Home » Italia » Trentino Alto-Adige » #PaganelladaUrlo: week end sulle Dolomiti di Brenta Paganella

#PaganelladaUrlo: week end sulle Dolomiti di Brenta Paganella

Alba sulla Paganella

Era una notte buia e tempestosa…” Immaginavo questo incipit al mio racconto già mentre il Frecciabianca correva veloce verso Trento ma sarebbe davvero ingeneroso verso le due sere rischiarate dalla luna e dal riverbero sfacciato del manto bianco che ricopriva tutto!

Allora, come introdurre un luogo magico, dove Madre Natura ha scolpito le guglie delle montagne, ha concesso loro il vezzo di specchiarsi nelle acque del lago di Molveno e di vestirsi di boschi rigogliosi? #PaganelladaUrlo può sintetizzare bene l’idea? Noi crediamo di sì!

Le Dolomiti di Brenta Paganella

Il weekend appena trascorso sulle Dolomiti di Brenta-Paganella ci ha regalato un sogno, fatto di benessere, sport, attività e buon cibo in una cornice strepitosa! Il primo approccio con questo scorcio di Trentino è avvenuto a tavola (neanche a dirlo!) con un’appetitosa cena all’Agriturismo Il Filo d’Erba a Fai della Paganella.

Agriturismo Il Filo d'Erba

Agriturismo Il Filo d’Erba

Dove mangiare sulle Dolomiti di Brenta Paganella

Questo delizioso agriturismo, ricavato in un ex fienile arredato con semplicità e calore, gode di una vista spettacolare sulle montagne e non poteva non valorizzare la sua posizione con finestroni panoramici che contribuiscono ad arricchire l’esperienza sensoriale della cena! Ci troviamo per l’esattezza a Fai della Paganella.

Lo chef ci ha deliziati con piatti tipici della cucina trentina abbinati a vini che ne hanno esaltato i sapori: provate il Sotsas e scoprirete che cosa significa un vino “ruffiano”! 

Alpenroyal Belvedere 

Alpenroyal Belvedere

 

Dove dormire sulle Dolomiti di brenta Paganella

Per l’hotel di Molveno in cui abbiamo alloggiato, vale sicuramente la locuzione latina nomen omen: l’Alpenroyal Belvedere Wellness Resort gode dell’abbraccio rassicurante delle montagne da un lato e del lago di Molveno dall’altro, in una posizione panoramica davvero invidiabile! 

 Panorama dalla camera dell'hotel

Panorama dalla camera dell’hotel

La nostra stanza sembrava, anzi no, era un appartamento, con salotto, armadi a scomparsa, letto king size, balcone e bagno doppio: una reggia, insomma! 

Camera dell'hotel

Camera dell’hotel

Il dolce oblio in cui ci ha catturati morfeo è durato poco a causa del trillo della sveglia che ci ha catapultati fuori dalla stanza per ammirare l’alba sulle Dolomiti!

 

Sciare all’alba in quota

Imbacuccati di tutto punto e fieramente muniti del nostro Skipass Paganella Brenta, alle 6.30 abbiamo iniziato l’ascesa della cima Paganella, prima in cabinovia e poi in seggiovia. Nonostante l’ora, eravamo in buona compagnia: contrariamente a quanto pensassimo, non eravamo i soli a voler sperimentare l’ebbrezza dell’alba in quota e col senno di poi, abbiamo capito perché! 

Alba sulla Paganella

Alba sulla Paganella

L’aria pungente del mattino ci ha scrollato di dosso ogni residuo di sonno e giunti a 2.125 metri abbiamo potuto assistere allo spettacolo più incredibile che ci sia mai capitato di vedere: nel buio, si è aperto uno squarcio di arancio che ha gradualmente infuocato il cielo fino a tingere di rosa le montagne. Se il Paradiso esiste, noi lo immaginiamo esattamente così!

Alba sulla Paganella

Alba sulla Paganella

 

Il calduccio del Rifugio La Roda e il profumino della colazione, nostro malgrado, ci hanno strappati alle prime luci dell’alba, facendoci entrare a fare un pieno di energie prima di lanciarci nell’intenso programma di attività: a voi la scelta di un menù dolce o di un piatto a base di uova e bacon!

