Home » Italia » Toscana » Quercia delle Streghe in Toscana (o di Pinocchio?)

Quercia delle Streghe in Toscana (o di Pinocchio?)

Quercia delle Streghe
A tutti coloro che saranno di passaggio dalle parti di Lucca: fermatevi nel parco di Villa Carrara, a San Martino in Colle (è una frazione di Capannori). Vi potrete ammirare, in religioso silenzio, la cosiddetta Quercia delle Streghe (o, più scientificamente, la Farnia delle Streghe), un albero monumentale di ben 600 anni di età (il riconoscimento le è stato confermato nel mese di marzo 2012)! 

 

Quercia delle Streghe

Quercia delle Streghe – foto | Luca Zappacosta

Alta 24 metri e con un tronco dalla circonferenza di 4,5 metri, ha una chioma larga ben 40 metri: non potrete non sentirvi intimoriti al cospetto di un simile prodigio della natura, anche per la leggenda ad esso legato! 

Quercia delle Streghe

Quercia delle Streghe – foto | Silvia Talassi

 
Pare che lo sviluppo orizzontale della chioma (assai raro tra gli alberi di questa specie) sia dovuto alle streghe che partecipavano ai sabba notturni sedute proprio sui suoi rami! Se preferite, potete pensare che questa sia la quercia tra le cui radici Pinocchio ha nascosto le sue monete d’oro, senza sperare però che vi siano ancora sepolte…(il paese di Collodi è assai vicino, non dimenticate di farci un salto e di trascorrere qualche ora piacevole nel parco di Pinocchio. Per tutte le informazioni, cliccate qui).
 
Quercia delle Streghe

Quercia delle Streghe – foto di lucai

 
P.S. la quercia è sopravvissuta a un fulmine, alla volontà dei tedeschi di abbatterla per farne legna da ardere, agli insetti. Ma  tutti i giorni affronta il rischio più grande: i turisti. Siate rispettosi di questo albero. Non fate nulla che possa metterlo in pericolo.
Quercia delle Streghe

Quercia delle Streghe – foto di Gessica_photo

POTREBBERO INTERESSARTI...

17 commenti

Bl4cKCrOw 13 Marzo 2012 - 22:51

Affascinante… Chissà quante ne ha viste…!

Rispondi
Maraptica 13 Marzo 2012 - 19:53

E’ stupenda, da perdercisi con i pensieri… adoro gli alberi 🙂

Rispondi
Adriano Maini 13 Marzo 2012 - 18:42

Un’autentica meraviglia della natura!

Rispondi
TuristadiMestiere 13 Marzo 2012 - 15:27

@venus: sì sì. Un salto alla quercia e una da Pinocchio 😀
@giorgia: condivido. Io sono rimasta senza parole.
@thefamily: chi intende partire senza la consapevolezza di un turismo fatto nel rispetto della natura e degli altri, è meglio che si tappi in casa propria… 😀
@franci: anche viaggiare guardando una foto ha il suo fascino, in attesa di poter partire davvero!!! Sono contenta che questo spazio ti piaccia 😉
@tomaso: grazie carissimo!!!
@giulia: e grazie anche a te, piccola Giuly!
@alli: anche io. Magari con un block notes e una matita. O la macchinetta fotografica…
@nkw: ne sono felice. Tu hai decine di posti da vedere, ormai, ti ho sistemato per i prossimi 2 anni!!! 😛
@ambra: ne sono molto felice!
@giallo: totale rispetto!!! 🙂

Rispondi
GIALLOSANMARINO 13 Marzo 2012 - 10:28

belle le storie nate su i suoi rami…affascinante!!! ASSOLUTAMENTE RISPETTO!!!! _marì

Rispondi
Ambra 13 Marzo 2012 - 1:57

Mai vista una cosa del genere! Davvero notevole.

Rispondi
NKW 12 Marzo 2012 - 20:21

Messa nel mio to-do. Stupenda segnalazione.

Rispondi
Alligatore 12 Marzo 2012 - 20:17

Che bellezza, starei a guardarla per ore.

Rispondi
GIULIA 12 Marzo 2012 - 18:54

Uno spettacolo molto affascinante!!!!!

Rispondi
Tiziana Bergantin 12 Marzo 2012 - 16:37

Massimo rispetto per questo gigante della natura.

Rispondi
Tomaso 12 Marzo 2012 - 15:34

Le gigantesche querce che non si possono define senza etàBellissime cara Turista.Tomaso

Rispondi
MorbidosamenteFranci 12 Marzo 2012 - 15:10

Ciao, ho scoperto oggi il tuo blog e che dire….provo un’invidia benevola per i tuoi viaggi…sono una viaggiatrice dentro, ma per ora solo lì….fino a quando potrò scatenarmi!ADORO questi alberi così misteriosi….grazie per avermi fatto conoscere questa meraviglia!

Rispondi
The Family Company 12 Marzo 2012 - 13:36

“la quercia è sopravvissuta a un fulmine, alla volontà dei tedeschi di abbatterla per farne legna da ardere, agli insetti. Ma tutti i giorni affronta il rischio più grande: i turisti. Siate rispettosi di questo albero. Non fate nulla che possa metterlo in pericolo”. Non dimentichiamoci di fare turismo responsabile. Grazie mille Monica per avercelo ricordato!

Rispondi
Giorgia 12 Marzo 2012 - 13:35

Mamma che meraviglia!

Rispondi
Venusintheworld 12 Marzo 2012 - 13:25

che spettacolo! chissà che emozione stare là sotto!! devo ricordarmelo per quando capiterò da quelle parti.. grazie 🙂

Rispondi
Marina 28 Luglio 2016 - 17:24

Ci siamo appena stati. Bellissima! Grazie per la segnalazione ????

Rispondi
Monica Nardella 28 Luglio 2016 - 19:15

Grazie a te per la testimonianza! Sono contenta che ti sia piaciuta!

Rispondi

Lascia un commento