18 febbraio 2013

Marca da bollo passaporto 2013: facciamo chiarezza!

foto | Turista di Mestiere
tutti i diritti sono riservati
Oggi parliamo della odiosa (diciamolo) marca da bollo di 40,29€ che bisogna apporre sul passaporto a partire dalla prima scadenza annuale, qualora si decidesse di fare un viaggio (perché non serve applicarla se non partite!). La tassa è inclusa nel prezzo di rilascio ed è valida per un intero anno. I "problemi" iniziano dopo ma facciamo un esempio pratico!


Oggi 18 febbraio 2013 vi rilasciano il passaporto. Sarete in regola con la tassa fino al 17 febbraio 2014 perché l'avrete pagata nella trafila di emissione del passaporto. Dal 18 febbraio 2014, se non avete intenzione di partire, "appendete al chiodo" il vostro passaporto e non pensateci più. Se invece siete sempre alle prese con una nuova meta da scoprire e siete in partenza per una meta extra UE - per i paesi dell'Unione Europea infatti non è richiesta (e cioè Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria), non complicatevi la vita alla dogana: mettete il contrassegno telematico che varrà fino al 17 febbraio 2015 e così via. Ci teniamo a ripeterlo perché molti credono che la marca valga 1 anno dal momento in cui viene applicata e vidimata sul passaporto oppure un anno, contato dal 1° gennaio al 31 dicembre. No, no e ancora no! La concessione governativa per passaporto si riferisce all'anno legale e ha pertanto la medesima scadenza ANNUALE del passaporto (se vidimata), quindi utilizzate la data di rilascio come riferimento e non lasciatevi ingannare da altre scadenze creative! Se per un anno intero non partite e poi decidete di farlo il 16 febbraio, sarete obbligati comunque ad apporre la marca che purtroppo scadrà il giorno dopo, senza se e senza ma quindi, fatevi furbi: se potete, partite il 18 febbraio e applicate la marca sul passaporto, almeno vi durerà un intero anno!!! Ora qualcuno penserà: a me nessuno ha fatto storie, non ho mai messo la marca e ho risparmiato. Sbagliato! Se per un puro caso doveste essere sottoposti a un controllo a campione del passaporto (in uscita dall'Italia o al rientro) e verificheranno che siete stati in un paese extraeuropeo (e a testimoniarlo ci saranno i visti) sappiate che verrete multati (fino a tre anni indietro) per gli anni in cui non avrete apposto la marca! La multa irrogata, pari a un minimo di 103,29€ + 40,29€ (= importo della marca) + spese verrà inoltrata all'Agenzia delle Entrate e quindi notificata al vostro domicilio. 

Nota 1) se non avrete applicato la marca, non potranno impedirvi di partire perché siete in regola con i documenti di espatrio.
Nota 2) la marca va vidimata. Non è necessario che andiate in Questura o alle Poste, potrà farlo tranquillamente la polizia di frontiera. (AGGIORNAMENTO 12 luglio 2013: se il contrassegno non è vidimato, può valere come "annullamento" la data del visto applicato dal paese extra UE. Ci riserviamo di verificare questo dettaglio. Finché non viene pubblicato sul sito ufficiale della Polizia di Stato, per noi resta valido l'obbligo di vidimazione del contrassegno telematico: http://img.poliziadistato.it/docs/chiarimenti_contrassegno.pdf).
Nota 3) se la marca dovesse scadere mentre siete in viaggio poiché, come abbiamo detto prima, il controllo può essere fatto anche al rientro in Italia consigliamo di portare con voi il contrassegno telematico e applicarlo sul passaporto prima di arrivare in aeroporto. 
Nota 4) l'Albania, la Bosnia-Erzegovina, l'Egitto (portate con voi una foto per il visto), Gibilterra, l'Islanda, il Kosovo,  il Liechtenstein, il Marocco (solo per i viaggi organizzati), Principato di Monaco, il Montenegro, la Norvegia, la Repubblica di Macedonia, la Serbia, la Svizzera, la Tunisia (solo per i viaggi organizzati) e la Turchia (solo per coloro che entrano per via aerea e marittima per motivi di turismo) accettano come documento la carta di identità valida per l'espatrio. Partite con quella, se potete, perché qualora utilizzaste il passaporto, dovreste applicarvi la marca visto che sono paesi extra UE.

Il trucchetto dello scalo in un paese UE. Leggete qui.

Partite con la carta di identità? Occhio!!! Leggete qui.

Siete in partenza per gli USA? Il vostro passaporto è in regola? E l'ESTA? Leggete qui.

Di solito partite con l'ultimo modello di macchinetta fotografica o col tablet nuovo di zecca? Nothing to declare: le cose da sapere

Questi suggerimenti NON si sostituiscono alle informazioni presenti sul sito della Polizia di Stato o di Viaggiare Sicuri del Ministero degli Esteri quindi vi consigliamo di consultare sempre le prescrizioni in essi presenti, per evitare problemi in ordine ad aggiornamenti della normativa vigente.

307 commenti:

  1. Di fronte ad un'ammenda così bassa, e con una altrettanto bassa probabilità di essere controllati, a mio avviso conviene non apporla proprio la marca da bollo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ammenda bassa di un minimo 143 euro contro 40,29? Eri forte sicuramente in matematica.

      Elimina
    2. 143 euro sono pari al costo di 3 anni di marche da bollo, mentre si corre il rischio di essere fermati una volta ogni 20 anni. conviene non pagare.

      Elimina
    3. @marcello: ognuno valuti di comportarsi come crede, l'importante è partire informati dei rischi che si corrono!

      Elimina
    4. ma come ragioni??? guarda che se sei recidivo e quindi hai più anni senza marca non sarà di 143 euro ,bensi molto di più ..40 euro per ogni marca non apposta ..mettiamo che ti beccano 5 anni di viaggi senza marche sono già duecento ..più il resto della sanzione ...senza contare la menata che ti arriva tutto da pagare dopo un paio di anni ..cerca di non fare cazzate e paga sta marca da bollo,che quelli come te pensano di fare i furbi e poi quando li beccano piangono perchè lo prendono in quel posto

      Elimina
    5. Io è dal 2009 che ho il contrassegno telematico in mezzo al passaporto, non l'ho mai attaccato e non me lo hanno mai vidimato... posso ancora utilizzarlo? e se mi dovessero sottoporre ad un controllo del passato potrei dire: io il contrassegno ce l'ho dal 2009(c'è la data) voi non lo avete vidimato, ma io ero in regola... si lo so che è una tassa annuale e io la dovrei pagare, ma è anche vero che se non è vidimata è valida ancora...

      Elimina
    6. Ma allora uno deve mettere anche le marche degli anni precedenti in cui non ha viaggiato fuori dall'europa?

      Elimina
  2. e se vado in un Paese extraeuropeo però faccio scalo in Europa?!?!?!? la marca serve o no?!?!?!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non serve.

      Elimina
    2. caro anonimo sei male informato! Questa scappatoia, come ho già detto, potrebbe ritorcersi contro di chi vi ricorre perché (lo ripeto) è vero che nello scalo in Europa la marca da bollo NON serve, ma verso la destinazione extraeuropea sì e quando rientri dal viaggio (ad esempio dagli USA), il passaporto presenterà inevitabilmente il visto -con data- del paese extraeuropeo visitato. Non è detto che accada ma, subito al rientro o alla prima occasione possibile entro i successivi tre anni, se ti controllassero il passaporto saresti passibile di multa: il visto c'è e la marca no!!!

      Elimina
    3. 3 anni poi, se non ho capito male, con riferimento alla data di emissione/scadenza del passaporto stesso. Esempio: io ho i visti di ingresso/uscita dalla Colombia a Gennaio 2010 l'ultimo e il mio passaporto ha data di inizio il 30 Marzo...quindi oggi sono passati più di 3 anni dal 30 Marzo 2010 e i timbri che ho (senza aver apposto la concessione) sono precedenti. Se anche mi dovessero cotrollare oggi, cucù, prescritto.

      Elimina
  3. Bravissima! Di queste cose non ne parla mai nessuno, hai fatto molto bene a fare chiarezza.

    RispondiElimina
  4. Grazie per aver fatto chiarezza, gli esempi pratici sono,sempre i migliori. Più di una volta in uscita dall'Italia mi è capitato di sentire i più ingarbugliati spiegoni su come e quando bollarlo senza che chi ascoltava ci capisse un granché (lo si deduceva guardando le loro facce)

    RispondiElimina
  5. Uhh mamma mi sono persa tra i meandri di tutti queste info. Ma una cosa più semplice noooo?

    RispondiElimina
  6. @anonimo: 160€ circa di ammenda non mi pare una cifra proprio bassa (sempre se vi colgono in fallo per 1 solo anno, altrimenti la cifra raddoppia o addirittura triplica!). I controlli finora sono stati poco frequenti, ultimamente si sono intensificati perché lo Stato ha bisogno di far cassa!
    @anonimo2: certo che sì! Perché è vero che nello scalo in Europa NON serve, ma verso la destinazione extraeuropea sì! Quando rientri dal viaggio, il tuo passaporto presenterà ovviamente il visto -con data- del paese extraeuropeo che hai visitato. Anche se passassi indenne alla dogana in quell'occasione, potresti essere controllato nei tre anni successivi (e non sono pochi) e saresti passibile di multa!!!
    @sara: grazie, ho pensato che siccome c'è sempre tanta confusione, magari un po' di chiarezza (e confronto) non guastava!!!
    @adri: capito??? Quanti soldi... :(
    @nela: infatti anche secondo me l'esempio rende tutto più comprensibile :P
    @tizi: e no, siamo in Italia!!!

    RispondiElimina
  7. Ho scoperto la furbizia dello stato Italiano al momento del ritiro del nuovo passaporto. Perché ci devono complicare la vita in questa maniera?
    Vivendo sul confine e magari partendo e rientrando da Austria o Germania per mete extraeuropee posso rischiare senza il bollo visto che è una cosa esclusivamente italiana o è meglio di no? Sai com'è... non ho avuto il coraggio di porre la domanda in questura! ;)
    Grazie intanto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @elisa: ciao, scusa ma il tuo messaggio era finito nello spam commenti :( avrai già letto che finché non ti sottopongono ad alcun controllo, tutto ok. Un giorno, per sfortuna, ti chiedono il passaporto e scoprono visti di paesi extra UE e nessuna marca apposta. A quel punto dovrai solo pagare per tutti gli anni (fino a un massimo di tre) in cui hai viaggiato senza il pagamento della tassa.

      Elimina
  8. se siamo cittadini europei, perche noi si e gli altri no?

    RispondiElimina
  9. Ciao e grazie per la chiarezza fatta. Una domanda... è necessario recarsi in questura o comunque farsi timbrare da chi di competenza la marca da bollo prima di partire?

    RispondiElimina
  10. La Svizzera è considerata in Europa o invece si intende Unione Europea per l'esenzione dalla marca da bollo? Grazie.

    RispondiElimina
  11. Attenzione! Hai parlato di destinazioni extraeuropee ma non è proprio così.

    La concessione governativa è dovuta per i viaggi fuori dall'UNIONE EUROPEA, cosa ben diversa.

    RispondiElimina
  12. Vi ricordo che l'Italia è come al solito l'unico paese della comunità europea ad dover pagare questa "tassa".. Negli altri paese non esiste ne tassa ne marca da bollo per il passaporto.. Ennesima dimostrazione del nostro stato che ci spreme come limoni..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. trovo che sia vergognoso da parte dell'Italia ad emettere questa tassa...