 Alba sulla Paganella dalla terrazza del rifugio

Alba sulla Paganella dalla terrazza del rifugio

Qualcuno si è cimentato nello sci alpino con l’entusiasmo di chi sa di avere a disposizione 23 piste (persino una nera olimpionica!) studiate in modo da soddisfare le esigenze di tutti (dai principianti a quelli più esperti) e ben 17 impianti di risalita che consentono di sfruttare al massimo la giornata in montagna!

Nei 50km di neve, troverete anche piste di fondo, il nuovissimo Snowpark per gli appassionati di snowboard, campi scuola e, ogni anno, qualche novità che non mancherà di entusiasmarvi (come la Pista Nuvola Rossa)!

Pensate che gli standard del comprensorio sono talmente elevati da rendere la Paganella negli ultimi anni, la sede ufficiale degli allenamenti di due nazionali di sci, prima gli USA e ora la Norvegia! 

Seggiovia Albi de Mez - Cima Paganella

Seggiovia Albi de Mez – Cima Paganella

 Sci Alpino

Sci Alpino

 

Ciaspolata sulle Dolomiti di Brenta Paganella

Noialtri, invece, abbiamo preferito ciaspolare e, se non avete mai provato, non abbiate esitazioni: è un’attività che non richiede allenamento, visto che dovrete semplicemente camminare con delle racchette da neve ai piedi! 

 Ciaspolata

Ciaspolata

Con la nostra guida alpina, Claudio Kerschbaumer, ordinatamente disposti in fila indiana, abbiamo passeggiato per un’oretta, costeggiando per un breve tratto la pista di fondo e il laghetto carsico di Andalo completamente ghiacciato (in condizioni ottimali, si può ciaspolare anche in alta quota, sulle Cime del Canfedin)! 

Ciaspolata

Ciaspolata

La neve fresca scricchiolava ad ogni passo ma, a parte questo, non si sentiva che un silenzio irreale rotto, durante le  soste, solo dalla voce di Claudio che ci ha raccontato il bosco, degli animali che lo popolano, degli abeti bianchi e rossi (e di come si distinguono dalla posizione delle pigne!), dei sentieri che si inerpicano mostrando scorci a sorpresa. Un’esperienza davvero imperdibile! Se vi cimenterete anche voi in questa attività, scoprirete quanto stimoli l’appetito, visto che, sfilate le ciaspole, abbiamo gradito la notizia di un pranzetto a La Roda!

Siamo tornati quindi un quota e i colori della montagna erano cambiati di nuovo per effetto di un timido sole che ci ha trattenuti qualche minuto in più all’aperto a scattar foto dalla terrazza panoramica! Il rifugio merita di essere scelto per la pausa pranzo, oltre che per le doti culinarie del cuoco, anche per la lodevole vocazione all’ecosostenibilità.

Consapevoli di trovarsi in un luogo bellissimo che va tutelato oltre che valorizzato, i proprietari, grazie a semplici accorgimenti, ottimizzano il consumo di energia e di acqua e smaltiscono i rifiuti con la differenziata, sensibilizzando i clienti a fare altrettanto. Dieci e lode, ragazzi! 

 Sleddog

Sleddog

 Sleddog

Sleddog

 Sleddog

Sleddog

 

Escursioni in Sleddog e Cooking Class

Scesi di nuovo ad Andalo, una parte del gruppo si è cimentata nello Sleddog (un’escursione alla guida di una slitta trainata da bellissimi huskie, con un istruttore a capo della prima muta) e l’altra in una cooking class nella cucina dell’Agriturismo Il Filo d’Erba: da sabato, lo strudel non ha davvero più segreti per me (che poi io riesca a prepararne uno tanto buono quanto quello di Paolo, è un’altra storia)!

Cooking Class

Cooking Class

Poteva mancare la slitta?

Finita lì? Assolutamente no! Persino la cena a La Tana dell’Ermellino ha rappresentato un’esperienza surreale: all’andata abbiamo raggiunto il rifugio con una slitta da 11 posti trainata da cavalli mentre al ritorno abbiamo utilizzato una motoslitta!

Provate a immaginare la scena: inverno, ore 21, due cavalli trainano una slitta verso il sentiero ammantato di neve che si inoltra nel bosco, buio tutto intorno e silenzio assordante. Ogni tanto, si sente la donna alla guida della slitta schioccare la lingua. Il richiamo esorta i cavalli a procedere o li riallinea sulla retta via. 

