Home » Press Tour » Elbamoremio: reportage della blogger invasion sull’Isola d’Elba!

Elbamoremio: reportage della blogger invasion sull’Isola d’Elba!

mare elba

A dispetto dell’idea di isola tutto mare e spiagge, scopriamo un’isola d’Elba inedita, adatta a tutte le stagioni e capace di soddisfare qualunque tipo di turista!

Tramonto durante il viaggio verso l'Isola d'Elba

Tramonto durante il viaggio verso l’Isola d’Elba

In un venerdì di metà maggio siamo approdati a Portoferraio dopo un’oretta di viaggio da Piombino a bordo di un traghetto della BluNavy e ci siamo subito diretti a Marina di Campo (a sud dell’isola), la base del nostro tour.

Dove dormire all’Isola d’Elba

Qui, abbiamo potuto apprezzare immediatamente il comfort dei nuovissimi appartamenti situati proprio di fronte all’Hotel Barracuda, dove abbiamo trovato ad attenderci anche un delizioso – e profumato – cadeau di Acqua dell’Elba.

Acqua dell'Elba

Acqua dell’Elba

Il nostro monolocale “Giuditta 3” era ampio e accogliente, dotato di angolo cottura, aria condizionata e un delizioso terrazzino per le calde cenette estive. Le diverse tonalità di azzurro sulle pareti e degli oggetti di arredo ci hanno subito dato il benvenuto al mare!

Dopo una passeggiata nel centro di Marina di Campo (a soli 10 minuti a piedi), un cocktail e buona musica dal vivo ce ne siamo andati a riposare, per prepararci all’intenso programma del sabato!

Appartamento Giuditta 3

Appartamento Giuditta 3

Appartamento Giuditta 3

Appartamento Giuditta 3

Il trekking lungo le Vie del granito

Sabato mattina, guidati da Luca (Somareria dell’Elba), siamo partiti per il nostro trekking lungo le Vie del Granito alla scoperta dei sentieri che, dal paese di San Piero in Campo, ci hanno condotti alle antiche cave, tra profumati prati in fiore, il mulino abbandonato di Moncione, il domolito pastorale (il ricovero dei pastori durante le intemperie) e suggestivi siti megalitici (i Sassi Ritti).

La passeggiata è stata arricchita dalla straordinaria competenza della guida che ci ha affascinati sia col racconto di aneddoti curiosi e interessanti sia con la puntuale descrizione della flora montana.

Le 4 ore di trekking sono letteralmente volate e a renderle davvero speciali sono stati senza dubbio gli scorci di mare che a sorpresa si insinuavano nel paesaggio collinare.

Trekking lungo le Vie del Granito

Trekking lungo le Vie del Granito

Trekking lungo le Vie del Granito

Trekking lungo le Vie del Granito

Trekking lungo le Vie del Granito - i Sassi Ritti

Trekking lungo le Vie del Granito – i Sassi Ritti

Trekking lungo le Vie del Granito - Monolito pastorale

Trekking lungo le Vie del Granito – Monolito pastorale

Trekking lungo le Vie del Granito

Trekking lungo le Vie del Granito

Trekking lungo le Vie del Granito

Trekking lungo le Vie del Granito

Per pranzo, siamo andati al Ristorante Da Piero (facente parte del Residence Iselba), situato direttamente sulla spiaggia di Marina di Campo (la più lunga dell’isola). Col sottofondo delle onde che si infrangevano sulla battigia, abbiamo degustato un ottimo menù a base di pesce annaffiato da un buon bianco della locale azienda vinicola “Cantine Cecilia”.

Pranzo sull'Isola d'Elba

Pranzo sull’Isola d’Elba

Pranzo sull'Isola d'Elba

Pranzo sull’Isola d’Elba

Pranzo sull'Isola d'Elba

Pranzo sull’Isola d’Elba

Giro dell’isola in mountain bike o scooter?

Nel primo pomeriggio ci siamo divisi: i blogger più sportivi hanno inforcato le mountain bikes, mentre noialtri abbiamo preferito gustarci la Costa del Sole (passando prima per Marciana Marina e Marciana) in scooter.

Entrambe le soluzioni vi permetteranno di partire alla scoperta dell’isola con grande libertà e autonomia: i punti panoramici sono tanti e tutti incantevoli, non avrete che l’imbarazzo della scelta! Stefano, la nostra guida, ce ne ha mostrati molti e ci ha ammaliati con quei particolari storico-geografici che hanno reso l’escursione particolarmente accattivante.

