Home » Italia » Emilia Romagna » Trekking nella Riserva Geologica del Piacenziano per ammirare le conchiglie fossili!

Trekking nella Riserva Geologica del Piacenziano per ammirare le conchiglie fossili!

riserva geologica del Piacenziano
Riserva Geologica del Piacentano

foto gentilmente concesse da Davide Galli Gruppo Guide Ambientali Escursionistiche della Val Taro e Val Ceno

Oggi vi portiamo a spasso nella natura, ma in un contesto molto particolare: la Riserva Geologica del Piacenziano, per osservare da vicino le conchiglie fossili lungo i sentieri! A raccontare le suggestioni di questo originale itinerario (tra Lugagnano e Castell’Arquato) sarà  Davide Galli, una guida ambientale escursionistica di grande esperienza che saprà condurvi in totale sicurezza lungo il Rio Carbonaro (n.3, dove sono stati rinvenuti i resti di due balene!) e il Rio Stramonte (n.5). 

 

Riserva Geologica del Piacenziano

Riserva Geologica del Piacenziano

 
Quest’area della pianura padana è stata interessata dall’invasione del mare, in epoca preistorica, popolato da diverse specie marine grazie a un clima subtropicale. Quando le acque si sono ritirate e le terre sono emerse nuovamente, tracce dei molluschi sono rimaste nelle rocce, a testimonianza di questo eccezionale fenomeno geologico. Durante la passeggiata, suddivisa in due tappe di circa 5km ciascuna con una piacevole pausa per il pranzo a sacco, potrete quindi riconoscere queste testimonianze fossili di grande valore scientifico-culturale! 
 
Riserva Geologica del Piacenziano

Riserva Geologica del Piacenziano

Chi preferisce, può decidere di partecipare anche solo a uno dei due itinerari (rendendo quindi fattibile la partecipazione a chi è poco allenato e alle famiglie con bambini dai 6 anni in su). I due sentieri non sono contigui, per spostarsi dall’uno all’altro è necessario un transfer con l’auto. Per ulteriori dettagli, consultate la pagina Trekking Taro & Ceno
 
 
La chicca: con l’occasione, visitate anche il Museo Geologico, allestito nell’edificio dell’Ospedale Santo Spirito di Castell’Arquato.
La chicca 2: Leonardo da Vinci vide alcune conchiglie rinvenute nel piacentino quando era a Milano per la commissione della statua di Francesco Sforza e capì che si trattava di resti fossili (una descrizione dei “nicchi”, come li chiamava lui, è nel Codice Leichester). Nel percorso espositivo del museo potrete trovare una sezione dedicata al genio di Leonardo.
 
Dove e Quando: appuntamento il 4 novembre ore 8 presso l’Ufficio Turistico Bardi (PR) oppure ore 9 previo accordo in fase di prenotazione presso la piazza di Lugnano Val d’Arda (PC).
Prezzi: 15€ adulti, 5€ bambini e ragazzi fino a 18 anni, 10€ per i possessori di un buono sconto Coop Diaspro Rosso per l’escursione completa; 10€ adulti, 2€ bambini e ragazzi fino a 18 anni, 8€ per i possessori di un buono sconto Coop Diaspro Rosso per l’escursione in mattinata. Prenotazione obbligatoria entro il 3 novembre.
Contatti: 338 1059331 – 334 6506029 oppure mail davide.galli@trekingtaroceno.it
 
Museo Geologico
Indirizzo: via Sforza Caolzio 57, Castell’Arquato.
Orari: da novembre a febbraioapertura domenica e festivi dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17, nei giorni feriali l’apertura è su richiesta.
marzo, aprile, maggio, settembre e ottobre, apertura da martedì a venerdì dalle 10 alle 13, nel pomeriggio apertura su richiesta. Sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17. 
giugno, luglio e agosto, apertura sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 17; nei giorni feriali l’apertura è su richiesta.
Prezzi: 3,5€ intero, 2,50 ridotto (ragazzi 6-12 anni e over 65), gratis under 6.

POTREBBERO INTERESSARTI...

3 commenti

Mauro 25 Ottobre 2012 - 22:34

Perché Piacenziano e non Piacentino? Non capisco…
Saluti,
Mauro.

Rispondi
Patalice 25 Ottobre 2012 - 16:50

beh un giretto da farsi in effetti…

Rispondi
Alessandra Granata 25 Ottobre 2012 - 14:39

Wow Monica! Ma è a 2 passi da casa nostra!!! In agenda subitissimo!!!

Rispondi

Lascia un commento