Home » Italia » Veneto » Arquà Petrarca, tutti in brodo di giuggiole!

Arquà Petrarca, tutti in brodo di giuggiole!

Arqua Petrarca
Arquà Petrarca

Arquà Petrarca

foto di strato56 tratta da flickr
 

Ad Arquà Petrarca (in provincia di Padova), un incantevole borgo trecentesco, nei primi due week end di ottobre si tiene la festa della giuggiola. Quest’anno, la cittadina dove è sepolto il sommo poeta Petrarca celebra la 30a edizione della originale manifestazione che attira centinaia di turisti incuriositi. La giuggiola è un frutto di origine siriana che nei Colli Euganei ha trovato un ambiente naturale favorevole all’attecchimento e alla sua proliferazione…

Ha una forma simile all’oliva, di un colore inizialmente marrone che sbiadisce nel rossastro. Ha un sapore dolce che la rende ideale per usi assai diversi: viene consumata fresca, sotto forma di marmellate o conservata sotto spirito. Questa versatilità si esprime in una ricca produzione di giuggiole da esporre negli stand allestiti in occasione della sagra. Il programma è molto ricco: processioni religiose, esibizione degli sbandieratori e della banda cittadina, pesche di beneficenza e mostre concorso.

Con l’occasione, potrete anche scoprire i luoghi del Poeta:
la Casa di Petrarca,
orari: marzo-ottobre ore 9.00-12.30/15.00-19.00
           novembre-febbraio ore 9.00-12.00/14.30-17.30
        chiusa il lunedì
        prezzi: intero 4 euro, ridotto 2 euro, studenti 1 euro.
la Tomba di Petrarca e la Fontana di Petrarca.

POTREBBERO INTERESSARTI...

2 commenti

TuristadiMestiere 18 Settembre 2010 - 14:10

Io credo che oggi vaghino molti più turisti che viaggiatori per il globo. L’intento del mio blog è renderli più consapevoli, capaci di apprezzare il bello anche quando non è immediatamente riconoscibile, di perdersi in una città per ritrovarne la vera anima. Il turista può e deve diventare un viaggiatore. Io sto evolvendo. Sono nata turista con un qualcosa in più. L’obiettivo è diventare una vera viaggiatrice e condividere questo viaggio (reale e figurato) con altri appassionati come me. La parola mestiere significa pratica quotidiana, lavorio costante, perfezionamento e in un certo senso professionalità. Con queste due parole, grido al mondo di aver imparato le regole del mestiere del turista. Per diventare viaggiatrice, invece, ci sto mettendo il cuore, tanto cuore. P.S. grazie per la domanda!

Rispondi
stealthisnick 18 Settembre 2010 - 11:10

niente male come mestiere il turista
ma non sarebbe meglio dire viaggiatoreviaggiatrice?

Rispondi

Lascia un commento