Home » Nordamerica » USA » New York: restaurato e aperto al pubblico il murale di Haring nel LGBT Center

New York: restaurato e aperto al pubblico il murale di Haring nel LGBT Center

Once Upon A Time
murale di Haring

murale di Haring

 
Oggi vi vogliamo parlare di una tappa sconosciuta a molti turisti che si recano a New York. Nel Lesbian, Gay, Bisexual and Transgender Center è possibile ammirare il famosissimo murale di Keith Haring intitolato “Once Upon a Time” (traduzione: C’era una volta…), recentemente oggetto di un importante restauro conservativo. Il murale venne realizzato da Haring nell’89, in occasione del ventesimo anniversario dei Moti di Stonewall (ne abbiamo parlato già qui, parlandovi della scultura “Gay Liberation” da ammirare sempre a New Yornk, a Christopher Park). Il curatore dell’evento convocò nel Centro tanti artisti di fama internazionale chiedendo di allestire una mostra temporanea nell’edificio, scegliendo liberamente una stanza come “tavolozza”. Haring individuò nel bagno degli uomini al secondo piano lo spazio ideale per la sua opera e realizzò un murale che per l’epoca, rappresentò un’audace scommessa: era infatti un chiaro inno alla gioiosa libertà sessuale e, in particolare, all’omosessualità maschile (anche se qualcuno ha parlato di pornografia). Siccome doveva durare il tempo della mostra, non vennero presi accorgimenti per la tutela del murale che presto ha iniziato a deteriorarsi. Oggi in questa stanza si tengono degli incontri e, grazie all’intervento di restauro, è aperta a tutti coloro che vorranno ammirare questo “manifesto” di Haring (che, ricordiamo, morì nel ’90 a causa di una complicazione legata all’HIV contratta qualche anno prima). Per chi volesse vedere la galleria di foto, può visualizzarle qui.
 
Indirizzo Lesbian, Gay, Bisexual, and Transgender Community Center:
208 West 13th Street, New York, NY  10011
Orari: accesso fino alle 17 se non vi sono meeting in corso.
Prezzi: ingresso libero

POTREBBERO INTERESSARTI...

1 commento

Strawberry 11 Luglio 2012 - 19:05

fantastico…un giusto tributo a un artista geniale come Haring, che se lo merita sempre e poi le manifestazioni artistiche dovrebbero andare sempre rispettate e curate…sono un bene di tutti…:-)

Rispondi

Lascia un commento