Home » Asia » Turchia » Sanliurfa, visita alla Città dei Profeti

Sanliurfa, visita alla Città dei Profeti

Sanliurfa

Sanliurfa è una bellissima città della Turchia (conosciuta anche come Urfa o col suo vecchio nome, Edessa) meta ogni anno di centinaia di migliaia di pellegrini in quanto considerata la Città dei Profeti.

Sanliurfa

I fedeli sono infatti convinti che Sanliurfa abbia dato, oltre a Giobbe, i natali ad Abramo (la Moschea Mevlid-i Halil Camii è stata eretta nei pressi della grotta dove è nato il profeta e dove si dice sia stato nascosto per 7 anni per sfuggire alla strage di neonati maschi ordinata da Nemrut – o il biblico Nimrod – per sfuggire alla profezia) e molte sono le leggende che rendono alcuni suoi luoghi sacri per i cristiani, per gli ebrei e per i musulmani.

Di fronte alla Moschea, ad esempio, c’è la Piscina del pesce sacro, la Balıklıgöl, considerata luogo di venerazione poiché la tradizione tramanda che il re Nemrut, infuriato con Abramo per essersi scagliato contro le divinità pagane, ordinò di gettarlo su una pira tramite una catapulta dall’alto della collina dove oggi sorge la fortezza e assistette, invece, al miracolo della trasformazione delle fascine in pesci e del fuoco in acqua.

Abramo non solo non morì arso vivo, ma atterrò su un tappeto di rose profumate. Oggi, accanto alle vasche rettangolari popolate da carpe sacre si trova un odoroso roseto e la Moschea Halilur Rahman Camii. Altri siti nelle immediate vicinanze molto visitati (e fotografati) sono la Riznvaniye Vakfi Camii e la Medresesi

 

Rizvaniye Vakfi Camii and Medresesi

Rizvaniye Vakfi Camii and Medresesi foto | ccarlstead

 

Da non perdere anche il grande bazaar, aperto dal lunedì al sabato, suddiviso in una zona coperta e in una labirintica serie di vicoli dove è possibile comprare di tutto. Il Bedesten è l’antico caravanserraglio dove un tempo si vendevano pregiate stoffe in seta e dove oggi, con un po’ di fiuto e capacità a mercanteggiare, si possono fare degli ottimi affari. Non dimenticate una tappa nel piccolo ma ricchissimo Museo cittadino (aperto da martedì a domenica dalle 8 alle 12 e dalle 13.30 alle 17), dove potrete ammirare oggetti rivenuti in campagne di scavo nella zona e risalenti addirittura al neolitico (come il sito archeologico di Gobekli Tepe, situato a circa 15 km, e considerato la più antica costruzione religiosa al mondo!). 

Fortezza sulla collina

Fortezza sulla collina foto | GoGap


Ma Sanliurfa è bella anche dall’alto: dalla fortezza ubicata sul promontorio (aperta dalle 8 alle 20) si gode un magnifico panorama sulla città dei profeti e i suoi gioielli. La fatica della salita (mediante una scalinata o un tunnel scavato nella roccia) è sicuramente ripagata dalla visita alla cittadella, delle due colonne conosciute come il Trono di Nemrut e dalla vista straordinaria: val la pensa dire, però, che la stessa fortezza, tutta illuminata di notte, è un vero spettacolo! 

Sanliurfa

Sanliurfa

 

La chicca: la città si chiamava semplicemente Urfa ma, poiché la vicina Antep nel 1973 cambiò il nome in Ganziantep (= Eroica Antep), si decise nel 1984 per il cambio in Sanliurfa (= Gloriosa Urfa)! 
 

Come arrivare: la città è servita da un aeroporto che la collega alle principali città italiane con Turkish Airlines e Pegasus Airlines tramite scalo a Istanbul. Chi vuole, può raggiungere Sanliurfa dalla capitale turca, preferendo all’aereo un autobus ma mettendo in conto una ventina di ore di viaggio (la distanza da coprire è di circa 1300 km!) e circa 40€ di spesa: una simile ipotesi è fattibile allorché si decida per un viaggio on the road alla scoperta del sud-est del paese.

POTREBBERO INTERESSARTI...

7 commenti

Monica Nardella 17 Gennaio 2013 - 17:13

@nicki: e non sai che fatica sceglierne solo alcuni!
@patrick: su harran volevo fare un posta a parte (e collegarli) più in là quando, spero, le acque si calmeranno. P.S. l’atmosfera spesso “fa” tutto il viaggio!
@thenature: grazie!
@fantasie: dovremmo prendere un po’ di vitamine!
@ambra: credo proprio di sì!
@neveverde: grazie per l’apprezzamento!!!

Rispondi
neveverde 10 Gennaio 2013 - 11:04

mi ispira questo posto, i luoghi con una storia alle spalle hanno un energia diversa….
grazie per esserti fatta conoscere pra ti seguo anche io…con interesse..

Rispondi
Ambra 9 Gennaio 2013 - 8:43

Un altro mondo! Varrebbe proprio la pena di visitarla.

Rispondi
Fantasie di fata ♥ country e shabby chic ♥ 7 Gennaio 2013 - 21:32

bel reportage 🙂 pure io sono più stanca adesso che prima delle feste di Natale @.@, decisamente faticose!!!! Lenta la ripresa!! Un bacione 🙂

Rispondi
The Nature Jotter 7 Gennaio 2013 - 19:41

sembra davvero una meta fantastica! Belle anche le foto! Ora ti seguo anche su facebook! 🙂

Rispondi
patrickcolgan 7 Gennaio 2013 - 17:21

Città bruttina in sé(a parte il giardino del Golbasi), ma contesto e atmosfera sono fantastici. E si mangia benissimo (urfa kebab, ma non solo)!
Non citi Harran, luogo da vedere, ma chissà se ora è tranquillo… è al confine con la Siria.

Rispondi
nicki stauble 7 Gennaio 2013 - 15:30

Luogo intriso di sacralità e bellezza …
eccellenti i Click che documentano una “meta” di viaggio interessante..

Niki

Rispondi

Lascia un commento