      Invece la dimostrazione di umanità in quanto entrando nei paesi extracomunitari (Europa est) per i cittadini zona Shengen e stato abolito il visto d'ingresso.. tanto di capello.. con tutte le difficoltà di codesti paesi, trovo che non sono cosi "morti di fame" quanto l'Italia !!! (Cittadina est EU)...

      Elimina
  13. @anonimo: perché in Italia ci sono tanti balzelli. E questo è uno di quelli... :(
    @anonimo2: se puoi andare in Questura, bene. Dovrebbero farlo anche le Poste, ma ho sentito di molti impiegati (supportati dai direttori) che si sono rifiutati di farlo. In alternativa, puoi andare direttamente alla postazione della polizia di frontiera in aeroporto.

    RispondiElimina
  14. @anonimo3: La Svizzera non è nell'UE quindi se parti con il passaporto DEVI apporre la marca MA insieme ad altri paesi, accetta come documento per il viaggio la carta di identità: se ce l'hai, parti con quella!
    @sergio: hai fatto bene a precisare, per evitare malintesi! Ho corretto la frase e integrato una nota (la 4) per dare un'ulteriore info
    @anonimo4: non sono sicura che nessun altro paese abbia questa tassa, controllerò (non che cambi la frustrazione per il suo pagamento, sa ben chiaro!)

    RispondiElimina
  15. oppure fate i furbi come segue:

    -avete un volo Italia-Stati Uniti (con uno scalo in UE)
    -all'imbarco italiano esibite il biglietto per (esempio) Londra e la vostra C.I valida per l'espatrio
    -all'imbarco londinese esibite il vostro biglietto per (esempio) Los Angeles e il vostro passaporto senza marca da bollo tanto, al di fuori dell'Italia, ignorano cosa sia un bollo
    Nel viaggio di ritorno fate il prcesso alla rovescia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ma in questo modo con un minimo di 3 anni dovrai sempre e comunque raggiungere paesi extra UE sempre e solo con scalo (ed è difficile a meno che tu non lo programmi, paradossalmente magari pagando di più che con un volo diretto).
      I visti del passaporto sono una bocca della verità e dicono dove e quando ci sei stato.
      Magari ti va bene il primo anno, magari il secondo. Se ti beccano il terzo paghi caro per aver evaso 80,58 euro....
      Il controllo può avvenire (questo verificato con i miei occhi) sia all'andata che al ritorno, anche all'interno dell'aeroporto da personale in borghese (munito di tesserino di riconoscimento).

      Elimina
    2. quoto quello che hai scritto e aggiungo che spesso è più probabile il volo con transito che quello con lo scalo e il giochetto col transito non si può fare...

      Elimina
    3. Quante chiacchere inutili. Al rinnovo del passaporto avviene il controllo automatico e la multa è certa.

      Elimina
  16. @anonimo: mi ripeto (anche se l'avevo già scritto sopra): questa furbizia POTRESTI PAGARLA CARA perché è vero che nello scalo in Europa il bollo NON serve, ma verso la destinazione extraeuropea sì e quando rientri dal viaggio (ad esempio dagli USA, come hai scritto tu), il tuo passaporto presenterà ovviamente il visto -con data- del paese extraeuropeo che hai visitato. Qualora dovessero sottoporti a un controllo casuale sarebbero guai, perché potrebbero chiederti se Londra è stata la tua meta finale o uno scalo: sai mentire bene e sei certo di mantenere la calma? Ok. Sei un tipo un po' emotivo? La multa è garantita! Ma il bello (anzi il brutto) è che se anche passassi indenne alla dogana in quell'occasione, potresti essere controllato casualmente nei tre anni successivi (e non sono pochi) e saresti passibile di multa!!! Ne vale la pena? Io non credo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, 3 anni non sono neanche molti se rappportati ai 10 anni di validità del documento e se uno viaggia poco verso paesi extra-UE per cui non basta la CI. Finora non l'ho letto, è implicito sì ma vale la pena di sottolinearlo: al RINNOVO del passaporto va portato anche il vecchio, quindi quella è LA occasione in cui si verrà controllati. Pertanto, se nei tre anni precedenti si è viaggiato "senza bollo" lì si viene pizzicati di sicuro. Allora...o si fanno passare tre anni dall'ultimo in cui non si è pagato il bollo, prima di rinnovare il passaporto, anche se nel frattempo lo stesso è scaduto oppure, come un poliziotto stesso mi ha consigliato una volta, si brucia il docuemento e si fa denuncia di smarrimento, e se ne richiede uno nuovo

      Elimina
    2. sì, in un commento più in basso l'ho anche scritto. Qualcuno preferisce "perdere" il passaporto privo di bolli ma con i visti piuttosto che rinnovarlo...

      Elimina
  17. stato italiano ladro

    costo passaporto in italia per un bambino è di 83 euro cerca.
    costo passaporto in francia per un bambino è di 17 euro netti.

    inoltre il bambino italiano (genitore) dovrà mettere marca da bollo di 42,19 per andare in vacanza una volta all’anno.

    costo passaporto francese,

    Pour les personnes majeures : 86 euros,
    Pour les mineurs de plus de 15 ans : 42 euros,
    Pour les mineurs de moins de 15 ans : 17 euros
    Si les photographies sont faites sur place
    (avec le dispositif de recueil dans les ambassades et consulats)
    Pour les personnes majeures : 89 euros,
    Pour les mineurs de plus de 15 ans : 45 euros,
    Pour les mineurs de moins de 15 ans : 20 euros

    fonte: ministero interno francese.

    questo costo vale per tutti i paese della comunità europea.

    non dobbiamo pagare la marca da bollo per passaporto, è una vergogna solo italiana.

    RispondiElimina
  18. Grazie per le spiegazioni ma io ho una marca nuova mai applicata sul passaporto.Adesso devo partire:posso usarla anche se datata 2011? grazie dona

    RispondiElimina
  19. @anonimo1: capisco che le tasse siano odiose, alcune più di altre (tipo questa) ma... la legge è legge e dobbiamo rispettarla!
    @anonimo2: ciao Dona! Certo che puoi attaccarla. Quella data è relativa alla sua emissione e non essendo stata ancora "vidimata" dall'organo competente (questura, posta o direttamente in aeroporto) è assolutamente VALIDA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Monica. Potresti citarmi per favore il riferimento legislativo in base al quale la marca può essere vidimata in Posta? Ci sono stato oggi e si rifiutano! Vorrei tornare con delle informazioni dettagliate e scatenare l'inferno... Grazie

      Elimina
    2. ciao Matteo!!!
      Ho sentito anche io che le Poste si rifiutano di farlo. Il Decreto Ministeriale è il n. 303 del 28-12-1995 relativo proprio alle tasse sulle concessioni governative e dice
      "5. ...In sede di rinnovo le marche possono essere apposte ed annullate, con il timbro a calendario, oltre che
      dalle questure, dagli uffici del settore della polizia di frontiera terrestre, dagli uffici di P.S. presso scali
      marittimi ed aerei, dagli uffici del registro, dagli ispettorati per l'emigrazione, dagli uffici postali e dagli
      uffici dell'Automobile club d'Italia"
      Ora che dirti? Non mi risulta sia intervenuto un altro decreto a cancellare le Poste dagli uffici competenti... fonte: http://www.tuttocamere.it/files/camcom/1995_12_28_TCG.pdf

      Elimina
  20. ma va comprata tutti gli anni? io e' da due anni che non viaggio, adesso devo andare alle maldive, la devo comprare solo per quest'anno o pure per i due anni che non ho viaggiato????

    RispondiElimina
  21. devo andare alle maldive , e da due anni che non viaggio, la marca da bollo la devo comprare solo per quest'anno? non si deve comprare per gli anni gia trascorsi, cioe non ne devo comprare tre

    RispondiElimina
  22. @giuseppe: ciao Giuseppe, NO non devi comprare le marche per gli anni in cui non hai viaggiato, ma solo quella che ti serve per il viaggio che dovrai fare (fuori UE) e che dovrai ricordare di far vidimare alla partenza! Buon viaggio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Partirò a luglio per Mosca, ho rinnovato il mio passaporto nel 2007 ed ho viaggiato; nel 2008 dovevo partire per la Tanzania ho avuto il visto che è incollato sul passaporto ho comprato la marca da bollo. Purtroppo il mio viaggio è saltato, da allora non sono più partita. La marca da bollo comprata nel 2008 posso utilizzarla ora?
      Grazie Katia

      Elimina
  23. Ma, scusate l'ignoranza, la scadenza è da calcolarsi solo dopo che la marca è stata timbrata oppure dalla data della sua emissione? Io sono in partenza per cuba, ho già acquistato la marca e me la porto dietro, però non la incollo finchè non me lo chiedono, così in caso la posso riutilizzare.Ben sapendo che se mi va dritta la prossima volta potrei prendere la multa se scoprono che sono andata all'estero senza marca da bollo

    RispondiElimina
  24. @anonimo: NO! La marca se è solo incollata, è sempre valida e dal momento in cui viene VIDIMATA (presso l'ufficio competente che ti risulta più comodo) scade nella data di scadenza annuale del passaporto. Esempio: passaporto emesso l'8 marzo 2011. Fino al 7 marzo 2012, la tassa è stata pagata con l'emissione del documento e quindi non hai dovuto fare nulla. Se nell'anno compreso tra l'8 marzo 2012 e il 7 marzo 2013 sei partita per mete extra UE, hai apposto e vidimato la marca che sarà scaduta ieri, 7 marzo 2013. Veniamo al tuo caso specifico: se porti con te la marca e ti fermano al controllo passaporti, un agente più fiscale potrebbe giustamente contestarti la mancata apposizione e la mancata vidimazione del contrassegno telematico(sarebbe come portarsi dietro il biglietto in autobus e non timbrarlo: te la farebbero la multa?). Se nessuno ti ferma per un controllo né all'andata né al ritorno avrai avuto fortuna e dovrai invocarla per tutti i viaggi Extra UE che ti appresterai a fare e fino a 3 anni successivi (perché la contestazione è retroattiva fino a 3 anni). In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  25. ma su quale pagina va incollata la marca da bollo?
    sui passaparti vecchi mi sembrava ci fosse una pagina con i riquadri apposta, su quello che mi han dato l'anno scorso (a febbraio, quindi primo anno passato) ci son solo una pagina "per le autorità" e le altre per i visti...

    RispondiElimina
  26. @anonimo: proprio su una pagina per i visti! :D Vuoi un consiglio? Se hai già qualche visto timbrato e c'è ancora spazio, applica lì la marca, così non "sprecherai" una pagina nuova per il contrassegno telematico. :P

    RispondiElimina
  27. quindi, se ho capito bene. Se il mio passaporto - cito il mio caso- è stato emesso il 12 giugno 2007 e non l'ho mai più utilizzato, ad aprile devo partire per la moldavia, la marca che applicherò durerà solo da aprile al 12 giugno 2013? sdong, bella fregatura :/

    RispondiElimina
  28. @anonimo: purtroppo è come dici tu. La Moldavia è extra UE, sei costretto a usare il passaporto e ad applicare una marca che scadrà l'11 giugno 2013 :(

    RispondiElimina
  29. Ciao.
    Io ho fatto il passaporto nel giugno 2010.
    non l'ho più usato. il 24/4/2013 parto per un viaggio, quindi metto 1 sola marca da bollo che posso farmi vidimare in posta, corretto?

