Home » Europa » Inghilterra » Londra, speakeasy bar e parola d’ordine per entrare!

Londra, speakeasy bar e parola d’ordine per entrare!

cabina telefonica ingresso del PDT
cabina telefonica ingresso del PDT

cabina telefonica ingresso del PDT – foto | Meg Zimbeck

Per entrare nel locale non basta trovare la porta d’ingresso, di solito nascosta e anonima. Bisogna prenotare. Ma il numero di telefono cambia di continuo. Sono i Speakeasy Bar, accessibili solo agli iscritti o, come si fanno chiamare, ai membri.

Le atmosfere richiamano il proibizionismo, quando i locali dovevano essere anonimi e ci si accedeva solo tramite una parola d’ordine.

Famosi (perché precursori di questa moda nostalgica) sono i Milk&Honey di Londra  (a Soho è un’istituzione, fin da quando ha aperto nel 2002) e di New York (nell’East Side, aperto nel 2000), fondati da Sasha Petraske, in risposta ai locali per soli Vip.

In questi bar, dei perfetti sconosciuti, diventando membri, possono sentirsi delle star. Non devono prenotare. Il locale è aperto 7 giorni su 7 fino alle 4 del mattino (mentre per i non membri, l’accesso è consentito fino alle 23 e solo nei primi giorni della settimana).

Per alcuni newyorkesi, il Milk&Honey è solo una leggenda metropolitana. La palma di creatività spetta però al “Please don’t tell“, un locale nell’East Village: per accedervi, si deve entrare nella cabina telefonica all’interno di un Fast Food (il Crif Dogs). Il sito internet rimanda solo a un numero di telefono. E il mistero s’infittisce…

 

 

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento