Home » Europa » Germania » Münster, uno sguardo al futuro

Münster, uno sguardo al futuro

munster
 
Per chi “mastica” un po’ di storia, Münster (Germania) dovrebbe suonare familiare per via della pace che vi fu firmata nel 1648 con il trattato di Vestfalia. Ma la città ha molto altro da raccontare, con il suo passato straordinario e un presente che ammicca maliziosamente al futuro.
Munster

Porticato della Prinzipalmarkt – foto di Perrimoon

Se, passeggiando per la città, veniamo estasiati dallo storico Rathaus,
 
Cattedrale Munster
Municipio (Rathaus)
foto di aliquando
 
dalla cattedrale romanica di Sankt Pauli,
 
Cattedrale Sankt Pauli
Duomo di San Paolo
foto di Rüdiger Wölk
 
dalla scenografica Prinzipalmarkt, dal Kiepenkerl (la statua del commerciante con una gerla, icona di Münster)
 
il commerciante con la gerla, simbolo di Munster
foto di Genista
 
o, di sera, sorpresi dal suono di un corno (si tratta del corno di guardia suonato dal Türmer, tutte le sere dalle 21 a mezzanotte, per rassicurare – da secoli ormai – che tutto procede bene) ecco che, all’improvviso, ci ritroviamo ad ammirare il Graphikmuseum Pablo Picasso e, dall’alto, la piazza antistante realizzata in modo da riprodurre il ritratto dell’artista. Si perché Münster non si crogiola nel suo passato, ma intende dire la sua anche oggi e quindi non resta a guardare. Per festeggiare proprio il decennale della fondazione del Museo -che ospita la collezione della grande opera grafica di Picasso-, si potrà visitare fino al 13 marzo l’opera grafica di Paul Klee. La Chicca: ogni 10 anni le piazze della città vengono invase da opere d’arte moderna. L’evento, il più grande  appuntamento di arte pubblica in Europa, si chiama Skulptur Projekte Münster. La prossima edizione, la quarta, avrà luogo nel 2017. 

POTREBBERO INTERESSARTI...

6 commenti

Anonymous 17 Febbraio 2012 - 18:17

Ciao, una correzione te la consiglio pure io: nel 2017 avrà luogo la quinta (non la quarta) edizione dello Skulptur Projekte.
Anche a me è piaciuta moltissimo Münster!
Saluti,
vm

Rispondi
Mauro 22 Gennaio 2011 - 15:23

Non solo Münster… c’è la Germania tutta, c’è Anversa, c’è Venezia, c’è (in sottofondo) Roma… ma la parte più importante del romanzo ha luogo a Münster.

Pensa che nel maggio dell’anno scorso ho organizzato una gita a Münster per un’associazione culturale di cui faccio parte dal titolo “Sulle tracce di Q”

Saluti,

Mauro.

Rispondi
TuristadiMestiere 21 Gennaio 2011 - 17:11

@mauro: 😀 mi credi che quel libro l’ho comprato (attirata anche dalla storia che si cela dietro al nome fittizio dell’autore) ma che non l’ho mai letto??? Ora che mi dici che Munster ne è l’ambientazione, come resistere??? Grazie per la dritta!

Rispondi
Mauro 21 Gennaio 2011 - 16:18

Genau! 🙂

È scappata una e anche a me nel correggerti…

Münster bellissima città, ci ho vissuto 4 anni e mezzo e ci torno sempre volentieri.
E consiglio di leggere anche il libro “Q” di Luther Blissett, il cui cuore si svolge nella Münster ai tempi degli anabattisti.

Saluti,

Mauro.

Rispondi
TuristadiMestiere 21 Gennaio 2011 - 14:14

@mauro: ops! Il nome esatto è Skulptur Projekte!!!

Rispondi
Mauro 21 Gennaio 2011 - 13:18

Skulptur Projekt, non Skulptur Projecte 😉

Saluti,

Mauro.

Rispondi

Lascia un commento