Home » Italia » Abruzzo » Cocullo, il paese dei serpari.

Cocullo, il paese dei serpari.

Cocullo
Cocullo
foto di biancamaria_rizzoli
Se non siete terrorizzati dai serpenti e volete assistere a una celebrazione che unisce religione a folklore vi suggeriamo la processione dei Serpari di San Domenico, a Cocullo, in provincia de L’Aquila. 
Cocullo
foto di casellx

Al Santo si attribuiscono diversi prodigi in Abruzzo Centrale (cambiano infatti a seconda della regione): protezione contro il mal di denti, le morsicature di serpenti, dei cani idrofobi e dei lupi.  In suo onore, ogni primo giovedì di maggio (quest’anno avrà luogo il 5) si ripetono riti di grande suggestione.

Cocullo
foto di George Newman 2010
© tutti i diritti sono riservati all’autore

Molti fedeli si radunano nel Santuario per addentare la corda di una campanella (per avere protezione dal mal di denti) o per raccogliere la terra che si trova in una grotta dietro la nicchia del Santo (perché, sparsa intorno alla propria casa, la protegga o curi dalla febbre se diluita in acqua e bevuta) mentre le strade si popolano di tanti turisti e cittadini (pochi, in realtà sono solo 300!) tra le bancarelle e i serpari che esibiscono i loro rettili (le specie utilizzate sono innocue per l’uomo: il cervone, il saettone, la biscia dal collare e il biacco).

Cocullo
particolare
foto di George Newman 2010
 © tutti i diritti sono riservati all’autore

Dopo la solenne messa, la statua, a mezzogiorno in punto,  viene portata in processione a spalla da quattro persone e i serpari le fanno dono dei serpenti avvolgendoli attorno al capo e le spalle. 

Cocullo
foto di Olga e Zanni
Nel pomeriggio, alle 17 viene fatto il “Riconoscimento dei Serpari” e alle 19 i secondi vespri con il bacio della reliquia. La festa si chiude in musica dalle 21.
Come arrivare: con il treno, linea Roma-Pescara stazione di Sulmona; con l’auto, autostrada A/25 Roma-Pescara, uscita casello Cocullo, Strada Provinciale 479 da Sulmona.

POTREBBERO INTERESSARTI...

13 commenti

TuristadiMestiere 23 Aprile 2011 - 9:20

@ziamame: visto che stranezze? Cara, tanti auguri anche a te!
@lady: ce ne sono tantissime di usanze strane ma suggestive! Tanti auguriiii!
@adriano: e anche un po’ di coraggio!
@alli: ma come, proprio tu scappi??? E che dovremmo dire noi quando ti vediamo arrivare??? 😀
@baol: hahahahaah quella puntata è uno spasso, Homer dà il meglio (o il peggio?) di sé!
@tomaso: in effetti fa impressione!!!
@giordan: ma ben trovato!!! Hai lavorato tantissimo (e girato pure), vedo! 😀 Ti perdono perché ti sei impegnato in una promessa!!!
@massimo: devo dire che tutte le cose che comportano una sfida mi attirano: sarà perché sono molto competitiva??? Quindi penso che non mi tirerei indietro, neppure a “indossarne” uno…(di serpente, intendo!)
@I am: tanti auguri anche a te!!!
@chicchina: “c’erano”? Perché si è persa questa usanza??? Sarebbe un vero peccato! 🙁 Serena Pasqua anche a te!
@krilù: certo che puoi, mia madre è fuggita quando ha visto la foto e la sto ancora cercando 😀
@maraptica: ben detto cara mia, bisogna provare!!! Un bacione anche a te!!!

Rispondi
Maraptica 23 Aprile 2011 - 5:42

@Baol: Si caro, si prendono a serpentate stile frusta sui denti -.-
Cara buona Pasqua, consiglio a tutti la festa di Cocullo… è un pezzo di tradizione abruzzese! Un bacione

Rispondi
Krilù 22 Aprile 2011 - 22:13

Come suol dirsi: paese che vai, usanza che trovi… Posso rabbrividire?
Ciao e tanti auguri di una serena Pasqua.

Rispondi
chicchina 22 Aprile 2011 - 22:08

Avrei un po di paura,confesso.Da noi c’erano i “sanpaolari” Erano uomini,ma più spesso donne che giravano con dei serpenti,delle bisce che facevano attorcigliare al collo dei bambini,presenti le mamme,perchè dicevano che così erano protetti da San Paolo,da cui il nome.
ti lascio gli auguri per una serena Pasqua.
Ciao

Rispondi
I am 22 Aprile 2011 - 21:40

Ciao, Buona Pasqua

Rispondi
Massimo 22 Aprile 2011 - 21:35

ecco una cosa che non andrò mai a vedere !
ciao turista e tanti auguri, buona Pasqua.. a presto

Rispondi
giordan 22 Aprile 2011 - 20:27

ci sono tradizioni particolari, ma affascinanti in questa Italia. Grazie per il tuo costante lavoro.
P.S.: scusami sono rientrato oggi… sono partito alla volta di Bratislava poi mi sono diretto a Galanta (poco lontano dalla grande città slovacca)…sono rimasto giusto il tempo per la riunione di lavoro e poi sono salpato per Budapest..dopo 48 ore mi sono diretto a Vienna e poi, preso un volo, sono finito a Mosca.

In sostanza non ho avuto tempo da dedicare a me stesso… però: a metà maggio, sarò a Kapuvar in Ungheria e non per lavoro!!! vado perchè oltre a scrivere le cosette che scrivo nel blog, amo la fotografia naturalistica e allora farò la foto per te! PROMESSO!!!

UN ABBRACCIO GANDE

Rispondi
Tomaso 22 Aprile 2011 - 15:48

Sicuro che al primo sguardo si gira la testa dall’altra parte.Il mondo è bello con i suoi folclori.Tomaso

Rispondi
Baol 22 Aprile 2011 - 14:50

Ma fanno anche lì la “Festa delle mazzate” come a Springfield?

Rispondi
Alligatore 22 Aprile 2011 - 14:44

Che impressione questa immagine horror. Scappo.

Rispondi
Adriano Maini 22 Aprile 2011 - 13:49

Ci vuole dell’arte, invero!

Rispondi
Lady Boheme 22 Aprile 2011 - 11:49

Molto interessante, non conoscevo questa tradizione! Un abbraccio e tanti auguri di buona Pasqua

Rispondi
ziamame 22 Aprile 2011 - 11:34

Uh, che cosa strana… non la conoscevo affatto.
Sono passata Cucciola, per lasciarti un grande bacione e un sincero augurio di Buona e Serena Pasqua.

Rispondi

Lascia un commento