsi di pila elettrica. Ogni 5 km circa, saranno presenti delle postazioni di ristoro per gli atleti.

maratona 100 km del passatore

maratona 100 km del passatore

La quota di partecipazione (consentita a tutti coloro che abbiano compiuto 20 anni alla data della partenza) non è rimborsabile, ma può esser trasferita all’edizione successiva:
– dal 1 febbraio fino al 20 aprile 2014 65€;
– dal 21 aprile al 15 maggio 2014 85€.  Il ritiro del pettorale sarà possibile dalle ore 10.30 alle ore 14 di sabato 24 maggio 2014 in Piazza degli Strozzi a Firenze; mentre il pasta party verrà organizzato a Faenza venerdì 23 maggio dalle ore 19 alle ore 21.
Il mattino seguente alle ore 8.30 a Faenza, in Corso Garibaldi al civico 71, sarà disponibile, previa prenotazione, un pullman per il trasporto degli atleti al punto di partenza. Al traguardo troverete delle navette per il trasferimento in Piazza Dante a Faenza, dove verrà allestito un servizio docce.
Ogni atleta riceverà Medaglia e diploma di partecipazione nonché tre bottiglie di vino di Romagna del Passatore. Sicuramente è una gara difficoltosa che richiede un impegno fisico e mentale intenso, ma il turbinio di emozioni che rimarranno nella nostra storia di runner e viaggiatore servirà a ripagare tutte le fatiche profuse. Per ogni cinque edizioni portate a termine gli atleti ricevono un premio speciale “Io c’ero” di ceramica faentina. In pochi infatti sanno che a Faenza la tradizione della ceramica risale addirittura al XII secolo e che in città sono dislocate più di 60 botteghe artigianali. Gli accompagnatori in attesa del taglio del traguardo possono visitare il MIC, il Museo Internazionale delle Ceramiche. Oltre ad ospitare mostre temporanee, infatti, al MIC è allestita una delle più grandi collezioni di ceramiche (moderne e antiche) del mondo! Una bella passeggiata nel centro storico vi regalerà scorci davvero deliziosi, tra il Duomo, la Fontana monumentale e la Torre Civica in Piazza della Libertà e il Palazzo Manfredi col superbo loggiato e quello del Podestà in Piazza del Popolo! Se preferite farvi ispirare da un tour più particolare, potete consultare la pagina dedicata dalla ProLoco agli “itinerari” e scoprire che esiste l’itineraio Manfrediano, quello dedicato alla scoperta del Borgo Durbecco e alle Mura, quello della Faenza Romana… insomma, mentre i runners suderanno nella loro impresa da 100km voi potrete scoprire le bellezze del posto, senza dimenticare l’appuntamento a tavola! Tra tortelli di ricotta, cappelletti, passatelli in brodo, tagliatelle al sugo di salsiccia di cinta o con salsa di scalogno e secondi a base di carne (mora romagnola, anatra, faraona per dirne alcune) avrete decisamente l’imbarazzo della scelta. E se proprio preferite una specialità veloce e senza tempo, non lasciate la regione senza aver assaggiato la mitica piadina! Noi ne abbiamo mangiate di clamorose a Cesenatico, a una cinquantina di chilometri da Faenza. 
Indirizzo MIC: Viale Baccarini 19
Orari: dall’8 ottobre al 31 marzo dal martedì al venerdì 10-13.30; sabato, domenica e festivi 10-17.30
          dal 1 aprile al 7 ottobre dal martedì alla domenica 10-19.
Prezzi: 8€ intero, 5€ ridotto. 
Buon Run&Travel!
Lorenzo Bianchi

POTREBBERO INTERESSARTI...

1 commento

Krilù 15 Marzo 2014 - 13:46

Un impegno notevole per i partecipanti, sia per la lunghezza del percorso che per i dislivelli. Sono davvero ammirevoli. Chissà se all’arrivo sarà loro rimasta energia sufficiente per ammirare le attrattive turistiche faentine?
Quanto alle piadine non sarà necessario arrivare fino a Cesenatico per gustarne di ottime.

Rispondi

Lascia un commento