    Inoltre, nel frattempo ho fatto un cambio di residenza, quindi quella sul passaporto non è più esatta. Devo rifarlo o portarealtri documenti comprovanti l'effettiva residenza?
    grazie

    RispondiElimina
  30. @anonimo: ciao! Se usi il passaporto, suppongo che tu debba andare in un paese extra UE. In tal caso sì, devi mettere 1 marca da bollo ma ricorda che scadrà a giugno 2013, mese di scadenza legale del passaporto. Se guardi la pagina n. 6 del tuo passaporto, c'è un secondo spazio dove apporre una seconda residenza. Se hai cambiato comune (e non semplicemente indirizzo) vai nel commissariato di zona, sottoscrivi una dichiarazione di cambio residenza sul modulo 308 (portando con te un altro documento che attesti i nuovi dati) e fai stampare il nuovo comune sul documento. Nessun paese straniero incrocia questo tipo di dati, ma magari potresti avere difficoltà nella compilazione dell'ESTA.

    RispondiElimina
  31. Vale anche per i cittadini residenti all'estero ma che viaggiano con passaporto Italiano? Per esempio, Monaco - Mosca e ritorno.

    RispondiElimina
  32. @anonimo: il passaporto è italiano e sottosta alle leggi italiane. Se vai in un paese extra U.E. dovresti comunque mettere la marca da bollo, pur partendo (e vivendo) all'estero. Anche perché, se dovessi tornare in Italia (che so, per trascorrere un week end in famiglia) saresti soggetto a un controllo e il visto stampato sul passaporto ti esporrebbe alla possibilità di una multa. Almeno questo mi hanno detto in un ufficio passaporti della questura di Roma.

    RispondiElimina
  33. Salve. Ho un passaporto valido emesso nel 2009 sul quale ho solo 2 bolli. Il primo bollo, è stato timbrato il giorno dell'emissione del passaporto e quindi diciamo già "scaduto", il secondo bollo, non è mai stato timbrato nonostante per lavoro mi rechi in paesi EXTRA UE almeno 10 volte all'anno ma con prima "tappa" del viaggio in paese UE (Es. Germania). Sono in regola? O dovrei avere una marca da bollo (magari mai timbrata), per ogni anno? Ripeto, viaggio in continuazione... Grazie in anticipo. Massimo

    RispondiElimina
  34. @massimo: ciao Massimo, leggendo attentamente varie fonti attendibili, posso dirti che il secondo bollo è ancora valido e che pertanto puoi utilizzarlo per quest'anno mentre per gli anni addietro vale sempre il discorso che, avendo viaggiato in paesi extra UE (e lo testimoniano i visti) e non avendo apposto la marca (non importa lo scalo intermedio in paesi UE), non sei in regola. Ho letto di uno che era in una situazione simile alla tua. Per il primo anno (2009-2010), la marca era pagata con l'emissione del passaporto. Per l'anno a seguire (2010-2011), ha acquistato la marca ma ha dimenticato di vidimarla. Ha viaggiato nei 2 anni successivi (2011-2012 e 2012-2013) senza che nessuno gli obiettasse alcunché. Ad un certo punto, nel dubbio di rischiare una multa, ha scritto a penna, sulla marca, una data compresa nell'anno 2011-2012 e ne ha acquistata una per l'anno 2012-2013. In questo modo è rimasto "scoperto" solo per l'anno 2010-2011 che, con un po' di fortuna, non sarà più computato nel calcolo dei tre anni di retroattività della multa. P.S. il tipo in questione ha potuto fare così solo perché la marca applicata e mai vidimata recava una data di emissione di 2-3 anni prima. E' ovvio che se tu oggi comprassi 3 marche per mettere una "toppa", recherebbero tutte la data del 2013 e la vidimazione a penna degli anni precedenti non sarebbe credibile ma denuncerebbe la malafede dell'intento...

    RispondiElimina
  35. Grazie. Direi che sono stati chiariti tutti i miei dubbi.
    Massimo

    RispondiElimina
  36. @massimo: non c'è di che. Ovviamente, presso la polizia di frontiera, puoi chiedere tutte le conferme del caso!

    RispondiElimina
  37. Io mi trovo in una situazione simile a un utente di cui sopra: vivo all'estero, più precisamente in UK, da diversi anni. Tra un mesetto farò un viaggio in un paese extraeuropeo, ma non passerò dall'Italia. Da quello che ho capito: 1. nessuno mi controllerà perché questa tassa è l'ennesima ladrata italiana e all'estero non sanno e soprattutto non frega niente 2. il documento è comunque valido quindi non mi impediranno di partire e soprattutto di entrare nel paese extraeuropeo (Giappone) né di rientrare in Europa (da Amsterdam)
    3. Rischio solo e unicamente nel caso presentassi il passaporto in uno scalo italiano, dove però si può ovviare con la carta d'identità
    4. Passati 3 anni dall'ultimo visto l'eventuale sanzione decade e non rischio più niente

    Considerando che io vivo già nei pressi di due grossi hub internazionali, Londra e Amsterdam, l'ipotesi di viaggiare dall'italia per un paese extraeuropeo nei prossimi 3 anni è praticamente nulla, pertanto non dovrei rischiare nulla, giusto?
    Francamente mi rifiuto di pagare una tassa così iniqua, è una vergogna.

    RispondiElimina
  38. @anonimo: hai capito perfettamente e condivido la frustrazione per una ulteriore tassa da pagare. Quanto alla decisione di "ovviare" all'applicazione della marca... :P

    RispondiElimina
  39. Ciao Monica,
    ti faccio i complimenti per il post che ritengo senz'altro molto utile e vengo subito alle mie domande:
    1) Cosa bisogna fare per vidimare la marca da bollo? Per considerarla vidimata basta apporvi a mano la propria firma con la data oppure c’è bisogno del timbro di un’autorità?
    2) Se una marca è stata apposta sul passaporto, ma non è mai stata vidimata è ancora valida anche se è stata emessa diversi anni fa (anche 7-8 anni fa)?
    3)Confermi che in ogni caso, anche senza la marca da bollo, le autorità non possono impedirci di partire?
    4) Sei una del “mestiere” e quindi le informazioni che riporti sono equiparabili a quelle fornite dall’autorità competente?
    Premetto che da 8 anni viaggio un paio di volte all'anno al di fuori dell'Unione Europea e che negli ultimi 5 non ho più apposto alcuna marca da bollo.
    Grazie mille!
    Cristiano

    RispondiElimina
  40. @cristiano: rispondo per punti
    1) deve essere apposto il timbro di un'autorità (polizia, frontiera, poste, registro, aci). Molti lamentano che le poste si rifiutano di vidimare le marche da bollo. Secondo me, la soluzione migliore sono polizia o frontiera - direttamente in aeroporto.
    2) la marca non vidimata è ancora valida, anche se comprata anni addietro.
    3) non possono impedirti la partenza se quello della marca è l'unico "difetto" del tuo passaporto. Con l'espatrio sei in regola, meno con l'agenzia delle entrate!
    4) le info riportate in questo articolo sono frutto di letture approfondite e contatti telefonici con l'ufficio passaporti di Roma. Come ho scritto nella nota finale, non sostituiscono un'informazione diretta con le autorità competenti da parte del viaggiatore perché parliamo di una materia suscettibile di continui aggiornamenti e l'articolo potrebbe non fornirli in tempo reale. Per gli ultimi 3 anni potresti rischiare una multa (purtroppo).

    RispondiElimina
  41. BUONGIORNO A TUTTI,
    HO FATTO UN ERRORE ED I TABACCAI NON SANNO DARMI UNA RISPOSTA. HO APPLICATO UNA MARCA DI 37 EURO SUL PASSAPORTO, POSSO APPLICARNE UN'ALTRA PER LA DIFFERENZA DI 4 EURO,DATO CHE L'IMPORTO è SBAGLIATO? GRAZIE

    RispondiElimina
  42. @bruno: buon pomeriggio Bruno purtroppo ho cattive notizie. Non è possibile alcuna integrazione. L'unica marca applicabile sul passaporto è quella da 40,29€. Prova a verificare se il tabaccaio dove hai acquistato la marca da 37€ te la sostituisce con quella corretta(ma ho i miei dubbi, a meno che tu non lo conosca bene e lui non abbia motivo di credere che gli daresti una marca contraffatta...)

    RispondiElimina
  43. GRazie per l'ARTICOLO! tuttavia mi rimane un dubbio.
    Il mio passaporto ha 13anni, ho viaggiato fuori ue tutti gli anni e non ho mai pagato il bollo perchè vivo all'estero ed evidentemente nessuno controlla.
    Devo rinnovare il passaporto in due anni all'ambasciata, hanno la facolta di fare controllo e multarmi? Mi conviene dichiararlo smarrito? Qualcuno ha esperienza in merito?

    Grazie!

    RispondiElimina
  44. Io ho una marca da bollo attaccata al passaporto dal novembre 2010. nessuno alla dogana me l'ha mai vidimata e ho viaggiato negli states dall'italia una volta.
    quindi nel caso mi facciano un controllo perchè nessuno me l'ha vidimata?

    RispondiElimina
  45. Come è possibile rimediare? Se non si sono messe marche da bollo negli anni scorsi e si è viaggiato tutti gli anni fuori UE. Grazie

    RispondiElimina
  46. @massimo: io non credo che gli impiegati dell'ambasciata possano comminare multe ma ho girato la richiesta a un esperto e spero di risponderti quanto prima!
    @anonimo: perché dovevi vidimarla TU prima di partire. Finora nessuno ha fatto un controllo e nessuno ti ha contestato niente. Tieni le dita incrociate per gli anni addietro e provvedi a vidimare la marca da questo momento in poi se vai in un paese Extra UE
    @anonimo 2: non c'è modo di rimediare. Assicurati di essere in regola da questo momento in poi e spera che nessuno effettui un controllo simile sui tre anni addietro. P.S. qualcuno "perde" il passaporto per ovviare al problema. Non è un consiglio, ovviamente, è una nota di colore...

    RispondiElimina
  47. Ciao! Io ho deciso di fare il passaporto in questi giorni, anche se non ho ancora in programma di partire per nessuna meta, quindi volevo sapere, dato che tra le cose da consegnare c'è la famosa marca da bollo, se non dovessi partire ad un anno dal rilascio del passaporto, scadrà comunque? (non so se sono riuscita a spiegarmi xD)
    Grazie! Manu :)

    RispondiElimina
  48. @manu: quando farai richiesta di rilascio del passaporto, presenterai la marca da bollo che verrà apposta sulla domanda. Sul passaporto verrà trascritta la dicitura: tassa pagata per anni 1. Quella "marca" scadrà alla scadenza legale del passaporto (dopo un anno) indipendentemente che tu sia partita o meno per un paese extra UE. Dopo il primo anno, dovrai apporre il contrassegno telematico solo se andrai in paesi extra UE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la risposta! Ancora un paio di domande: il passaporto (e quindi anche la marca da bollo) come data di rilascio avrà il giorno in cui ho presentato la richiesta o il giorno in cui me lo daranno "fisicamente"? (lo dico perchè so che ci vogliono alcuni mesi per ottenerlo, almeno dalle mie parti è così xD) Poi, probabilmente l'avrà già chiesto qualche altro utente: se per andare in un paese extra UE non prendo un volo diretto ma faccio prima scalo in uno europeo (es. napoli-germania (quindi niente passaporto)e poi germania-giappone)facendo lo stesso anche al rientro, baypasso senza incappare in sanzioni la cosa della marca?
      Grazie ancora! Manu.

