Home » Italia » Piemonte » Pessione di Chieri: visita al Museo Enologico della Martini & Rossi

Pessione di Chieri: visita al Museo Enologico della Martini & Rossi

Martini
Museo Enologico della Martini & Rossi
foto di dizzy-eyed
 
A Pessione di Chieri (in provincia di Torino) c’è il Vistor Center della Martini & Rossi. Per gli appassionati, c’è proprio da perdere la testa: il Museo Enologico è stato allestito nelle bellissime cantine dei primi stabilimenti del gruppo, ricavati in una Villa settecentesca, nel 1864. 

 

In questo museo si trovano ben 600 reperti legati alla storia del vino che risalgono addirittura al VII sec. a.C. (il grosso di questa collezione è merito della passione di Lando Rossi di Montelera) Un’area è propriamente dedicata all’archeologia del vino (sale 1-7) e l’altra alla sua storia (sale 8-16). A completare il vostro tour, c’è Mondo Martini, un percorso nel Museo dell’Impresa dello storico marchio, caratterizzato da documenti, video e foto per raccontare l’evoluzione della Martini & Rossi, dai fondatori della Michel Re e Baudino alle sedi produttive, alle scelte pubblicitarie, alle sponsorizzazioni nello sport, all’impegno nella cultura (come i concerti radiofonici del lunedì) e, soprattutto, all’idea geniale delle Terrazze Martini. L’iniziativa, lanciata alla fine degli anni ’50, consisteva in eventi glamour  all’interno delle sedi più rappresentative in Italia e all’estero (oggi sono a Milano e a Pessione).
Per gli interessati, nel cortile d’onore della Villa, ci sono store e bookshop.
 
Indirizzo: Piazza Luigi Rossi, 2
Orari: martedì-venerdì dalle 14 alle 17
         sabato e domenica dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17
         Chiuso il lunedi, a Natale, Santo Stefano, Capodanno, 
         Pasqua e in Agosto.
Prezzi: ingresso libero consentito a max 25 persone per volta oppure visita guidata gratuita (al max 50 persone) dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 10 e dalle 14 alle 15 (da concordare telefonicamente).
Telefono:  011 94191.

POTREBBERO INTERESSARTI...

2 commenti

TuristadiMestiere 31 Marzo 2011 - 7:54

@adriano: infatti. Anche perché la parte archeologica è davvero impressionante!

Rispondi
Adriano Maini 30 Marzo 2011 - 22:00

Da veri intenditori, però!

Rispondi

Lascia un commento