 Slitta trainata dai cavalli

Slitta trainata dai cavalli

E noi restiamo per lunghi tratti ammutoliti dalla bellezza di questo tragitto. Io mi sento un po’ come Lara avvinghiata al suo Jùrij Andrèevič nel Dottor Zivago con l’unica differenza che questa è realtà, non un romanzo! La cena è stata superlativa, non impigritevi all’idea di dover raggiungere il rifugio a piedi o in slitta: andate e gustate i loro piatti poi, come sempre, ci ringrazierete!!!

 Parco Faunistico di Spormaggiore

Parco Faunistico di Spormaggiore

Il Parco Faunistico di Spormaggiore

L’indomani il programma prevedeva la visita del Parco Faunistico di Spormaggiore: con un po’ di fortuna, avremmo potuto vedere uno dei tre orsi bruni che vivono in un’oasi naturale di 7.000 mq! In questo parco, infatti, si cerca di preservare le condizioni ottimali perché questi esemplari possano vivere in un ambiente il più fedele possibile a quello naturale, pur essendo in cattività. 

 Avvistamento lupi

Avvistamento lupi

 Avvistamento lupi

Avvistamento lupi

Oltre agli orsi, che purtroppo non abbiamo avvistato (saranno in letargo?), vivono nel parco, in un’area di 3.500 mq, tre lupi che, fortunatamente, abbiamo potuto vedere da due “osservatori” che si protendono nell’area a loro riservata grazie alle pareti vetrate. Un’emozione che, siamo sicuri, potrete provare anche voi, soprattutto se sarete con i vostri bambini!  

Gli standard di sicurezza sono elevatissimi, sia per gli animali che per i visitatori (non dimentichiamoci che parliamo di animali di categoria A:  carnivori e pericolosi). I bambini non mancheranno di entusiasmarsi durante la visita anche alla simpatica “fattoria”: caprette, conigli, galline, pony e pavoni saranno sicuramente oggetto di grande curiosità!

Il responsabile ci ha mostrato le aree riservate al gatto selvatico e alle coppie di gufi reali e ci ha anticipato che sono in costruzione altre aree per accogliere la lince, la lontra e la volpe, tre specie che arricchiranno ulteriormente le attrattive del parco! 

 Castel Belfort

Castel Belfort

Apicoltura e Miele sulle Dolomiti

Di ritorno da Spormaggiore, fermatevi a degustare uno dei prodotti a base di miele nell’Apicoltura Castel Belfort, ai piedi dell’omonimo Castello. Non solo scoprirete gustose varietà monofloreali (e assaggerete mieli pluripremiati) ma imparerete i numerosi impieghi che ne fanno in azienda: grappe, caramelle, aceti, candele, saponi, creme e tanto altro ancora! 

Apicoltura Castel Belfort

Apicoltura Castel Belfort

 Ristorante Antica Bosnia

Ristorante Antica Bosnia

La degustazione ha stimolato un discreto languorino e al Ristorante Antica Bosnia i nostri palati hanno decisamente trovato la meritata soddisfazione con piatti tipici trentini (cucinati in maniera egregia) e innaffiati con vini locali ottimi! Un plauso speciale alla proprietaria che ci ha accolti con calore ed entusiasmo in un locale piccolo ma romantico, con tanto di camino e candele!

Ci sono luoghi che ti restano solo negli occhi, altri, nel cuore e la Paganella ha catturato un pezzetto del nostro! 

Paganella

Paganella

 

INFO UTILI

Ciaspole: sono previste escursioni brevi (2h – 2h30m a partire dalle 10 del mattino), di un’intera giornata (6h a partire dalle 9 del mattino), serali (2h a partire dalle 21) serali con cena a seguire (circa 5h a partire dalle 17). Prezzi: 20€ a persona, 50€ a persona per la ciaspolata con cena. https://www.visitdolomitipaganella.it/it/ciaspole-racchette-da-neve/

Centro Sleddog Andalo: località Colìn. Per info 335 6305428. (http://www.windshot.it/centro-sleddog-.html)

Slitta Trainata da cavalli: servizio gestito dal Centro di Equitazione di Andalo. L’escursione dura un’ora e costa 15€ a persona (7,50€ bambini dai 3 ai 10 anni, gratis under 3 anni. Sono previsti sconti per i possessori della Winter Card). L’escursione con cena costa 46€. https://www.visitdolomitipaganella.it/it/escursioni-slitta-cavalli-andalo/

Parco Faunistico Spormaggiore: apertura eccezionale il sabato e la domenica di gennaio e di febbraio dalle 11 alle 16. Prezzi 6€ intero, 5€ ridotto, gratis under tre anni e 14€ biglietto famiglia. http://www.parcofaunistico.tn.it/sito/index.php

Apicoltura Castel Belfort: Loc. Castel Belfort, 2 Spormaggiore. Per info 0461 653168. https://www.apicolturacastelbelfort.it/

POTREBBERO INTERESSARTI...