Spiaggia della Paolina (nei pressi di Procchio)

Spiaggia della Paolina (nei pressi di Procchio)

Meraviglioso arcobaleno

Meraviglioso arcobaleno

Quante volte succede di vedere qualcosa che attrae il nostro sguardo e non sapere cosa stiamo ammirando? Stefano ci ha portati a Marciana Marina, il più piccolo comune dell’Elba da cui si gode una panoramica verso la più alta cima dell’isola, il Monte Capanne. 

Marciana Marina, lato Cotone

Marciana Marina, lato Cotone

Marciana Marina, lato Cotone

Marciana Marina, lato Cotone

Il nucleo più antico di questo pittoresco borgo di pescatori si chiama Cotone e consigliamo a tutti una passeggiata tra i suoi vicoli colorati perché vi innamorerete letteralmente degli scorci che saprà offrirvi.

Se vi dirigerete, come noi, verso Marciana (a circa 400 metri sul livello del mare), lungo la strada potrete abbeverarvi come Napoleone, all’omonima fonte, che pare abbia delle proprietà curative. Oltre alla visita della bella cittadina – non mancate una sosta alla Birreria Bar La Porta, dove degustare (e acquistare) ottime birre artigianali (la specialità della casa è quella alla castagna) e squisiti dolci tipici – ricordiamo l’ascesa agli oltre mille metri del Monte Capanne con la cabinovia.

A conclusione del giro lungo il versante sud-occidentale, abbiamo percorso la cosiddetta Costa del Sole, dove si trovano i borghi marinari di Chiessi, Pomonte, Fetovaia, Seccheto e Cavoli. Questa strada litoranea, lunga circa 10 chilometri, in buone condizioni meteo, vi permetterà di ammirare anche le altre isole dell’arcipelago toscano: Gorgona, Capraia, Pianosa, Montecristo e il Giglio.

Isola di Montecristo

Isola di Montecristo

La sera, dopo la cena nel ristorante dell’Hotel Barracuda, abbiamo trascorso la serata al Paglicce Beach, dove era in corso una bella festa in spiaggia. Nonostante l’ora tarda e la minaccia di un temporale, non abbiamo resistito alla tentazione di fare una lunga passeggiata fino al centro di Marina di Campo, sul lato opposto. Le nostre chiacchiere, il mare agitato, un cornetto fragrante e un cappuccino caldo: la chiusura perfetta di una giornata magica!

Barca a Vela No Problem

Barca a Vela No Problem

Domenica temevamo modifiche al programma a causa del tempo un po’ capriccioso e invece, complice un pizzico di fortuna, abbiamo potuto fare il tanto atteso giro in barca a vela! Siamo saliti sul “No problem” ormeggiato a  Porto Azzurro e siamo salpati alla volta di Punta Calamita, un promontorio ricco di ferro e protetto dall’Unesco per la ricchezza mineralogica che lo contraddistingue.

A bordo, Simona e Lucio ci hanno raccontato la loro vita tra le onde di un mare bellissimo, la battaglia quotidiana per il rispetto di un ecosistema importante e delicato eppure fortemente compromesso dall’incuria e dall’ignoranza, l’impegno in tutti i progetti di educazione dei bambini tramite uscite giornaliere o settimanali (visitate la loro pagina Mare Libero No Problem).

"Veleggiando" verso Punta Calamita

“Veleggiando” verso Punta Calamita

Punta Calamita

Punta Calamita

 
Porto Azzurro

Porto Azzurro

Confessiamo che non saremmo mai rientrati da questo giro in barca perché vedere l’isola da un punto di vista diverso, coglierne la bellezza e insieme la fragilità senza seri progetti di tutela e valorizzazione ci ha ricordato il nostro ruolo nel mondo e l’importanza del contributo di ciascuno di noi nella sua salvaguardia. Dopo un aperitivo con vista mozzafiato al “Café del Mar”, siamo tornati a Marina di Campo, per il pranzo al Paglicce Beach.

Paglicce Beach

Paglicce Beach

Paglicce Beach  Come arrivare all'Elba: con i traghetti della Moby, Toremar e BluNavy da Piombino.

Paglicce Beach Come arrivare all’Elba: con i traghetti della Moby, Toremar e BluNavy da Piombino.

 

Noleggio scooter: Elba Rent 335 756 77 64 oppure 338 718 57 35

POTREBBERO INTERESSARTI...

3 commenti

Anonymous 24 Giugno 2013 - 12:22

posti incantevoli…io e la mia famiglia abbiamo l’Elba nel cuore…

Rispondi
Anonymous 2 Giugno 2013 - 7:42

bellissime foto, davvero!

Rispondi
Cristina 27 Maggio 2013 - 10:15

Un posto meraviglioso, celebrato con stupende foto! complimenti

Rispondi

Lascia un commento