Home » Italia » Lombardia » Meteore: Consonno, l’ex paese dei balocchi

Meteore: Consonno, l’ex paese dei balocchi

Consonno
Consonno è un piccolo borgo nel comune di Olginate, in provincia di Lecco. Anzi no. Consonno era un piccolo borgo abitato da una settantina di persone. Poi negli anni ’60 è arrivato un imprenditore, ha acquistato tutti gli edifici acquistabili, ha raso al suolo l’osteria, la bottega, le case (per fortuna ha salvato chiesa e canonica) e ha tirato su strutture improbabili (riecheggianti stili architettonici arabeggianti, orientali, non senza qualche “americanata” e, perché no, un’eco medievale) con l’obiettivo di fondare una città nuova. 

 

Consonno

Consonno – foto | Giò-S.p.o.t.s 

 
Sfrattati, per forza di cose, tutti gli abitanti, Mario Bagno si è trovato alle prese con quella che molti hanno definito la “Città dei Balocchi” o la “Las Vegas della Brianza” per le sale da gioco, le sale da ballo, i negozi del lusso. Ma i sogni (o gli incubi?) son desideri e non sempre si realizzano: una serie di frane nel 1976 mise fine al progetto scellerato del Conte e Consonno fu abbandonata. Oggi è un paese fantasma. Passeggiare tra le macerie di un’ambizione è davvero sconcertante. Vi consiglio di approfondire l’argomento sul bel sito Consonno.it o di ammirare il reportage fotografico di Matteo – Anafestico “Il paese dei balocchi“.
 
Consonno

Consonno. Murales. – foto | [Vale♥] 

 
Come arrivare: Consonno è raggiungibile solo con una mulattiera da Olginate, a piedi, in mountain bike o con ciclomotori. 

POTREBBERO INTERESSARTI...

8 commenti

luis 25 Luglio 2012 - 21:33

IO MI RICORDO AI TEMPI AVEVO 20 ANNI SEMBRAVA CHE DOVESSE SORGERE UNA MEGA CITTà ERA TUTTO LUSSUREGGIANTE E CI SI POTEVA ARRIVARE IN MACCHINA MA QUELLO CHE MI RICORDO E SONO STATO DIVERSE VOLTE CON AMICI DI GENTE NON CE NE ERA TANTA ANZI POCHISSIMA TUTTE LE VOLTE CHE CI ANDAVO NON VEDEVO TANTA GENTE POI MI RICORDO CHE ACQUISTARE UNA BEVANDA O ANDARE AL RISTORANTE NON SE NE PARLAVA ERA UN PO CARUCCIO….

Rispondi
S.Brato 15 Marzo 2012 - 20:34

Meraviglia! Una precisazione: E’ raggiungibile anche da una stradicciola asfaltata dal paese confinante a Consonno, che si chiama Villa. La stradicciola, benché stretta, ospita un’autovettura.

Rispondi
Adriano Maini 13 Marzo 2012 - 18:39

Questa storia me la devo far spiegare da chi so io, che ci abita vicino. E farmici proprio accompagnare.

Rispondi
TuristadiMestiere 13 Marzo 2012 - 15:17

@paòlo: purtroppo sì. Ci si dovrebbe mettere d’impegno perché restino bei borghi e non diventino mai meteore…
@nkw: e come dargli torto? Il quadro è molto eloquente…
@ernest: mi chiedo come possa succedere, però…i soldi non possono comprare la gente, le loro vite, i loro sogni, le loro case. Per uno sfizio, poi.
@rory: magari fosse un set! No no. E’ proprio un ex borgo. 🙁

Rispondi
Rory 13 Marzo 2012 - 15:02

Sembrano gli studios di Cinecittà. 🙂
Questa cosa è incredibile, non ne sapevo niente.

Rispondi
Ernest 13 Marzo 2012 - 14:38

non ci sono parole.
Con i soldi puoi fare tutto, anche comprarti un paese, usarlo per un po’. giocarci e poi buttarlo via.

Rispondi
NKW 13 Marzo 2012 - 11:17

“Il sonno della ragione genera mostri” diceva uno molto più in gamba di me.

Rispondi
Paòlo 13 Marzo 2012 - 10:52

Sai che non sapevo nulla di sta cosa. Che disastro, quanto spreco. Eh ma è piena l’Italia di queste meteore. Ora leggo le altre puntate di questa rubrica, hai già parlato del quartiere delle Rose di Pieve Emanuele?

Rispondi

Lascia un commento