      Elimina
    2. Ciao Manu, nel mio caso, il passaporto ha la data del ritiro. Io ho fatto richiesta di rilascio online, scegliendo un giorno tra quelli a disposizione per non fare fila. Ho compilato tutti i documenti, la questura ha effettuato i controlli e quando mi sono presentata all'appuntamento hanno applicato la foto e rilasciato il passaporto! Per quanto riguarda la seconda domanda, se leggi la mia risposta all'anonimo qui sotto saprai che NON si può fare! :D

      Elimina
  49. ciao a tutti.io devo partire x l'india,mumbai.il mio aereo fa scalo a francoforte.visto ke la marca da bollo,mi sembra di aver capito è una tassa solo italiana,posso partire senza marca da bollo e usare la c.i x andare francoforte e poi il passaporto appunto senza marca da bollo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho già detto più volte che molti ricorrono a questa “scappatoia” che, finché nessuno controlla con più attenzione il passaporto, consente di evadere la tassa (ingiusta, assurda, ignobile lo condivido, ma pur sempre una tassa dovuta allo Stato italiano). Qualora foste sottoposti a un controllo, subito al rientro in Italia o nei tre anni successivi (che non sono pochi, soprattutto se viaggiate spesso), il passaporto vi “denuncerebbe” a causa dell’apposizione del visto del paese extra UE.

      Elimina
  50. Domandona : scordandomi di aver apposto la marca da bollo sul passaporto (viaggiato a Marzo) che non mi hanno controllato, ho rimediato mettendocela/comprandola al ritorno.
    Se si compra dopo aver viaggiato (scandenza della marca Dicembre a Dicembre quindi entro l'anno del viaggio) sono in regola (facendomela vidimare dalla polizia)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. potrebbero contestarti la mancata applicazione della marca per il viaggio già effettuato (il visto avrebbe data marzo e la marca sicuramente una data posteriore) ma credo che, confidando nel buonsenso di chi controlla, nessuno ti infliggerebbe una multa.

      Elimina
  51. ma che vuol dire "mettete il contrassegno telematico" ?
    cos'è e che vuol dire mettere: mettere dove?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cp: il contrassegno telematico è la vecchia marca da bollo. Si compra in tabaccheria. Lo devi apporre sul passaporto e farlo vidimare SE devi partire per un paese extra UE.

      Elimina
  52. Ottimo post, io non sono riuscita ad approfondirlo così tanto, mi mancava l'esempio pratico ;)

    RispondiElimina
  53. Buongiorno, mi hanno rinnovo la carta identità con un timbro sul retro che prolunga la scadenza. Ora dovrei partire per la Turchia e mi hanno detto che non viene accettata la carta rinnovata così. E' vero???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul sito del Consolato Generale (http://www.consistanbul.esteri.it/Consolato_Istanbul/Archivio_News/AccessoTurchia.htm) c'è scritto: Carta di identità (elettronica/cartacea), validità minima di mesi 6 dalla data di ingresso in Turchia, anche con timbro di rinnovo sul retro del documento. P.S. ricorda però che dovrai entrare nel paese solo in nave o in aereo, se ti muovi con mezzi propri dovrai esibire il passaporto. Per tutte le info: http://www.turistadimestiere.com/2013/02/carta-identita-valida-espatrio-in-quali-paesi-accettata.html

      Elimina
  54. Io ho fatto un viaggio in Giappone (con scalo a Helsinki) ad agosto 2009 e nessuno mi hanno vidimato la marca che avevo apposto.
    A maggio 2013 (il mese prossimo) partirò per il Brasile (scalo a Lisbona), mi pare di capire che non rischierei sanzioni sfruttando la stessa marca visto che non è stata vidimata e che l'ultimo viaggio extra UE risale appunto a quasi... 4 anni fa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esattamente! Ricorda di vidimare la marca e parti serenamente (e mandaci una foto per One Million Photos!!!)

      Elimina
  55. scusate, ma se io sono in un'altra nazione e decido di partire per una destinazione extra UE, ma non ho la marca da bollo cosa faccio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. per il fatto di usare un passaporto italiano, devi essere in regola con le leggi italiane. Partendo dall'estero per un paese extra UE NESSUNO ti chiederà conto della mancata applicazione del contrassegno telematico MA nel momento in cui rimetterai piede in Italia sai che potrebbero controllarti il passaporto e contestarti l'omissione della marca da bollo. Valuta tu.

      Elimina
  56. Buongiorno Monica,
    grazie per la chiarezza. Oggi mi sono recata nella questura della mia città per controllare che il passaporto fosse in regola per il viaggio che effettuerò a giugno per gli States. La poliziotta che mi ha accolto non è stata in grado di dirmi se effettivamente ci sono multe/sanzioni per chi viene colto senza marche da bollo degli anni precedenti.
    Mentre l'agenzia viaggi mi parla di un unico caso in cui la questura ha fatto pagare, oltre alle marche da bollo mancanti, delle multe, per un totale di circa 500€.

    Per fare chiarezza, direi quindi che, alla data odierna, potremmo essere contestati non oltre all'anno 2010.

    Vedo, però, dalle gentili risposte che ha fornito ad altri utenti, parla spesso di viaggio contestuale ad un visto. Per paesi come Australia e Brasile dove non è necessario il visto, allora, il fatto di aver effettuato uno scalo in città europea potrebbe essere motivo di difesa per chi non ha apportato la nostra famosa marca?

    Da quanto esiste questa interpretazione che lei usa? Perchè è da qualche mese che la sento, ma in precedenza infatti tutti parlavano del trucco scalo UE.

    Il mio passaporto è stato emesso a luglio, starò negli States due settimane a giugno: ho deciso di apporre la marca da bollo, ma non di farla vidimare, se non me lo faranno notare, in modo da non attirare l'attenzione. In passato, l'ho pagata all'emissione del passaporto e per un visto di un viaggio in Cina. Per i successivi due viaggi, con scali europei, non l'ho apposta, ma ne ho comunque una non vidimata del 2009. Se il rischio è solo quello di dover pagare un paio di marche mancanti, contro nessun controllo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. scusa per il ritardo con cui rispondo! Parlo spesso di visto per far capire a chi legge che il passaporto "parla" e che quei deliziosi timbri "denunciano" i nostri spostamenti. In ogni caso, sia che il paese preveda o meno un visto d'ingresso, l'applicazione del contrassegno telematico è obbligatoria. Tra le righe: se si hanno buone doti da istrione, se si fa tappa intermedia in uno scalo UE e il paese da cui si proviene non appone alcun visto... In bocca al lupo!

      Elimina
  57. LINDAstupida4/24/2013 12:42 AM

    SONO DEI LADRI!!!!
    Mi hanno fatto la multa,anche se avevo la marca da bollo non attacata al passaporto, e mi avevano detto che era di 150 auro... ok... mi è arrivata a casa ma era di 750!!!!!!!!!!!!!!!! vi rendete contoooooo!!!!????? poi mi vogliono far pagare degli anni dove non ho viaggiato nemmeno!!!! sono LADRI LADRI LADRI, STRONZIIIII!!!!
    Mi hanno visto la faccia da coglionaaaa!!!!! NO EH!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Linda, calmati!!! ^^ Capisco che l'importo sia davvero allarmante ma... come mai 750€? Se non hai viaggiato negli anni precedenti dovrebbero contestarti solo la multa e il prezzo del contrassegno non applicato di quest'anno... ci dici cosa c'è scritto nella sanzione che ti hanno inflitto?

      Elimina
  58. Ho il passaporto che scade in luglio 2013. Sono stata in diversi paesi fuori dall’Unione Europea, non ho mai attaccato le marche da bollo e mi è sempre andata bene (lo so, sono stata fortunata e anche un po’ incosciente!). Ora che devo andare in questura a rinnovare il passaporto e consegnare quello vecchio, possono controllarlo e farmi la multa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In teoria (non so se sia mai successo nella pratica) sì. Qualcuno, infatti, preferisce "perdere" il passaporto, piuttosto che rinnovarlo...

      Elimina
    2. sono anche io interessato alla questione: ma anche se l'ultimo visto risale a più di 3 anni dalla data di scadenza del documento? Cioè, la prescrizione dei 3 anni vale sempre, in quanto tale, o è solo che alla frontiera non possono controllarti oltre i tre anni, ma poi all'atto del rinnovo possono sì guardare tutti i 10 anni precedenti?

      Elimina
    3. Non ho capito la domanda in relazione alla scadenza del documento... intendi dire se vai a fartelo rinnovare e l'ultimo visto risale a oltre tre anni prima? Il termine massimo per la multa è di tre anni, poi cade "in prescrizione" quindi, anche a fronte di un controllo, non possono dire nulla.

      Elimina
  59. L'11 Luglio 2013 partirò per gli USA e torno il 21 Agosto 2013. Siccome ci sono già stato l'anno scorso avevo applicato la marca da bollo il 16/07/2012 (cioè lo stesso giorno cui sono partito) e vi volevo domandare se devo applicarne un'altra prima di partire questa volta?
    PS non credo che la marca da bollo del 16/07/2012 sia stata vidimita perchè non ho nessun timbro sopra... comunque se potete rispondetemi in entrabi i casi cioè considerandola come se sia stata vidimanta o meno. GRAZIE MILLE!!!

    RispondiElimina
  60. Penso proprio di sì in entrambi i casi. Se è stato vidimato, il bollo scadrà (o è scaduto) con la scadenza annuale del passaporto: e quindi devi comprarne un altro. Se NON è stato vidimato, cmq avrai un visto (un timbro d'ingresso) sul passaporto che "denuncia" il tuo viaggio extra UE e se vuoi stare "tranquillo", dovresti vidimarlo tu adesso a penna - con data uguale a quella della partenza del 2012, contando sul fatto che nessuno ti faccia storie se te lo controlla, vista la tua buona fede - e calcolare la sua data di scadenza che va di pari passo con la scadenza annuale del passaporto. Ammesso pure che il passaporto scada mentre sei in viaggio quest'anno, il "bollo" dello scorso anno vale fino a metà viaggio 2013 e quello nuovo (quindi ne serve un altro) vale per la seconda metà di viaggio e fino al 2014. Ovviamente qualcuno può consigliarti di lasciare "scoperto" l'anno scorso, vidimare il contrassegno da quest'anno e sperare che per i prossimi due nessuno ti controlli. Valuta tu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la risposta.. in realtà ho posto una domanda errata perchè avevo mal interpretato ciò che c'è scritto sopra.. io comunque farò così: la frase "la concessione governativa per passaporto si riferisce all'anno legale ed ha pertanto la medesima scadenza ANNUALE del passaporto (se vidimata)", credo significhi che siccome il mio passaporto scade il 10/06/2019 se io ho messo la marca da bollo il 16/07/2012 scadrà il 10/06/2013 (tutto questo se fosse stata vidimata). Non essendo stata vidimata la mia marca da bollo del 16/07/2012 in teoria potrei "riusarla" ma se il polizziotto si accorge che per l'anno scorso non l'avevo mi potrebbbe fare la multa anche se il rischio è pari a zero. Comunque per correttezza la metterò il girno in cui parto e mi scadrà il 10/06/2014 e questa volta starò attento a farmela vidimare! non facendomi vidimare la marca da bollo non volevo imbrogliare assolutamente nessuno e la prova è il fatto che prima della marca da bollo applicata il 16/07/2012 ne ho applicata un'altra in data 19/07/2010 anch'essa non vidimata e non è che l'abbia riutilizzata ma appunto ne ho riapplicata un'altra (cioè quella del 16/07/2012). Semplicemente è successo che non ho mai trovato informazioni chiare su cosa dovessi fare. Al poliziotto di frontiera gli spiegherò la situazione e mi farò vidimare oltre a quella nuova anche quelle due non vidimare.

      Elimina
    2. sono certa della tua buona fede anche perché moltissime persone sono indotte in errore dalla scarsa chiarezza di molte informazioni che vengono date persino da chi dovrebbe essere preparatissimo sull'argomento! Buon viaggio!

