Home » Africa » Marocco » Asilah, la città degli artisti

Asilah, la città degli artisti

Asilah Marocco
Asilah è una pittoresca cittadina situata sulla costa nord-occidentale del Marocco, a una quarantina di chilometri da Tangeri. Quando percorrerete le sue strade, avrete per un attimo la sensazione di essere stati catapultati in un’isola greca: merito delle mura imbiancate a calce e delle porte e delle finestre blu cobalto! 

Asilah

La medina

La medina

La Medina

La Medina

Se i greci non hanno avuto alcun influsso sulla cittadina, a determinarne le sorti sono stati sicuramente gli spagnoli (pensate che è stata parte del protettorato spagnolo tra il 1911 e il 1956), i portoghesi (che hanno costruito le fortificazioni in pietra che ancora oggi abbracciano il nucleo centrale di Asilah) e gli artisti. Vi consigliamo una passeggiata nella Medina perché tra quelle marocchine, rappresenta un unicum: è sorprendentemente pulita e ordinata! 
 
La Medina

La Medina

Asilah vista dal mare

Asilah vista dal mare

La ragione pare essere una precisa scelta del primo cittadino che ha sottoposto a un restyling l’intero quartiere, anche e soprattutto per presentare una città impeccabile all’appuntamento del Festival di Asilah, che ha luogo ogni anno nel mese di luglio. 
Asilah, Festival del 2012

Asilah, Festival del 2012

street art asilah

Asilah, Festival 2012

Asilah-street-art-morocco

Asilah, Festival 2012

Per tre settimane, gli artisti provenienti da ogni parte del mondo, invitati all’evento, utilizzano le mura cittadine come delle enormi tele da dipingere e ne vengono fuori graziosi scorci a ogni angolo si svolti! Il “quadro” che vince la competizione non verrà imbiancato in occasione del successivo festival ma resterà a decorare il muro per 7 anni!
La chicca: se volete arrivare alla spiaggia di Asilah, prendete un un taxi speciale: un carretto trainato da un asinello e guidato da un ragazzino. Vi condurrà a destinazione e, previo appuntamento tornerà a prendervi. Non correrete il rischio di rimanere a piedi poiché pagherete solo al ritorno entrambe le tratte (prezzo da concordare, anche in base ai passeggeri. Noi vi abbiamo visto salire anche famiglie con bambini e passeggino)! 
 
Asilah, taxi locale

Asilah, taxi locale

Come arrivare: con un grand taxi (circa 20Dh da Tangeri), con l’autobus (circa 15 Dh in 1 h da Tangeri) o con il treno (circa 15 Dh in 45 minuti da Tangeri).
Dove mangiare: noi abbiamo pranzato da “Restaurante Oceano – Casa Pepe”, Place Zellaka 8. Abbiamo speso circa 250Dh per un’insalata, un piatto di alici fritte e una tajine di “pescado” (più bibite). Tutto freschissimo e abbondante. Se poi amate la paella, questo è il posto che fa per voi!

POTREBBERO INTERESSARTI...

9 commenti

TuristadiMestiere 4 Settembre 2012 - 20:39

@bocchigliero: incredibile come un borgo così, sia poco conosciuto… mi fa piacere condividere con voi le mie scoperte!
@tomaso: vengo subito da te!!!
@adriana: vero??? Lo penso anche io!
@tizi: non sai che emozione trovarcisi dentro!
@post-family: e dal vivo, è ancora più bello!
@venus: le adoro anche io!
@adriano: corro a vedere la tua pagina fb!

Rispondi
Adriano Maini 31 Agosto 2012 - 15:11

Essendomi procurato alquante fotografie del Marocco, qualcosa sulle costruzioni portoghesi già sapevo, invero!

Rispondi
Venusintheworld 27 Agosto 2012 - 18:06

bello bello bello bello!! adoro queste mete, questi colori! tutto! belle foto!

Rispondi
Christomannos 27 Agosto 2012 - 8:56

Che colori e complimenti per le foto.
ciao

Rispondi
post-family 26 Agosto 2012 - 8:59

che belle foto!Una meta che abbiamo da tanto nella wishing list!

Rispondi
Tiziana Bergantin 24 Agosto 2012 - 14:01

Bellissimo, bianchissimo e azzurrissimo. Un’altra meta sconosciuta. Ciao tesoro.

Rispondi
Adriana Riccomagno 24 Agosto 2012 - 7:31

Wow! Che chicca!

Rispondi
Tomaso 24 Agosto 2012 - 7:26

Eccomi cara turista sono di nuovo qui per ammirare i tuoi sempre bellissimi post, ora inizia per me la lunga fisioterapia…Buona giornata con un abbraccio forte.Tomaso

Rispondi
bocchigliero oltre...... 23 Agosto 2012 - 17:55

Questi piccoli paradisi vanno rivalutati e vissuti, riesci a incuriosirci e ad emozionarci,
grazie,
Piero.

Rispondi

Lascia un commento