Home » Italia » Emilia Romagna » Nott dè Bisò 2012: roghi di mezzanotte a Faenza

Nott dè Bisò 2012: roghi di mezzanotte a Faenza

Nott de Biso
Se per l’Epifania sarete dalle parti di Faenza, non perdetevi la Nott dè Bisò. Parliamo di una tradizione antica che conclude il Palio del Niballo ogni anno il 5 gennaio, vigilia della Festa della Befana.

Faenza Nott de Bisò

Faenza Nott de Bisò – foto di Lorenzo Gaudenzi

 

La vigilia dell’Epifania a Faenza è dedicata alla Nott de’ Bisò, manifestazione conclusiva dell’anno del Niballo-Palio di Faenza. Il Niballo, grande fantoccio raffigurante Annibale, il guerriero saraceno che simboleggia le avversità, viene bruciato in un enorme falò al centro dei corsi.

Durante questa lunga manifestazione non mancano mai musica, balli, tanta allegria e più che mai si beve bisò (il caratteristico vin brulè) negli eleganti gotti, le ciotole di ceramica faentina. Gli stand gastronomici dei Rioni con cucina tradizionale e bisò vi aspettano a partire dalle ore 10. Alle ore 18:30 il “Niballo” farà il suo ingresso su un carro trainato dai buoi. Alle 21 si terrà la Premiazione della rassegna “Giardini di Natale” e, a seguire, spettacolo e musica “La cura del Soul” e concerto dei “Grove lovers”. Dopo il tradizionale lancio dei palloncini, alle 24, il consueto Rogo del Niballo.

Faenza Nott de Bisò

Faenza Nott de Bisò – foto di Diletta Dal Pozzo

Il programma in questa giornata è fitto di eventi e di solito ha inizio alle 17 con l’apertura degli stands gastronomici dei 5 rioni: qui potrete assaggiare il famoso Bisò, un vin brulè preparato con spezie e Sangiovese.
Alle 18.30, come da tradizione, entra nella piazza il Niballo (un fantoccio che rappresenta Annibale, un guerriero saraceno che incarna il male) su un carro trainato dai buoi.
La festa, tra piatti della cucina tradizionale e brindisi con Bisò nei tipici gotti (tazze realizzate con la famosa ceramica faentina) procede con musica e concerti fino al rogo della mezzanotte del Niballo. 
 
Faenza Nott de Bisò

Faenza Nott de Bisò – foto di Lorenzo Gaudenzi

La fiamma che brucia il fantoccio simboleggia la purificazione di tutti i mali e le negatività dell’anno appena trascorso. La chicca: chi acquista il gotto (la tazza in ceramica), può bere gratuitamente il bisò presso tutti gli stands. Chi lo desidera, può acquistare anche la brocca, o il servizio completo.

POTREBBERO INTERESSARTI...

6 commenti

TuristadiMestiere 2 Gennaio 2012 - 9:27

@alli: ahahahahahhah hai ragione, ma per farvi organizzare la Befana ve lo devo dire con un po’ di anticipo, no??? ^.^
@nkw: la conosci??? Ottimo, hai degli scatti???
@baol: davvero??? Vado a leggere!
@rossorosso: ma grazieeee, altrettanto!
@adri: grazie Adri, grazie davvero per la tua presenza sempre garbata e colta!

Rispondi
Adriano Maini 1 Gennaio 2012 - 19:18

Sento echi di antiche saghe mie familiari! Felice Anno Nuovo a te!

Rispondi
rossorosso 31 Dicembre 2011 - 15:25

Ciao, sono passata anche per augurare uno scintillante e scoppiettante 2012. Baci e…Ciaoooo.

Rispondi
Baol 31 Dicembre 2011 - 13:34

Dalle mie parti fanno dei falò di questo tipo a Castellana Grotte ai primi di gennaio

Rispondi
NKW 30 Dicembre 2011 - 18:06

che bello che bello, venite venite è una bella tradizione.

Rispondi
Alligatore 30 Dicembre 2011 - 16:36

… e quest’anno di cose da bruciare ne vedo molte. Ma ti sei portata avanti con le feste, prima festeggiamo il capodanno 😉

Rispondi

Lascia un commento