38 commenti

Monica Nardella 21 Febbraio 2013 - 16:36

@tutti: vi ringrazio per il sostegno, il tifo, i voti, le parole, il passaparola, l’entusiasmo!!! Se abbiamo vinto è anche merito vostro!!! GRAZIEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

Rispondi
GARNI LAGO NEMBIA 7 Febbraio 2013 - 16:42

Complimenti per la vittoria! Resoconto della vacanza perfetto…non vediamo l’ora di leggere nuovi racconti di viaggio!

Pasquale & Alexandra

Rispondi
Alessandra Granata 31 Gennaio 2013 - 22:36

Eh va behhhhh….Ma Monica…mi vuoi proprio far stramazzare giù dal divano???!!!??? Non so se sto sbavando per la sciata all’alba (non ho mai infilato gli scaroponi prima delle 11…io sono un ghiro), le ciaspole, i lupi o lo strudel…
Se torni fai un fischio che la Banda Rospi si aggrega però!!!

Rispondi
attebasilE Elisabetta Antonelli 31 Gennaio 2013 - 22:02

Complimenti! 🙂

Rispondi
Sandra M. 31 Gennaio 2013 - 15:00

Ma che meraviglia! Ciaspolerei volentierisimooo….

Rispondi
Anonymous 31 Gennaio 2013 - 13:02

bellissimo!!!grazie Monica
Antonella

Rispondi
Anonymous 30 Gennaio 2013 - 16:49

BELLISSIMO
COMPLIMENTI MONICA

Rispondi
Anonymous 30 Gennaio 2013 - 12:50

bellisssimo!!!!vacanze stupernde!!

Rispondi
viaggiareconibambini 30 Gennaio 2013 - 10:40

ho degli splendidi ricordi della paganella tra l’altro nella vicina Andalo c’ il Disney fun ,d’inverno non sò come sia ma d’estate ci sno tantissime attività da fare in famiglia ,ciao un saluto

Rispondi
mark 29 Gennaio 2013 - 14:17

Così è troppo facile, non si può fare il turista di mestiere alla faccia nostra 😉

Rispondi
Anonymous 29 Gennaio 2013 - 10:00

Ciccia!!!! Sei sempre la migliore!!Tutto bellissimo!…..annamosene tutti in montagna!!!…che é meglioooo!

Fiora

Rispondi
Sara 27 Gennaio 2013 - 22:48

Grandioso!è una foto veramente spettacolare!

Rispondi
emme 27 Gennaio 2013 - 13:42

che bellissimo racconto di viaggio, che belle immagini.. ed anche l’idea della ciaspolata: vorrei proprio provare!
🙂
emme

Rispondi
Vele Ivy 27 Gennaio 2013 - 10:15

Che meraviglia la prima foto, cattura tutto il meraviglioso rosa delle Dolomiti!E che dire delle altre? i cani da slitta, i cavallini sotto la neve… sono proprio le atmosfere da sogno che amo!

Rispondi
Fra 26 Gennaio 2013 - 11:54

Meraviglioso anche questo post… ho appena letto quello di girl with the suitcase… 🙂 che posti incantevoli!

Rispondi
dona 25 Gennaio 2013 - 23:54

Che dire? Ti sei scelta un gran bel mestiere! 🙂

Rispondi
Pupottina 25 Gennaio 2013 - 21:26

mai stata sulle Dolomiti!!!
mi piacerebbe tantsissimo

Rispondi
The white cabbage 25 Gennaio 2013 - 19:53

ciao, ti ho scoperta per caso e vedendo questo post mi è venuto un colpo al cuore ! Io in Paganella sono nata e sono cresciuta e questi panorami sono stati il leit motiv della mia giovinezza.
Ricordo le belle sciate fuori stagione , il disgeli, e le prime primule , le genziane e i ranuncoli,i mughetti raccolti nei prati ( era consentito) la torta di patate di Cavedago o Spormaggiore .
Ma ogni volta che torno , mi pare di riprendere un discorso che non si è mai interrotto….tutto è cambiato…nulla è cambiato

ave

Rispondi
Anonymous 25 Gennaio 2013 - 17:05

Grandissima Monica!!! Splendide foto! E una scrittura perfetta! La prossima volta parto con te! 😉

