Home » Italia » Toscana » Diario di viaggio: Elba, isola dal mare cristallino

Diario di viaggio: Elba, isola dal mare cristallino

Spiagge Isola Elba Ghiaie
Isola-Elba-mare

Il mare dell’Isola d’Elba

 

L’isola d’Elba ha un mare splendido e una varietà di spiagge per tutti i gusti! E’ fortemente caratterizzata da una macchia mediterranea che incornicia sia le calette isolate e silenziose, sia i tratti di spiaggia più ampi. Il mare ha tonalità sorprendentemente diverse a seconda del fondale (sabbia fine o grossa e ghiaia). 

Le Spiagge dell’Isola d’ELba

Spiagge a nord dell’Isola d’Elba

BIODOLA. Seicento metri di sabbia fine, macchia mediterranea tutto intorno. La spiaggia, in alcuni punti riservata e con noleggio (sdraio, ombrelloni e pedalò) è attrezzata anche con bar e ristoranti. In periodi di minore affluenza, si può parcheggiare nei pressi della spiaggia ma, in alta stagione, ci si deve fermare prima e parcheggiare lungo la strada (da Portoferraio direzione Marina di Campo).

SCAGLIERI. Centoquaranta metri di sabbia fine, macchia mediterranea tutto intorno. E’ comodamente raggiungibile con la macchina seguendo le medesime indicazioni per la Biodola (a cui è collegata anche da un camminamento sugli scogli), salvo poi svoltare a destra al bivio. Anche questa spiaggia è in alcuni punti riservata con possibilità di noleggio (sdraio, ombrelloni e pedalò) ed è attrezzata con bar e ristorantini. Il parcheggio è a pagamento. In alternativa ci si può fermare lungo il ciglio della strada, sempre che non si arrivi troppo tardi! (da Portoferraio direzione Marina di Campo).

CAPOBIANCO. Trecentocinquanta metri circa di ciottoli bianchissimi. C’è un ampio spiazzo nel quale è possibile parcheggiare a pagamento. La spiaggia è protetta da alte scogliere (infatti occorre percorrere una serie di gradini per raggiungerla). Non ci sono stabilimenti, né bar né ristoranti né altro tipo di noleggio: è consigliabile munirsi di acqua e cibo e soprattutto di un ombrellone, se si vuole trascorrere lì l’intera giornata (da portoferraio, oltrepassare la spiaggia delle Ghiaie e proseguire).

ENFOLA. Duecento metri circa di ghiaia. Non ci sono stabilimenti, ma è dotata di bar e ristoranti (noi abbiamo mangiato un ottimo calamaro arrosto con insalatina verde, impepata di cozze e spaghetti con le vongole in un localino semplice ma molto ben gestito), comodo parcheggio e possibilità di noleggio ombrelloni, sdraio e pedalò.

FORNO. Cento metri circa di sabbia, la spiaggetta è riservata e tranquilla. C’è un ristorantino dove mangiare dell’ottimo pesce sotto una veranda, al fresco, godendo di una vista spettacolare. Non c’è un parcheggio (si deve lasciare l’auto sempre lungo la strada), non ci sono stabilimenti ma si possono noleggiare ombrelloni e sdraio (da Portoferraio direzione la Biodola).

Spiagge-Isola-Elba-Ghiaie

Il mare della spiaggia Le Ghiaie

 

LE GHIAIE. Quattrocento metri di ciottoli bianchi, vicinissima al porto (ma non lasciatevi spaventare da questo dettaglio perché, grazie alla tutela dell’intero tratto, l’acqua è trasparente e ideale per le immersioni!) Ci sono stabilimenti, bar e ristoranti e possibilità di noleggiare sdraio e ombrelloni. Noi abbiamo assaggiato la cucina del ristorante “La Bussola” e ne siamo rimasti soddisfatti. Calamari, fritture, spaghetti, insalatine e macedonie: ce n’è per tutti i gusti con un servizio affabile e accogliente. Unico neo è il parcheggio, perché quello vicino a pagamento è piccolo e non rimane che lasciare la macchina lungo la strada, col rischio però di allontanarsi molto (dal centro di Portoferraio dista 5 minuti).

SANSONE. Duecentocinquanta metri circa di ghiaia bianca. E’ una spiaggetta difficile da raggiungere e pertanto poco frequentata. Occorre lasciare l’auto lungo la strada e fare una passeggiata di circa 10 minuti. All’arrivo, non ci sono né bar, né ristoranti, ma si possono noleggiare ombrelloni e sdraio. E’ un paradiso per gli amanti di spiagge silenziose e mare trasparente! Armatevi perciò di acqua e frutta fresca e lasciatevi cullare dallo sciabordio delle onde P.S. incontrerete una prima caletta, oltrepassatela, si tratta de La Sorgente. Subito dopo, arriverete a Sansone! (da Portoferraio, direzione Viticcio, località Acquaviva).