      Elimina
    3. P.S. ricorda che il contrassegno telematico scade 1 g prima della scadenza annuale del passaporto. Se il tuo passaporto è stato emesso il 10/06/2009 la ex marca scadrà (ogni anno) il 9/06 (ovviamente sempre se è stata correttamente vidimata)

      Elimina
  61. Espongo la mia situazione.
    Rinnovo passaporto 6 marzo 2008 con scadenza 5 marzo 2018. Pago l'importo della "marca" con le varie tasse e parto per il Madagascar ad agosto 2008.
    Nel 2009 applico la marca da 40,29 (datata 3 agosto 2009) e vado in Cile. La marca non è stata annullata ne da me o da altri.
    Nel 2010,2011,2012 non viaggio.
    Il prossimo 3 agosto partirò per il Perù.
    Posso utilizzare la marca non annullata?
    Grazie a chi mi risponderà
    Ubaldo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me risulta di sì perché ormai nessuno potrà più multarti per la mancata vidimazione di quella marca applicata per il Cile (sono passati più di 3 anni) che è pertanto valida.

      Elimina
  62. Ciao, e grazie per il post che fa un po' di chiarezza.
    Ci tengo a precisare che ho chiesto in questura proprio 2 gg fa quando sono andata a rinnovare il passaporto e mi hanno dato informazioni assolutamente errate, visto che mi hanno detto che se sono all'estero il bollo non lo devo mettere e basta.

    In ogni caso la mia domanda è un po' diversa dalle altre:
    Se dovessi trasferirmi all'estero per un lungo periodo, ad esempio 2 anni, senza tornare in Italia, come farei con il bollo?
    Prevedendo anche viaggi partendo da paesi extra UE.
    Ad esempio: mi trasferisco negli USA e da lì poi vado in Canada, in Brasile ... ...

    Considerando che all'estero non sanno cosa sia un bollo e che anche volendo fare la brava portandomelo dall'Italia l'importo potrebbe cambiare (se penso che nel 2003 era di 30 euro) o che potrei perderlo... che fare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Linda, non mi sento di dirti che quello che ti hanno detto in questura sia sbagliato, quindi valuta bene prima di prendere decisioni! Quello che ho scritto è frutto di collazione di tante fonti (tutte attendibili) e contatti con una questura di Roma. A noi è stato detto che il passaporto italiano deve essere in regola con le leggi italiane. Vivendo all'estero non subirai alcun controllo dalla polizia di frontiera sull'applicazione o meno del contrassegno, ma potresti subirlo in entrata o in uscita dall'Italia. Noi sappiamo che fino a qualche anno fa erano esentati i cittadini italiani residenti all'estero e iscritti all'AIRE ma pare che questa "agevolazione" sia stata cancellata. I contrassegni possono essere richiesti al consolato generale d'Italia presso in paese estero di residenza: in questo caso dovrebbe trattarsi di "marca consolare". In ogni caso, approfondiremo meglio anche il tuo caso specifico.

      Elimina
    2. ti confermo quanto scritto sopra. Per chi è residente a San Francisco, ad esempio, è prevista la seguente regolamentazione: "Il costo attuale del libretto è di $ 54,25 a cui si aggiunge la tassa di rilascio dovuta in occasione dell’emissione pari a $ 51,45 per arrivare alla somma totale di $105,70. (fino al 30/06/2013)
      Negli anni successivi a quello del rilascio, l’utilizzo del passaporto per viaggi in Paesi che non fanno parte dell’Unione Europea è subordinato al pagamento di una tassa governativa annuale mediante applicazione sul libretto di contrassegno telematico (o marca) del costo attuale di $ 51,45. Il contrassegno va apposto soltanto in caso di partenza e ha una validità di 365 giorni a decorrere dalla data del rilascio del passaporto. Per gli anni successivi si fa riferimento alla data dell’emissione del passaporto.
      Tale tassa non è prevista per viaggi nei paesi dell’Unione Europea". FONTE: http://www.conssanfrancisco.esteri.it/Consolato_SanFrancisco/Menu/I_Servizi/Per_i_cittadini/Passaporti/

      Elimina
    3. Grazie per il chiarimento!
      Certo che ci godono proprio a complicarci la vita...

      Elimina
  63. Ciao a tutti, espongo il mio caso.
    Il mio passaporto è stato rilasciato il 3 giugno 2004, con scadenza 2 giugno 2014. Il primo bollo è stato vidimato il 3 giugno 2004, ma poi il viaggio che avrei dovuto fare è saltato.
    Fino al 2007 non ho più fatto viaggi extra-UE, quindi non ho apposto nessuna marca.
    Nel 2007 ho fatto un viaggio extra-UE (dall'8 agosto al 5 settembre), ho apposto il bollo, ma non è stato vidimato (non sapevo che andasse fatto, né mi sono state date informazioni in tal senso quando ero andata in questura a chiederlo).
    Nessun viaggio (e quindi nessun bollo) fino al 2010, quando ho fatto un altro viaggio (dal 21 novembre al 21 dicembre). Avevo apposto il bollo, ma non è stato vidimato.
    Ora dovrei partire tra fine maggio e inizio giugno 2013 (a questo punto mi converrebbe partire e farmi vidimare il bollo dopo l'1 giugno, giusto?). Per la vidimazione dovrei andare in un qualsiasi ufficio passaporti, giusto? (lo farei a Roma, anche se la mia residenza è in un'altra regione).
    Per quanto riguarda gli altri due bolli che avevo apposto come dovrei regolarmi? Me li faccio vidimare insieme a quello nuovo, o così facendo rischio la multa? Nel caso apponessi io la data di partenza dei vecchi viaggi potrebbero farmi storie perché non c'è il timbro?

    Grazie mille

    Valentina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il primo bollo del 2004 è compreso nell'emissione del passaporto e quindi è scaduto il 2 giugno 2005.
      Per il viaggio del 2007 hai apposto la marca ma non l'hai fatta vidimare: pertanto è ancora valida e nessuno può elevare la multa perché la sanzione è retroattiva fino a 3 anni prima.
      Per il viaggio del 2010 hai apposto la marca (di nuovo) ma non l'hai fatta vidimare (di nuovo): è ancora valida anche questa, ma dovendo fare un viaggio a fine maggio 2013 e non avendola vidimata, potresti essere multata perché non sono ancora scaduti i tre anni (per pochissimo).
      Potresti mettere su questa marca una data a penna con data congrua a quella della partenza del 2010. Così facendo copri, quel viaggio (e la marca risulta scaduta naturalmente il 2 giugno 2011).
      Per il viaggio che devi fare, se puoi ancora decidere le date, ti conviene partire DOPO il 2 giugno perché così applicherai il contrassegno telematico il 3, ad esempio e scadrà il 2 giugno 2013. Nel caso in cui fosse già tutto organizzato, dovresti comprare una marca, vidimarla e purtroppo vederla scadere il 2 giugno 2013. Se torni dopo quella data, te ne serve un'altra, che scadrà il 2 giugno 2014. In questo caso, per non buttar troppi soldi, potresti recuperare la marca del 2007, ancora valida, e farti vidimare quella per coprire il brevissimo lasso di tempo a cavallo tra fine maggio e il 2 giugno (e comprarne cmq una per coprire il periodo successivo, ripeto, se torni dopo il 2 giugno) ma non è garantito che, a un controllo, non ti facciano poi storie sulla vidimazione a penna del 2010 (perché avranno capito il giochetto con le marche...). Spero che tu abbia capito! :P In ogni caso, i miei sono suggerimenti legati a quanto letto da decine di documenti, informative e altro, non sono una guru della marca da bollo!!!

      Elimina
    2. P.S. per la vidimazione, se hai tempo di farlo prima, vai in questura, altrimenti puoi farlo direttamente in aeroporto!

      Elimina
  64. Domandona. Ho la marca comprata ad agosto dell'anno scorso ma non applicata (riporta quindi la data di agosto dell'anno scorso). Se la applico oggi e faccio vidimare in Questura o in posta con la data di oggi, va bene o mi contesteranno che la marca è dell'anno scorso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ti contesteranno assolutamente nulla. Quella data è relativa all'emissione del contrassegno telematico in tabaccheria e finché non si parte per un paese extra UE, è valida ed utilizzabile! Io ne ho una del 2009, ancora da usare!

      Elimina
  65. Domanda.. dopo il primo anno (scaduta la marca da bollo dell'emissione 17 aprile 2013), vado in india 30 aprile 2013 per esempio, metto la marca da bollo
    ma nessuno al controllo me la vidima, dopo un anno faccio un altro viaggio 01 maggio 2014 e metto un altra marca e nemmeno questa viene vidimata...
    dove ho sbagliato ?? cioè ci ho rimesso pagando una marca da bollo in più visto che nessuna delle due è stata vidimata oppure ?? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non te la devono vidimare al controllo, devi provvedere TU a farlo, prima di un viaggio extra UE, presso la questura o direttamente in aeroporto, all'ufficio frontiera. Le marche sono ancora valide entrambe ma ad un controllo del passaporto, potrebbero contestarti la mancata vidimazione! Qualcuno, per ovviare, mette una data a penna relativa periodo di viaggio. Di solito i funzionari non sono inflessibili perché riconoscono la buona fede di chi ha applicato il contrassegno e lo ha "annullato", seppure a penna.

      Elimina
  66. Domanda: ho acquistato due marche da 40,29 nel gennaio 2008 ma non avendole usate chiedo se sono ancora valide se le mettessi sul passaporto a giugno 2013 per andare in SudAfrica. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Simona! Finché non sono vidimate e purché rispettino l'importo della tassa (quindi 40,29€) puoi tranquillamente riutilizzarle, quello che fa fede è il timbro che applicherai prima di partire (tramite la questura o la dogana in aeroporto)!

      Elimina
  67. buongiorno , io ho acquistato la marca da bollo nel 2008 , mai applicata e di conseguenza mai vidimata. posso ancora utilizzarla ?
    grazie per l'attenzione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! Rispondo come sopra: finché non è vidimata e purché rispetti l'importo della tassa (quindi 40,29€) puoi tranquillamente riutilizzarla, quello che fa fede è il timbro che applicherai prima di partire (tramite la questura o la dogana in aeroporto)!

      Elimina
  68. Buongiorno, ho comprato una marca da bollo nel 2011 ma non sono mai partita. Ora partirò posso applicare la stessa marca da bollo? vorrei anche sapere dove va applicata, nelle pagine dove c'è scritto visti? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! Come sopra: finché non è vidimata e purché rispetti l'importo della tassa (quindi 40,29€) puoi tranquillamente riutilizzarla, quello che fa fede è il timbro che applicherai prima di partire presso dogana e/o questura. Puoi applicarla nella prima pagina utile dei visti.

      Elimina
  69. Ma per esempio, io che vivo a Londra questa marca da bollo nn la considero proprio giusto? nessuna dogana di nessun paese del mond sa dell'esistenza di questo furto legalizzato, l'ennesima furbata all'italiana, nel caso che debba passare in italia per un salutino mostro la mia bella carta d'identita' e il gioco e' fatto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In teoria il discorso non fa una grinza: attenzione solo a quando andrai a rinnovare il passaporto, in quell'occasione potrebbero elevarti la sanzione :D

      Elimina
  70. Ho una domanda che forse è un po' sciocca.

    Mettiamo conto che il mio passaporto scada il 20 luglio e io parta in viaggio il 19. In tal caso, se ho capito bene, vale la marca da bollo attuale, essendo partito il giorno prima della scadenza.

    Il giorno del ritorno in Italia ovviamente sarà successivo a tale data; in caso di controllo rischio qualcosa non avendo il passaporto con la nuova marca da bollo "post 20 luglio" o essa vale solo al momento dell'espatrio?

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la domanda non è sciocca, anzi, è giusto porsi il problema! SE sei in partenza per un paese extra UE il 19 luglio, devi mettere la marca da bollo che scadrà ahimè il giorno successivo. In tal caso, dovrai apporre una nuova marca che varrà fino al 20 luglio 2014 perché al rientro in Italia, ad un controllo, ti contesterebbero la mancata applicazione del contrassegno... purtroppo.

      Elimina
  71. Chiedo scusa, non so se ha già risposto a questa domanda, perchè le domande iniziano ad essere tante. I tre anni di cui parla, per i quali possono esserci verifiche, sono solari o dalla data di scadenza a ritroso?
    Ad esempio, il mio passaporto scade il 18 luglio 2017: mi controlleranno, eventualmente, fino a luglio 2010 o anche prima di quella data, considerando un viaggio che effettuerò a breve? Quindi: 1 marca da bollo da luglio 2010 a 2011, 1 da 2011 a 2012 e 1 da 2012 a luglio 2013. Il 2009 consideriamolo chiuso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il 2009 consideriamolo chiuso! Per quello che ho capito (visto che non si riesce a trovare un documento ufficiale!) gli anni a ritroso vanno calcolati alla scadenza legale del passaporto ^^

      Elimina
  72. Io e mio marito partiamo per l'Egitto il 15/06/2013 con rientro il 29/06/2013.
    il nostro passaporto è stato rilasciato il 18/06/2012 validità fino al 17/06/2022.
    Che facciamo? lo dobbiamo bollare?
    Grazie per la risposta
    Matilde

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Matilde. Se partite per turismo, potete usare la carta di identità (con alcune restrizioni, che puoi leggere qui: http://www.viaggiaresicuri.it/index.php?egitto). Se volete proprio partire con il passaporto, allora siete tenuti all'applicazione del contrassegno telematico, che andrà vidimato prima di partire. Per completezza d'informazione, le marche dovrebbero essere due: una scadrà alla scadenza legale del documento 17.06.2013 ma siccome voi sarete ancora in viaggio, dovrete applicarne un'altra che scadrà nella medesima data, ma nel 2014.

      Elimina
  73. Ciao
    Ho una domanda .
    Sono sposata con un militare Americano e viviamo a Guam da due anni tra un mese torno in Italia per vacanza ovviamente non ho modo di fare la marca da bollo qui nel mezzo del Pacifico, pensi che mi faranno problem?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovresti recarti al consolato e acquistare la marca da bollo perché il passaporto utilizzato in paesi extra UE necessita del pagamento della relativa tassa di concessione governativa. Prima un cittadino residente all'estero (e iscritto all'AIRE) era esonerato dall'applicazione del contrassegno ma ho letto che da un po' di tempo è comunque tenuto all'acquisto. Informati comunque presso il consolato :D

      Elimina
  74. sentite questa: il 21 maggio sono partita per il Brasile con scalo a Lisbona. Poichè la scadenza annuale del passaporto cade proprio durante il mio periodo di permanenza, da brava cittadina ho comprato DUE marche da bollo come la legge mi impone. Sempre da brava cittadina, una volta in aeroporto (Fiumicino), chiedo espressamente di timbrarmi la marca da bollo, e la risposta è stata: purtroppo signorina avrebbe anche potuto fare a meno di comprarla, visto che per voli con scalo in spazio Schengen non è necessaria.
    80€ buttati al vento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è corretto che, persone preposte al controllo, ti abbiano "presa in giro" per il tuo (lodevole) impegno verso un comportamento rispettoso delle leggi. E' vero che nessuno, facendo scalo a Lisbona, avrebbe contestato la presenza o meno della marca da bollo sul tuo passaporto perché per i paesi Schengen è prevista la libera circolazione di persone e merci. Ma è vero pure che, per voli verso un paese extra UE la marca va applicata. Ad un controllo AL RIENTRO, qualcuno avrebbe potuto contestarti la mancata applicazione del contrassegno e potranno farlo per altri 3 anni. Quindi, non hai buttato al vento i tuoi soldi, sei solo stata una persona civile. E non è poco.

      Elimina
  75. sei un mito :-)
    grazie, tutto chiarissimo

    RispondiElimina
  76. - se volo diretto extra-UE, nessuno scampo: occorre comprare e far vidimare la marca...
    - se c'è scalo (e non semplice "transito", inutile ripetere quanto già scritto sopra da altri) in paese UE, al momento del "secondo" attraversamento del confine extra-UE è sufficiente dire al doganiere: "no stamp please" e (di solito) si evita il timbro...
    - così al rientro in Italia il controllore fiscale NON ha appigli/prove per redigere il verbale...

    tiè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahah il tiè finale è splendido! Sì, si può ovviare in questo modo. Prova a dirlo in Marocco "no stamp please" e dimmi come ti guardano!!! ;)

      Elimina
  77. Io andrò fuori europa e rientrerò il 23 settembre, mentre il mio passaporto è stato rilasciato il 22 settembre.
    Devo comprare due marche da bollo? Oppure ne compro solo una e la applico prima di rientrare, visto che la prima scadrebbe immediatamente e nell'aeroporto di destinazione non serve a un tubo??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. purtroppo il tuo è un caso di "sfortuna" da manuale: partenza e rientro da un viaggio extra UE a cavallo della scadenza annuale del passaporto. In linea di principio, dovresti mettere una marca per uscire e l'altra per rientrare (che ti varrà fino al 22/09/2014). Molti tentano la fortuna e mettono solo la seconda. In bocca al lupo!

      Elimina
  78. Buongiorno. Ho un passaporto fatto nel 2008. L'ho usato per tre viaggi extraeuropei negli anni 2008, 2009 e 2010. Poi non l'ho più usato facendo viaggi in Europa. Ora devo ripartire per gli Stati Uniti: è sufficiente una marca da bollo per questo nuovo anno o devo conteggiare anche gli anni precedenti, ovvero 2011, 2012, e quindi comprare tre marche?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! Allora: la mancata applicazione della marca per viaggi extra UE può essere contestata per i tre anni successivi. Credo quindi che, l'unico viaggio su cui possano rilevare l'infrazione sia quello del 2010. In ogni caso, pur volendo, non puoi "sanare" la situazione perché se tu comprassi oggi una marca con data di emissione 2013 si capirebbe che l'hai fatto solo a posteriori. A questo punto, acquista quella per il viaggio negli USA e tieni le dita incrociate. Se superi il 2013 è fatta :D P.S. se vuoi toglierti il dubbio, chiedi alla questura quando andrai a farti timbrare la marca.

      Elimina
  79. Ciao a tutti, l hanno scorso ho applicato la marca da bollo prima del viaggio in marocco.la marca da bollo non mi e' stata vidimata ma in marocco mi hanno messo il visto. Quest anno posso usare la marca da bollo dell anno scorso? Grazie in anticipo per la risposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dipende dalla data di scadenza del tuo passaporto. SE il tuo passaporto è stato emesso ad esempio il 1° luglio (con scadenza 30 giugno) e lo scorso anno sei partito dopo quella data e quest'anno parti entro quella data, puoi partire con la stessa marca, premurandoti di vidimarla a penna con una data che coincida col viaggio in Marocco. Se quest'anno parti dopo, dovresti apporre un'altra marca o tenere le dita incrociate, usare quella vecchia e sperare che nessuno controlli il visto dello scorso anno (i tempi per la multa sono di 3 anni)

      Elimina
  80. Ciao a tutti,

    Da buon cittadino italiano ignorante quale sono, stavo cercando la normativa per applicare in modo consono la marca da bollo sul mio passaporto quando mi sono imbattuto nel vostro blog...

    Ora le domande: Ho un passaporto valido per gli USA che mi è stato rilasciato nel marzo 2010, il prossimo agosto dovrò fare un altro viaggio oltreoceano. E' sufficiente UNA sola marca da bollo acquistata la settimana scorsa o ne devo acquistare una seconda? Dove va incollata esattamente? Dev'essere ancora timbrata dall'ufficio postale (mi hanno detto di no) o da chi altri?

    Ringrazio chiunque riesca a districarmi il cervello dalla burocrazia italica


    Luca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Luca! Allora. Quando hanno emesso il passaporto nel 2010 ti hanno chiesto di pagare un bollettino: e quello è valso come "marca da bollo" (dovresti infatti leggere la dicitura "tassa pagata per anni 1"). Se tra quel viaggio e quello di quest'anno non hai effettuato viaggi extra UE non si è resa necessaria l'applicazione di alcuna marca. Ora ne hai comprata una per il prossimo viaggio di agosto, giusto? Se l'attacchi e la fai vidimare (in questura o direttamente alla dogana in passaporto), sarà valida fino a marzo 2014, esattamente un giorno prima della scadenza legale. Ad esempio: passaporto emesso 4 marzo 2010 = scadenza marca 3 marzo 2014. Puoi attaccare la marca nella prima pagina utile bianca dei visti. Se non ti senti sicuro, quando vai in questura, chiedi a loro: te l'applicheranno e vidimeranno!

      Elimina
  81. vorrei fare un paio di precisazioni:
    1-la marca da bollo elettronica che viene rilasciata anche dai tabaccai dotati di macchinetta per farle ha la data di emissione e quindi non serve andare in posta o in questura per farla vidimare

    2-la marca da bollo scade il giorno prima della data di scadenza del passaporto
    es.prendo oggi la marca da bollo(26-6) il mio passaporto scade il 5 aprile,la marca da bollo scade il 4 aprile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Amanda, attenzione con le "precisazioni"! La prima, infatti, è del tutto errata mentre l'altra l'avevamo già detta e ridetta!!! La data stampigliata sui contrassegni telematici, infatti, NON VALE COME VIDIMAZIONE, ha solo uno scopo anticontraffazione!!! Devi vidimarla eccome dopo averla attaccata sul passaporto! Prova a chiamare una questura e accertatene!

      Elimina
    2. guarda non voglio essere quella che sa tutto ma questo arriva direttamente dalla polizia dell'aeroporto di malpensa.

      io non so dove tu prenda le tue informazioni ...ma questo è detto da chi ci lavora dentro

      con questo non voglio comunque offendere nessuno

      Elimina
    3. "La concessione governativa per passaporti si riferisce all’anno legale, che decorre dalla data di
      rilascio del passaporto. La concessione governativa, apposta nel corso dell’anno, vidimata dalle autorità di P.S. competenti al rilascio del passaporto ovvero dal personale di polizia di frontiera, scadrà, in
      ogni caso, il giorno ed il mese corrispondenti a quelli di scadenza del passaporto". Fonte: http://img.poliziadistato.it/docs/chiarimenti_contrassegno.pdf Se fosse come dicono le tue fonti la marca, ANCHE SE NON UTILIZZATA (perché uno può comprarla in vista di un viaggio e non partire, ad esempio) scadrebbe alla scadenza legale del passaporto = 40 euro buttati. Invece, la marca pur presentando una data di emissione, viene "annullata" (e quindi non più riutilizzabile) solo con la vidimazione presso gli uffici competenti. P.S. non pensavamo volessi offendere qualcuno, ci mancherebbe! Ma la tua "precisazione" mette in discussione un punto importante di quanto scritto finora. Per noi vale quanto pubblicato sul sito della Polizia di Stato, sezione passaporti. Se qualcosa è cambiato (ma non ci risulta) dovranno pubblicarlo anche lì.

      Elimina
  82. Ciao Monica, io e il mio ragazzo partiremo ad agosto per una crociera che toccherà S. Pietroburgo. Il mio passaporto è valido fino ad agosto 2017, mai bollato perchè ho sempre viaggiato solo in UE, lui ha passaporto valido fino a febbraio 2014 bollato nel 2004 quando è andato in Brasile. Visto che a S. Pietroburgo faremo la visita organizzata dalla nave - sul sito scrivono che fanno visto collettivo - dobbiamo mettere il bollo prima di partire? La nave partirà da Copenhagen...
    Grazie per le info, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Io credo proprio di sì. Perché è vero che partite da Copenhagen (dove non sanno neanche cosa sia la marca) e che la compagnia richiederà un visto collettivo, ma c'è il rischio che, quando scenderete dalla nave, le autorità russe vi mettano un timbro sul passaporto. In tal caso, al rientro in Italia (e per i successivi tre anni) a un eventuale controllo del passaporto, vi possono contestare la mancata applicazione del contrassegno telematico.

      Elimina
  83. Salve a tutti.
    Tengo a fare una precisazione... pure io ragionavo come voi, se avevo in programma scali in UE per viaggi extra UE tentavo di risparmiare la marca da bollo, ma da quando due miei amici (con la stessa tecnica di risparmio) sono stati controllati dalla guardia di finanza in aereoporto a Malpensa a maggio di quest'anno(già in zona imbarco), ho deciso di evitare questa furberia. Sono stati fermati da due finanzieri in borghese, gli hanno chiesto il passaporto e dopo un controllo gli è arrivata la stangata. Non ovviamente per il viaggio che stavano per fare, ma per i timbri extra UE che già avevano nei precedenti 3 anni. Risulta difficile in quel caso dimostrare che hai fatto uno scalo in Europa e inoltre hanno perso il volo di andata perchè durante i controlli non hanno troppa fretta nel fare le dovute verifiche(oltre alla multa di quasi 1000 euro a testa)...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Anonimo grazie per la tua testimonianza soprattutto perché abbiamo ripetuto spesso nei commenti che precedono che ormai il rischio di un controllo è assai concreto. Il contrassegno telematico è una tassa e, purtroppo, va pagata.

      Elimina
  84. Ma quindi conta la data di vidimazione della marca da bollo o di acquisto? Perché sulla mia è scritto quando è stata acquistata mi pare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. fa fede la vidimazione. Tu potresti comprare oggi la marca da bollo, attaccarla sul passaporto e, per motivi vari, non partire più per un paese extra UE. Non è che la tua marca, per questo, scada alla scadenza legale del passaporto, anzi! Resterà valida finché non la farai correttamente vidimare in questura oppure alla dogana in aeroporto. :D

      Elimina
  85. ciao ,vorrei fare una domanda per togliermi qualsiasi dubbio ,dato che per sfortuna la storia della marca da bollo mi ha visto come protagonista.Circa un'anno fa sono stato "sorteggiato" da un finanziere ed essendo rientrato in italia in un periodo in cui il passaporto non aveva applicata alcuna marca ,mi ha dovutamente ( purtroppo la legge è questa e anche se fa SCHIFO bisogna attenersi) fare il verbale.Sto parlando di luglio 2012.Vi dico solo che a luglio 2013 tale verbale non era stato ancora formalizzato nè tanto meno spedito a mio domicilio dall'agenzia delle entrate.Infatti ho dovuto perdere diverse giornate dietro a uffici e mi soo dovuto inventare di dover ripartire a breve e che quindi avrei rischiato d'essere fuori dall'italia nel momento in cui avessero mandato la multa(anche in tal caso è un SUPER SCHIFO che possano passare anche tre anni prima del ricevimento del verbale...ma stiamo scherzando?!?).Comunque ricevo il verbale ..totale 80 euro ( un po' meno di quanto pensassi).Ma una volta pagato e quindi incluso il pagamento della marca da bollo senza essere stata applicata come posso dimostrarlo in un prossimo eventuale controllo della finanza?? cerco d'essere più chiaro..se mi dovessero fermare un 'altra volta ,la marca da bollo non ci sarà di nuovo ,ma in questo caso l'ho pagata nel momento in cui ho pagato la multa ...come posso dimostrarlo?? mi porto la copia del pagamento con me ??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Ale! Domanda interessante. Istintivamente mi verrebbe da dire: sì, porta con te copia dell'avvenuto pagamento, non si sa mai. In ogni caso, proviamo ad informarci, per darti una risposta attendibile :D

      Elimina
  86. Salve a tutti, specie allo staff di questo brillante blog di viaggi. Perdonatemi la domanda ampiamente ritrita ma avrei urgenza di sapere alcune cosette...Ho un biglietto aereo che mi dovrebbe consentire di essere a New York dal 16 al 30 di Lug.(metto le mani avanti,non si sà mai:), passaporto rilasciato in data 4 agosto 2009, ESTA approvata con tanto di stampa dell'avvenuta ricevuta di pagamento, marca da bollo acquistata il 26.07.2011 e mai applicata. Posso tranquillamente applicare la marca da bollo datata 2011 e mai utilizzata sapendo che la stessa avrà validità fino alla data di scadenza annuale del passaporto(3agosto)?..Posso apporre la marca su uno dei fogli liberi dove c'è la voce 'VISTI' e l' farmi apporre il timbro (evitando eventuali successive noie)? Che voi sappiate, l'ESTA coincide con la ricevuta di avvenuto versamento dei 14$ o è necessario attendere mail o nel caso controllare lo stato della propria domanda periodicamente sul sito sino ad 'ulteriore' accettazione ufficiale? Vogliate perdonare i miei dubbi, ma la prudenza non è mai troppa :) Grazie tante, anticipatamente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! Allora, la marca da bollo del 2011 NON VIDIMATA è ancora valida. Vai in questura e fattela vidimare. Come hai detto tu, una volta vidimata, scadrà il 3 agosto 2013. Puoi applicarla nella prima pagina utile dei Visti ma, se non ti senti sicuro, falla attaccare dal funzionario della questura. Per quanto riguarda l'ESTA, una volta effettuato il pagamento, devi "visualizzare lo stato della domanda". Di solito la risposta è immediata ma se resta in sospeso (a me è successo), monitora con frequenza il sito. Quando comparirà la dicitura "Autorizzazione approvata" hai tutti i documenti in regola per partire!!!

      Elimina
  87. Salve. Ho un passaporto rilasciato nel 2006 e quindi scadenza 2016. Dal 2009 non lo utilizzo. Il prossimo settembre io e la mia fidanzata vorremmo fare un viaggio in argentina. All'agenzia di viaggi a lei han detto che se non ho applicato marche da bollo dal 2009 ad oggi prima di partire dovrei applicarne 4 (una x ogni anno in cui non ho utilizzato il passaporto fino ad oggi).
    È esatto questo? Io pensavo che la marca andasse applicata solo x l'anno in cui si utilizza il passaporto e non di dover pagare anche x gli anni in cui non sono andato all'estero... Qualcuno saprebbe aiutarmi? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per gli anni in cui non hai usato il passaporto per viaggi extra UE non sei assolutamente tenuto ad applicare alcuna marca. Cito dal sito della Polizia di Stato "Qualora il passaporto non venisse utilizzato, con continuità, per l’espatrio verso Paesi diversi
      da quelli aderenti all’Unione Europea, il contrassegno telematico potrà non essere apposto
      annualmente". Visto che parti per l'Argentina, a settembre dovrai acquistarla!

      Elimina
  88. Ciao a tutti
    secondo voi una marca da bollo applicata sul passaporto e mai vidimata è sempre valida?!?!?

    Xkè in un solo viaggio, il poliziotto mi ha attacato lui la marca da bollo ma non me l'ha vidimata.

    è giusto continuare a viaggiare con quella??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sempre valida SE NON E' VIDIMATA. Se devi andare extra UE, puoi utilizzare quella.

      Elimina
  89. una domanda...io adesso vado a malta e uso il passaporto solo perchè la mia carta d'identità ha lo scoth e spesso fanno storie...devo prendere comunque la marca da bollo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no no, niente marca da bollo, Malta fa parte dell'UE :D

      Elimina
  90. Ciao Monica,
    Sono nel panico più totale!! L'anno scorso dovendo partire per l'Egitto, ho acquistato la marca da bollo e l'ho applicata sul passaporto, la data della marca riporta è quella del 09.08.2012.
    Il giorno stesso sono partita, ma non ho fatto vidimare la marca da bollo (non sapevo, fino ad oggi, che doveva essere vidimata).
    Ora ho il visto egiziano, ma la marca da bollo non è vidimata...
    Vado incontro a qualche multa?
    Quest'anno invece parto per le Canarie, vorrei utilizzare il passaporto non avendo la carta di identità, deve acquistare un altra marca da bollo o essendo Unione Europea non serve?
    Grazie mille!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Allora, calma e sangue freddo :D Per le Canarie non serve nessuna marca: si trovano in Spagna e quindi, facendo parte dell'UE, non richiedono l'apposizione del contrassegno. Per la marca dello scorso anno non vidimata, puoi mettere una data a penna (coincidente con il viaggio in Egitto) che la "annulli". Non è regolarissimo, ma la marca presenterà la data di emissione dello scorso anno (a testimoniare che l'hai comprata per essere in regola con la legge) e un "timbro a mano" che di fatto la annulla, rendendola inutilizzabile. Buon viaggio!!!

      Elimina
    2. Ero quasi sicura che non servisse marca da bollo per le Canarie, ma volevo esserlo al 100%!! ;)
      Grazie anche per la dritta della vidimazione!!
      Sei l'angelo di noi viaggiatori!!
      Grazie mille!!

      Elimina
  91. Io ho fatto il passaporto nel 2008, l'ho utilizzato in quell'anno e poi non più. Ora parto per il Brasile, devo comprare 5 marche da 40???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. assolutamente NO! Se non hai usato il passaporto NON serve la marca. Per il prossimo viaggio, invece, devi acquistarla!

      Elimina
  92. Gentili signori, io ho un passaporto dal 2006, ogni anno di viaggio fuori dall'Unione Europea ho regolarmente acquistato la marca da bollo da 40,29 Euro. Ho viaggiato nel 2006, 2007, 2008, 2010 e 2011 (per cui ne ho acquistate una per anno). La prox settimana partirò ancora e ne ho già acquistata una nuova e apposta come sempre.

    Il problema è che nessuna mi è mai stata vidimata in aeroporto alla partenza, per cui sono ancora vergini. Avevo chiesto in posta ma mi han detto che non lo fanno.

    A questo punto leggendo i forum ho paura che mi rompano le scatole per quelle del 2010 e 2011, che non hanno vidimazione. Cosa devo fare, volevo chiamare la polizia di frontiera di Malpensa, ma poi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, come abbiamo già detto, la tua assoluta buona fede è dimostrata dall'acquisto continuativo di marche negli anni (quindi la mancata vidimazione non voleva significare la volontà di riutilizzare la marca). Per il prossimo viaggio, visto che devi farti vidimare la marca, vai in questura e chiedi se puoi apporre una data a penna che coincida con le partenze extra UE, per "annullarle".

      Elimina
    2. Grazie della risposta. In questura a Pavia, provincia nella quale risiedo, mi han detto di non avere informazioni certe a proposito, di leggere sul sito della polizia di stato (che di fatto non spiega il mio caso) e tutto al più chiedere alle autorità di frontiera aeroportuali. In posta mi han detto che assolutamente non le vidimano più perché tanto riportano già la data (e so che in realtà non c'entra niente la data sulla marca da bollo). Per cui sono un po' in ansia. Io che sono corretto, paga sta iniqua tassa, le ho sempre comprate ste marche da bollo per ogni viaggio, però nessuna è vidimata. Non vorrei, che chiedendo all'aeroporto mi facessero ritardare e perdere il volo, opppure da buoni italiani burocrati, farmi addirittura la multa... perché si sa, solo gli onesti pagano...

      Datemi ancora qualche suggerimento, non so che fare...

      Dico solo alle autorità di vidimarmi quella nuova??

      Saluti Alex

      Elimina
    3. Alex, facci fare un tentativo telefonico in una questura di Roma :D Ora l'ufficio è chiuso, ma domani mattina potremo avere un'informazione più specifica sul tuo caso. P.S. certo che se in questura non ti sanno dare una risposta... stiamo messi bene!

      Elimina
  93. Grazie mille torno domani qui a leggere la vostra risposta.

    Cordialmente Alex

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alex! La questura ufficio passaporti contattata questa mattina ci ha detto che ANCHE SENZA VIDIMAZIONE, i contrassegni telematici applicati hanno assolto alla loro funzione: valgono come vidimazione le date dei visti applicati dai paesi extra UE. Per noi è una novità ma a questo punto... meglio!

      Elimina
    2. Grazie mi sento più sollevato. Certo che dovrebbero fare una volta per tutte delle leggi certe (che tutti ne possano essere a conoscenza).

      A presto Alex

      Elimina
  94. Chiedo scusa, io ho viaggiato extra ue per la prima volta lo scorso anno e ovviamente ho acquistato la marca perchè il passaporto l'avevo già da un paio d'anni.

    Seguendo il consiglio di alcuni amici non ho attaccato la marca ma l'ho lasciata dentro al passaporto in quanto la probabilità che non me la controllassero era alta (partenza Italia, destinazione Messico con scalo a Parigi).

    Cosi è stato nessun controllo è stato fatto quindi la mia marca è ancora dentro il passaporto ancora da attaccare.

    Domanda, è ancora valida? mettiamo caso che il prossimo viaggio extra ue venga fatto tra 5 anni, posso ancora utilizzare questa marca nuova di pacca?

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il contrassegno è ancora valido. Se decidessi di partire tra 5 anni potresti tranquillamente riutilizzarlo. Ovviamente non sei coperto per il viaggio dello scorso anno.

      Elimina
    2. Con "non sei coperto per il viaggio dello scorso anno" cosa intendi?

      Il viaggio ormai è passato e nessun controllo è stato fatto, cosa rischio?

      Elimina
    3. Ciao, a noi risulta una retroattività fino a 3 anni della multa per la mancata applicazione della marca quindi se ti controllano il passaporto OGGI, possono elevare tranquillamente la sanzione.

      Elimina
  95. Salve mi é stato rilasciato il passaporto nel aprile2009.
    nel 2009 ho viaggiato in marocco .
    nel 2010 ho acquistato una marca da bollo dal agenzia viaggi ke me l ha data del 2009.
    nel 2010-2011-2012 sono andato giù in macchina e ovviamente nessuno me l ha controllata. Adesso che devo oartire lunedi devo aquistarla anche per gli altri anni?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, scusa se ti rispondiamo solo ora! Beh, ormai per gli altri anni non puoi sanare l'omessa applicazione della marca... dita incrociate perché nessuno controlli il passaporto!

      Elimina
  96. Buonasera,
    ad Agosto partirò per New York. Ho già il passaporto (datato Maggio 2007) e ho già fatto l'ESTA. Adesso devo solo mettere il bollo nuovo sul passaporto. Dopo aver acquistato il bollo dal tabaccaio devo convalidare il bollo alle poste, giusto? Ha un costo (oltre ai 40€ del bollo)? Attualmente mi trovo a Milano per studi (mentre ho la residenza in provincia di Napoli). Posso effettuare la convalida del bollo qui a Milano? O la posso effettuare solo nella mia città di residenza?

    Grazie Mille,
    Aurelio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Aurelio, le poste non vidimano più il contrassegno telematico. Puoi farlo in questura (anche a Milano) oppure in dogana il giorno della partenza. La scorsa settimana ci hanno segnalato che qualcuno ai controlli sostiene che come vidimazione bastano i visti del paese extra UE ma, visto che sul sito della Polizia di Stato non c'è scritto nulla, preferiamo continuare a suggerire la vidimazione prima di partire. Buon viaggio!

      Elimina
  97. Io non appongo mai la marca da bollo, perchè è un mero illecito fiscale, significa che deve essere notificato un avviso di accertamento da parte dell'Agenzia delle Entrate e, poi, una cartella di pagamento da parte di Equitalia.
    Figurati se, entro il termine speciale di prescrizione, riescono a notificare tutto e se ci riescono bene!!!! Buon viaggioooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, ognuno è libero di decidere se pagare o meno una tassa (per quanto iniqua possa essere) e di affrontare le eventuali conseguenze. In un paese che confida nelle prescrizioni, sei in ottima compagnia! Buon viaggio a te!

      Elimina
  98. A questo punto un quesito: io vivo in Thailandia e il mio passaporto é rilasciato dall'ambasciata italiana. Ovviamente in Thailandia non si vendono marche da bollo italiane... Una volta all'anno me ne vengo in Italia. Come mi dovrei regolare? Se mi controllassero all'aeroporto cosa succede? Mi multano per non aver messo una marca da bollo che non esiste nel paese in cui vivo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come abbiamo già scritto, prima gli italiani residenti all'estero erano esentati. Da qualche anno, invece, sono tenuti all'applicazione del contrassegno telematico da reperire presso le Ambasciate.

      Elimina
  99. Ciao e grazie, intanto, per l'ottimo servizio che rendi sul tema spinoso della marca da passaporto.
    volevo un chiarimento sui tre anni di prescrizione, o meglio su come si calcolano (se l'avevi già fatto sopra me ne scuso, ma non sono riuscita a leggere tutti i post).
    Se per esempio il mio passaporto è dell'aprile 2005, ed ho fatto un viaggio extra UE il primo anno (motivo per cui ho fatto il passaporto) e poi un altro viaggio extra UE nell'agosto 2010, per quest'ultimo, fatto in assenza di marca, i tre anni sono già passati?
    Grazie sin d'ora
    Eva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Eva :D Secondo le info in nostro possesso (che non sostituiscono quelle rese dalle autorità competenti) gli anni si calcolano sempre alla scadenza legale annuale del passaporto. Viaggio nel 2010: se avessi attaccato la marca, sarebbe scaduta nell'aprile del 2011. Contando gli anni in questo modo, i tempi di "prescrizione" dovrebbero essere scaduti ad aprile 2013 (e non dalla data dei visti relativi al viaggio extra UE)

      Elimina
  100. domandona:
    il mio passaporto scade il 27-03-2017.

    L'anno scorso ho comprato in tabaccheria una marca da bollo mai applicata, ma datata 25-07-2012 (giorno dell'acquisto appunto).

    Quest'anno vado in Marocco (questo agosto) e mi serve sul passaporto.

    Fa fede la data presente sulla marca da bollo o la data della "vidimazione" e/o "applicazione". Esiste una vidimazione poi? Chi la fa? L'aeroporto italiano al gate oppure quello marocchino all'arrivo?

    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla tua domandona abbiamo già risposto svariate volte sopra :D Comunque: quella data stampigliata sulla marca NON vale come vidimazione. SE non sei ancora partito, la applichi e puoi farla vidimare alla dogana in aeroporto o prima, in questura. Ci hanno segnalato che ultimamente non la vidimano più ma che viene "annullata" automaticamente dal visto. Siccome però comunicazioni ufficiali non ve ne sono, continuiamo a fare riferimento a quanto scritto sul sito della polizia di stato.

      Elimina
  101. Buongiorno una domanda un po' scema: posso scaricare dalla dichiarazione delle tasse il pagamento della tassa per il rinnovo del passaporto? Grazie!!! Serena

    RispondiElimina
  102. Buongiorno, ho una domanda: ho acquistato una marca da bollo a giugno 2012, ma non l'ho mai utilizzata. Il prossimo anno posso utilizzarla per fare un viaggio? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo che sì! Una marca da bollo NON vidimata e NON applicata sul passaporto è ancora valida.

      Elimina
  103. buongiorno un in formazione devo andare a fare una crociera nelle capitali del nord e c'è anche san pietroburgo e parto da milano per copenhaghen in aereo la mia domanda è devo mettere lo stesso la marca da bollo sul passaporto??dato che comunque a copenaghen poosso partire anche con carta di identita.grazie simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona, anche un'altra ragazza aveva il tuo stesso dubbio, copio e incollo: "Io credo proprio di sì. Perché è vero che partite da Copenhagen (dove non sanno neanche cosa sia la marca) e che la compagnia richiederà un visto collettivo, ma c'è il rischio che, quando scenderete dalla nave, le autorità russe vi mettano un timbro sul passaporto. In tal caso, al rientro in Italia (e per i successivi tre anni) a un eventuale controllo del passaporto, vi possono contestare la mancata applicazione del contrassegno telematico"

      Elimina
  104. Non ho mai capito per quale tragico evento bisogne applicare la marca da bollo sul passaporto in Italia (unico paese al mondo).
    L'evasione fiscale certe volte è una necessità..pagare 40 euro (che non son bruscolini come qualcuno pensa in questo blog) per ottenere il nulla fa parte della solita italica pecoranaggine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro anonimo, PURTROPPO per quanto odiosa (e lo abbiamo già detto svariate volte) si tratta di una tassa dovuta. Vogliamo farla abolire? Proviamoci, ma finché c'è, per essere in regola, bisogna pagarla. Se per necessità o per avversione decidi di non applicarla, sarai consapevole dei rischi a cui ti esponi durante un eventuale controllo (che ovviamente non ti auguro). Nessuno in questo blog pensa che siano bruscolini: con 40€ - restando in tema viaggi e a voler esser leggeri - si può comprare un biglietto aereo. Con 40€, a voler guardare in faccia alla crisi, si può fare la spesa per una famiglia per qualche giorno. Quelli che pagano le tasse non sono stupidi (intendevi dire pecoraggine, immagino, e non pecoranaggine che è una parola inesistente): sono degli EROI, sono quelli che permettono a TUTTI di avere un minimo di stato sociale e di assistenza. Se tutti pagassimo le tasse, pagheremmo tutti meno. Invece chi può evade - per necessità o per strafottenza - chi non può, paga per tutti.

      Elimina
  105. Salve,

    oggi ho chiesto l'emissione di un nuovo passaporto al consolato di San Paolo, hanno chiesto il vecchio e hanno visto che l'anno scorso ero stato in Italia e non avevo messo il bollo, possono multarmi?

    RispondiElimina
  106. Sono cittadino italiano ma vivo negli USA. Il mio passaporto e' stato rilasciato dal Consolato italiano nel 2006 quando ho anche pagato questa tassa. Dopo non l'ho piu' fatto perche' neanche sapevo che dovevo farlo. Sono stato in Italia ogni anno. Spesso, ma non sempre,sono atterrato in un'altra nazione e poi sono venuto in Italia col treno o in macchina. Arrivando in Europa, ho sempre usato il passaporto italiano perche' e' piu' veloce passare i controlli(ho anche quello americano). Il mio passaporto non e' mai stato timbrato ne' in Italia ne' altrove.
    Ho due domande:
    1. che mi succede se mi chiedono il passaporto passando la frontiera col treno o in macchina, per esempio dalla Francia o Austria?
    2. Dove compro il bollo qui negli USA e chi lo vidima?
    Mille grazie per il vostro aiuto.
    Raffaele

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE, SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’. La curatrice di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi, appelli alla violenza o link che puntino a siti altri (assimilabili a spam).