Rispondi
Anonymous 25 Gennaio 2013 - 12:58

La foto dell’alba sulle Dolomiti mi ha affascinato, la foto della preparazione dello strudel…mi ha convinto!!
Reportage impeccabile (come al solito).
Irene

Rispondi
Anonymous 25 Gennaio 2013 - 12:14

meraviglioso!!! bisogna andare!!!!
Antonella

Rispondi
Krilù 25 Gennaio 2013 - 13:05

Ci andrei di corsa … Da troppi anni non vedo le montagne d’inverno 🙁
Complimenti per le tue belle foto.

Rispondi
Anonymous 25 Gennaio 2013 - 11:59

Posto a dir poco Meraviglioso!!!!! Non ci resta che partire!!!!!!
Daniela

Rispondi
Anonymous 25 Gennaio 2013 - 11:29

Bellissimo posto e che foto!!
Certo la sveglia all’alba sarà stata dura

Giuseppe

Rispondi
dada 25 Gennaio 2013 - 11:11

Complimenti Monica, un servizio splendido
mi è venuta una gran voglia di partire

Rispondi
dada 25 Gennaio 2013 - 11:10

complimenti hai reso merito alle splendide Dolomiti, mi è venuta una gran voglia di partireeeee !! Brava Monica . kika

Rispondi
k.a. photography 25 Gennaio 2013 - 10:50

E bello sia d’estate che l’inverno!
Un bell’articolo, Monica!!
Ciao 🙂

Rispondi
Anonymous 25 Gennaio 2013 - 9:47

Complimenti Monica,

con il tuo articolo hai reso questo posto già incantevole di suo, davvero magico le foto e la descrizione così curata in ogni piccolo dettaglio mi hanno lasciato una sensazione magica, come hai detto tu un vero paradiso.
Prossimo viaggio quindi “Dolomiti” per vivere un sogno!!!!!

Grazie Monica

Carmen

Rispondi
Adriano Maini 25 Gennaio 2013 - 10:34

A dire il vero da quelle parti ci sono sempre stato d’estate… Ciao, Monica ! 🙂

Rispondi
Laura Saleggia 25 Gennaio 2013 - 10:21

un grande articolo…….con un sacco di notizie utile….bravi

Rispondi
Tomaso 25 Gennaio 2013 - 10:10

Cara Monica credimi! Non ci si stanca mai, di ammirare le tue belle foto, buona giornata.Tomaso

Rispondi
RobbyRoby 25 Gennaio 2013 - 9:56

ciao
che posto stupendo. Belle le foto. Waw che emozione vedere i lupi

Rispondi
Girovagate 25 Gennaio 2013 - 9:28

bellissimo post e fantastiche foto!!!
E avete visto anche i lupi! Osservare gli animali selvaggi nel loro habitat è una delle cose che mi piacciono di più…
Più di così non si può 🙂

Rispondi
GIULIA 25 Gennaio 2013 - 9:17

Cara Turista hai generato in me un senso di invia, positiva naturalmente,nei tuoi confronti…dal tuo racconto e dalle tue foto si capisce che è stata una fantastica esperienza sicuramente da fare!!!!!

Rispondi
ila 25 Gennaio 2013 - 8:53

Posti incantanti e meravigliosi…io li frequento molto di più d’estate, nascondo percorsi tra i monti veramente sorprendenti …ma devo dire che anche d’inverno con tutto quel candore non sono niente male…mi avete fatto venir voglia di constatare la differenza!! Il vostro racconto è molto bello e invitante…bravi!!!
Ciaociao

Rispondi
Costantino 25 Gennaio 2013 - 8:52

Sono effettivamente una meraviglias della natura!

Rispondi
Mercoledì 25 Gennaio 2013 - 8:51

Wow che belle foto!
Deve essere stato proprio un w-e… da urlo! 🙂

Rispondi
Ambiez Suite Hotel 25 Gennaio 2013 - 8:46

Quante emozioni e informazioni: spettacolare… si vede che fare il turista è il tuo mestiere Monica 😉

Meravigliose le foto: ci hai fatto scoprire nuovi colori e sfumature della nostra Paganella … grazie di cuore!

Rispondi

Lascia un commento