SOTTOBOMBA. Duecento metri scarsi di ciottoli. E’ una caletta splendida, simile a Sansone, ma ancora meno attrezzata. Non troverete nessun tipo di servizio, a parte il comodissimo parcheggio sulla strada che può diventare indicativo della presenza di turisti in spiaggia. Se è pieno, rinunciate e godetevela un altro giorno, in orari migliori! (da Portoferraio direzione Albereto).

Spiagge a Sud dell’isola d’Elba

CAVOLI. trecentocinquanta metri di sabbia spessa. In una bella caletta, circondata da macchia mediterranea, la spiaggia è attrezzatissima (troverete stabilimenti, bar e ristoranti, parcheggi). Noi non l’abbiamo particolarmente amata perché rifuggiamo dalla folla e dagli schiamazzi (è il luogo ideale per i giovanissimi). Il mare resta splendido anche qui!

Ovest dell’isola

FETOVAIA. quattrocento metri di sabbia fine. E’ un’altra spiaggia attrezzata con un mare meraviglioso, macchia mediterranea e la possibilità di prendere il sole con maggiore tranquillità (senza rinunciare al comfort di bar e ristoranti) scegliendo uno dei lisci scogli che la abbracciano lungo le estremità. Parcheggio a pagamento. 

 

Capo Sant'Andrea

Capo Sant’Andrea

 

Dove Mangiare all’Isola d’Elba

Sull’isola è bene cominciare la giornata con una buona colazione. Noi ci siamo lasciati ammaliare dal “Caffè Roma” in calata Mazzini o, semplicemente, “in calata” come dicono gli elbani, un bar sul lungomare che ha una bella visuale sul passeggio mattutino dei turisti appena approdati.

Due cappuccini, due caffè per svegliarsi meglio e due brioches: 10 euro. Ma l’atmosfera merita.

Lo stesso valga per l’happy hour. Noi siamo andati sempre (visto che alloggiavamo in una casa privata a Portoferraio) al bar “L’Angolo”: sono soliti servire l’aperitivo con un appetitoso tagliere di cruditè, salumi e formaggi.

Non ci sono molti posti a sedere all’aperto perciò conviene arrivare qualche minuto prima dell’orario clou. Servizio giovane, ben frequentato, prezzi nella norma e buona musica da ascoltare.

Per la cena le alternative sono diverse. Se volete mangiare ottima carne argentina non potete perdervi il Ristorante “Da Pilade”, località Mola, direzione Capoliveri.

Il menù offre anche dell’ottimo e freschissimo pesce ma quando abbiamo scoperto la tenerissima tagliata di carne argentina non abbiamo voluto ordinare altro in questo ristorante (a parte i dolci, buonissimi!).

Se volete mangiare pesce in una cornice romantica, consiglio “La Lucciola” a Marina di Campo in Viale degli Eroi (una terrazza sul mare, tutta in legno, con candele a tavola e luci soffuse nel resto del locale) oppure “Stella Marina” a Portoferraio, Via Vittorio Emanuele 1.  

Abbiamo ordinato: tonno affumicato in involtino di melanzane come antipasto e dentice al forno con crema di finocchio come secondo – entrambi buonissimi -, dolce e vino spendendo 90 euro in due mangiando in una .

Un altro ristorante dove abbiamo mangiato è il “Rendez-vous” in Piazza della Vittoria 1 a Marciana Marina (per tagliatelle al totano e spada cotto al carbone con patate al forno e vino “Ansonica dell’Elba” Casa Cecilia – molto buono – abbiamo pagato 84 euro in due).

Il ristorante è sul lungomare, vista sulla spiaggia (meno suggestivo del precedente). Lo abbiamo scelto principalmente perché vicinissimo al punto di partenza del Nautilus, l’imbarcazione con visione marina (15 euro per un tour di due ore): fortunatamente la scelta si è rivelata giusta anche per la qualità della cucina.

Una volta abbiamo cenato alla “Saccheria”. E’ simpatico il fatto che essendo il bar-ristorante del Marina dei Cantieri Navali Esaom Cesa, affaccia praticamente sulle barche ormeggiate, è tutto in legno, lo sciabordio del mare fa da sottofondo alla cena. Non ci ha particolarmente entusiasmati la cucina anche in rapporto alla qualità/prezzo.

Al “Caffè Roma” abbiamo anche cenato una volta (dopo averlo scelto come luogo per la colazione) spendendo circa 70 euro in due: cucina discreta, ma siccome il ristorante affaccia sulla piazzetta interna, preferisco orientarmi su posti che hanno anche un bel panorama o comunque una bella atmosfera.

Cosa fare all’Elba con i bambini

Per le famiglie, consiglio l’Elbaland a Portoferraio, un parco giochi dove i bambini potranno trascorrere un pomeriggio all’aria aperta, con tanti giochi a disposizione e gli adulti, invece, recarsi al centro sportivo o prendere un caffè al baretto del parco.

Trekking, Vela e Tour in Vespa

Non vi interessano le spiagge e siete più attratti dal trekking, da un giro in barca a vela o da un tour in vespa? Leggete la nostra blogger invasion dell’isola per scoprire cosa fare all’Elba in bassa stagione

Buon viaggio!

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento