Home » Europa » Inghilterra » Come muoversi a Londra: Oyster Card

Come muoversi a Londra: Oyster Card

Oyster
A coloro che sono in partenza per Londra e non hanno intenzione di acquistare la Travelcard (di cui abbiamo parlato qui, in abbinamento con il London Pass) preferendo pagare i viaggi effettuati di volta in volta, senza dover valutare le zone in cui è suddivisa la città che comportano esborsi differenti quando  vengono attraversate, consigliamo la OysterCard, la tessera ricaricabile più diffusa e pratica per viaggiare sui mezzi pubblici della capitale inglese. 

Oyster Card

E’ una carta magnetica che si acquista, versando un deposito di 5£, in tutte le biglietterie della metropolitana, nei negozi che espongono il logo OysterCard o, per i più pigri, direttamente su internet dal sito ufficiale dei trasporti londinese. Si ricarica sia alle biglietterie automatiche, che troverete per strada o alle stazioni metropolitane (hanno anche l’opzione “lingua italiana”), sia alle biglietterie con operatore o nelle attività che espongono il logo della Card. L’operazione si chiama “Top-Up”. La cifra da caricare è a vostra discrezione e il costo della corsa verrà scalato ogni volta che prenderete un mezzo pubblico, che sia esso autobus, metropolitana (Tube), DRL, London Overground e su alcuni treni National Rail. Se non volete avere neanche il pensiero di ricaricarla, potete scegliere, sempre dal sito, l’opzione autoricarica (auto top-up) ma il servizio è valido solo previa registrazione sul sito.
visitorshop londra

logo lettura magnetica Oyster Card

Utilizzarla è molto semplice: sugli autobus basta accostare la tessera al lettore magnetico (che riporta il logo in alto) posto vicino al conducente, mentre, per la metropolitana, DRL, London Overgruound e su alcuni treni National Rail, basta accostarla al lettore magnetico che trovate sulle barriere poste, sia all’ingresso che in uscita, delle stazioni. Così facendo, il sistema calcolerà il percorso da voi effettuato e detrarrà il relativo costo delle zone attraversate. Questo perché, come anticipavamo prima, la città di Londra è suddivisa in 9 zone concentriche che partono dal centro, la zona 1, la più economica. Non dimenticate assolutamente di accostare SEMPRE la tessera  al lettore anche all’uscita altrimenti, al successivo utilizzo della carta, verrà scalato anche il costo della corsa precedente con la maggiorazione di una multa, rischiando di ritrovarvi con la card priva di credito.
La particolarità della card è che, raggiunto un certo importo (daily price cup), viaggerete gratis per tutto il resto della giornata! I viaggi con la OysterCard costano molto meno dei biglietti ordinari (circa la metà). I bambini fino a 10 viaggiano gratis (anche se non accompagnati da adulti) e ci sono sconti per ragazzi e per alcune categorie di adulti: per info e costi cliccate qui.
Non mi resta che dire… PAY AS YOU GO!!!
 
La chicca:
Per chi vuole avere Londra in tasca consigliamo, prima di partire, di scaricare l’App “London Transport”: è l’applicazione del sito ufficiale dei trasporti pubblici londinesi (Transport for London, abbreviato Tfl). Qui troverete tutte informazione utili per muovervi in città: potrete calcolare i vostri percorsi con relativi mezzi da prendere, consultare le mappe, vedere gli orari e i costi di tutti i trasporti, taxi compresi e tantissime altre notizie utili. Ovviamente, la prima cosa da fare, per poter accedere a questo servizio, sarà comprare una Sim Card inglese di un qualsiasi operatore, così da avere internet attivo sul vostro SmartPhone (con una qualsiasi sim italiana, il roaming vi costerebbe tantissimo).

Articolo redatto da Cinzia A.C.

POTREBBERO INTERESSARTI...

3 commenti

Lila 19 Maggio 2012 - 19:49

l’ho usata e me la sono portata a casa, sperando di tornare presto. Lo spero ancora… ma mi sa che, visti i trasporti romani, la prossima volta resto lì e spedisco la oyster all’atac!

Rispondi
Ambra 19 Maggio 2012 - 9:33

Ottimo suggerimento. Ne terrò conto la prima volta che vado a Londra.

Rispondi
Veronica 19 Maggio 2012 - 8:33

L’ho usata anch’io quando sono andata a Londra qualche anno fa, è davvero comodissima!

Rispondi

Lascia un commento