Home » Sudamerica » Argentina » Meteore: Villa Epecuén, la città fantasma che riemerge dalle acque

Meteore: Villa Epecuén, la città fantasma che riemerge dalle acque

Epecuen
Villa Epecuén, costruita all’inizio del ‘900, era una nota località turistica e termale argentina, situata a sud-ovest di Buenos Aires.

Meta prediletta degli abitanti della capitale e della vicina Bahìa Blanca, era adagiata sulle rive dell’omonimo lago e contava circa 1.500 residenti fissi, attirando circa 25.000 visitatori nel periodo estivo grazie alle note proprietà curative delle sue acque, che hanno un’altissima concentrazione salina, quasi quanto quella del Mar Morto. Il 10 novembre del 1985 accadde qualcosa di terribile che portò questa ridente cittadina piena di vita a scomparire completamente.
La zona in cui è sita Epecuén è nota per essere soggetta ciclicamente (ogni 50 anni) agli Hemiciclos, periodi lunghi di umido e di secco. L’ultimo periodo umido, unitamente ad una forte alluvione, portò ad un progressivo innalzamento delle acque del lago che causarono la frattura dei muri di contenimento della vicina diga. In due giorni, Epecuén venne completamente sommersa e fu inevitabile l’evacuazione dei suoi abitanti: pensate che l’acqua, col tempo, raggiunse addirittura i 10 metri d’altezza!
 
Villa Epecuén

Villa Epecuén foto | OpenMinder

Nel 2009 le acque hanno iniziato a ritirarsi gradualmente sino a prosciugarsi, conferendo alla cittadina appena riemersa un aspetto spettrale e sinistro. Se le strade sono rimaste quasi intatte, infatti, tutto il resto testimonia quello sventurato evento: pali della luce sbilenchi, scheletri di alberi, carcasse di autovetture, mobili e suppellettili strappate alle case dalla furia dell’alluvione giacciono accatastate dal caso e dalla sventura. Lo scenario è surreale ma allo stesso tempo incredibilmente affascinante, non a caso meta di molti turisti amanti del genere “città fantasma”.
 
Villa Epecuén

Villa Epecuén foto | OpenMinder

Dei 1500 abitanti che risiedevano nel 1985 a Villa Epecuén, solo uno è voluto tornare per restarci, nonostante l’inabitabilità del luogo: è l’ultra ottantenne Pablo Novak, che ha deciso di passare gli ultimi giorni della sua vita “a casa sua”…
 
Villa Epecuén

Villa Epecuén dall’alto

Se volete vedere altri bellissimi scatti di un recente reportage, cliccate su questo link di The Atlantic.
La chicca: La vicina cittadina di Carhué ha ereditato i benefici effetti del lago ed ha costruito un proprio centro termale, oggi meta anche di tanti turisti che uniscono al benessere la curiosità di conoscere e visitare Epecuén. 
Come arrivare: chi fosse interessato a visitare questi luoghi, può raggiungerli, partendo da Roma, con la compagnia aerea Air Europa: dopo due scali (uno a Madrid e l’altro a Buenos Aires), dovrà arrivare a Bahìa Blanca, la città più vicina al Lago Epecuén (circa 200 km).
Villa Epecuén è solo l’ultima delle nostre Meteore!  
Articolo redatto da Cinzia A.C.

POTREBBERO INTERESSARTI...

3 commenti

TuristadiMestiere 13 Ottobre 2012 - 9:00

@sara: visto???
@paòlo: affascinante, a suo modo.

Rispondi
Paòlo 14 Settembre 2012 - 20:39

Questa mi mancava, che storia.

Rispondi
Sara... 14 Settembre 2012 - 13:23

Ho visto le foto.. che impressione!Davvero surreale!

Rispondi

Lascia un commento