Home » Asia » Thailandia » Inusuale Bangkok: Erawan Museum

Inusuale Bangkok: Erawan Museum

Erawan Museum Bangkok
Bangkok Erawan Museum

Erawan Museum – foto | Digital Thangka

 
Cosa vedere a Bangkok? Tutte le guide vi intimeranno di non partire dalla capitale della Thailandia senza aver visto la terna sacra composta da Wat Phra Kaew (il Tempio del Buddha di Smeraldo), Wat Pho (Il Tempio del Buddha Disteso),  Wat Arun (il Tempio con la torre alta 82 metri!), il Palazzo Reale, il Chatuchak (il mercato coperto) e il mercato galleggiante.

Cosa vedere a Bangkok

Cosa vedere a Bangkok? Noi vi suggeriamo di pianificare il vostro viaggio a Bangkok in modo da ritagliarvi una mezza giornata per visitare anche il bellissimo Erawan Museum, nel distretto di Samut Prakan.
Si tratta di un tempio che pochi conoscono e che spesso viene cancellato dal programma perché la sua ubicazione richiede il transfer in taxi (circa 60bht a tratta) o in autobus (circa 15 bht a tratta).
Non lasciatevi scoraggiare da questo particolare: potrete vedere un luogo estremamente particolare che difficilmente riuscirete a dimenticare!
 
Bangkok Particolare Erawan

Particolare Erawan – foto di Leslie Ware

Erawan Museum di Bangkok

La piccola struttura, tutta rosa, è sormontata da una imponente scultura che rappresenta un elefante alto una trentina di metri dotato di tre teste (Airavata, il mitico elefante bianco, Erawan in lingua thai, che normalmente trasporta il dio hindu Indra): per quanto dall’esterno possa sembrare kitsch, la visita vi regalerà grandi emozioni appena varcato l’ingresso!
L’Erawan Museum nasce infatti come luogo di esposizione della inestimabile collezione del ricco Lek Viriyapant ma diventa presto un luogo di grande venerazione dei locali che vi si recano nella convinzione che le proprie preghiere verranno esaudite! 
La struttura si articola su tre livelli – serviti all’occorrenza anche da un ascensore – che rappresentano l’universo secondo la filosofia indo-buddhista: al primo piano c’è il mondo sotterraneo (“Underworld”), al secondo il mondo terrestre (“Mount Meru”) e al terzo il cielo (“Tivatimsa Heaven”).
 
Bangkok Erawan Museum

Erawan Museum, Mount Meru foto | Leslie Ware 

Bangkok Erawan Museum

Erawan Museum, Mount Meru – foto | h0n3yb33z su flickr

Bangkok Erawan Museum

Erawan Museum, particolare della cupola del Mount Meru foto | Digital Thangka

 
Bangkok Erawan Museum

Erawan Museum, Tivatimsa Heaven foto | Leslie Ware

I 3 livelli dell’Erawan Museum

Nell’ambiente sotterraneo potrete ammirare moltissime porcellane, vasellame di origine orientale (vasi delle dinastie Ming e Qing, ceramiche Sangkhalok e Benjarong, servizi da tè Chakri) e oggetti di antiquariato. Grazie a pannelli in lingua inglese potrete approfondire la storia di questo tempio ma dovrete fissare tutto a mente perché nel primo livello non è consentito scattare foto.
Nell’ambiente terrestre resterete stupefatti dalla cupola riccamente decorata, dagli stucchi che impreziosiscono gli archi, dalle scale che si avviluppano grazie alla sinuosa forma di un dragone e dai pilastri scolpiti per raccontare storie tratte dalle quattro più importanti religioni. 
Il piano superiore, a cui si accede attraverso una scala a chiocciola, sembra una grotta dalle luci soffuse e il cielo di un intenso blu: qui potrete trovare molti simboli cari al buddhismo, tra cui pregiate statue del Buddha. 
 
Bangkok Erawan Museum

Erawan Museum, particolare del giardino tropicale foto di Digital Thangka

Viriyapant non riuscì a vedere completato il suo progetto (tra ideazione e realizzazione furono impiegati dieci anni) ma i figli mantennero fede alla promessa fatta al padre, realizzando la struttura secondo la sua volontà. 

Il Giardino tropicale dell’Erawan Museum

All’uscita, una piacevole passeggiata nel giardino tropicale vi sorprenderà sopra ogni cosa: e non per le sculture, non per i percorsi caratterizzati da ameni ruscelli e piante esotiche, ma per il silenzio soprannaturale che vi regna, una specie di isola felice nel caos a cui vi avrà abituati Bangkok! 
Bangkok Erawan Museum

Erawan Museum, particolare del giardino tropicale foto di Digital Thangka

Nel prezzo d’ingresso è compreso un fiore di loto che tutti fanno galleggiare in una vasca del giardino, dopo aver espresso un desiderio.
Se il fiore si ferma, vorrà dire che per la realizzazione della vostra preghiera sarà necessario un po’ di tempo… in più!
La raccomandazione: l’Erawan Museum è un luogo di culto, ricordate di indossare un abbigliamento consono all’ambiente se non volete che vi venga negato l’accesso.
Indirizzo: 99/1 Moo Bang Mianmai, Samut Prakan
Orari: tutti i giorni dalle 8 alle 17
Prezzi: 300 bht adulti, 150 bht bambini
Come arrivare: prendete lo Skytrain e scendete a On Nut (linea di Sukhumvit). Da qui, prendete un bus – il 511 o il 508  perché hanno l’aria condizionata – e scendete al Museo. Se l’autista non capisce la vostra destinazione, limitatevi a dire Chang, che in lingua thai significa proprio elefante! 
 
Bangkok Erawan Shrine

Erawan Shrine foto | krashkraft

 

Da sapere

La chicca 1: NON confondete l’Erawan Museum con l’Erawan Shrine, un tempio nel centro di Bangkok dedicato a Brahma.
Questo piccolo tempio con una statua a quattro teste sorge nel terreno del Grand Hyatt Erawan Hotel.
Pensate che, per propiziare una costruzione senza intoppi, all’epoca del primo Erawan, poi raso al suolo per costruire l’attuale hotel, venne eretta una piccola casa degli spiriti.
Poiché una serie di incidenti funestò i lavori, si decise per la costruzione di un delizioso tempietto dedicato a Brahma.
Oggi, il luogo è meta di credenti e laici perché pare che funzioni egregiamente contro la malasorte: prova ne sono le ballerine che si esibiscono nei pressi del tempio quando la preghiera di qualcuno è stata esaudita! Provare per credere!
 
Bangkok Erawan Shrine

Erawan Shrine

La chicca 2: nella torre centrale del Wat Arun, potrete ammirare il particolare del dio Indra trasportato dall’elefante a tre teste, Erawan!

POTREBBERO INTERESSARTI...

1 commento

Fabiana Del Nero 7 Agosto 2013 - 6:45

Ottima dritta!
In effetti non ci sono ancora stata, ma a novembre tornerò in Thailandia per il Loy Krathong, potrebbe essere una meravigliosa occasione per regalarsi un’emozione in più!:))

Rispondi

Lascia un commento