Visita al paese fantasma di Oradour sur Glane, il Villaggio Martire

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Filament.io 0 Flares ×
Print Friendly
foto | @10

Se volete fare un’esperienza davvero forte, a livello emotivo, vi consigliamo una tappa Oradour-sur-Glane. Questa cittadina francese (che entra nella nostra rubrica Meteore) è stata ribattezzata da Chirac “Villaggio Martire” perché nel 1944 venne letteralmente rasa al suolo dai tedeschi. Per scoraggiare i tentativi di resistenza nella regione del Limosino i nazisti decisero di dare una lezione esemplare ai ribelli: il 10 giugno circondarono il borgo, rinchiusero donne e bambini in una chiesa e la fecero saltare per aria. Gli uomini vennero rinchiusi in fienili e garage, vennero gambizzati e poi dati alle fiamme. 

foto | @10


Morirono 642 persone. Se ne salvarono poche decine. Oradour-sur-Glane giace spettrale e silenziosa uguale e identica a come la lasciarono 68 anni fa i sopravvissuti. Si decise infatti di ricostruire la città nuova nelle vicinanze e di lasciare il vecchio abitato come un agghiacciante memoriale all’aperto.

foto | @10

Per approfondire la storia del Villaggio martire, oltre alla visita tra le rovine è caldamente consigliata una tappa al Centro della Memoria.
Orari: è aperto tutti i giorni dal 1 febbraio al 15 dicembre. Per tutto il mese di febbraio, apertura dalle 9 alle 17; dal 1 marzo al 15 maggio, apertura dalle 9 alle 18; dal 16 maggio al 15 settembre, apertura dalle 9 alle 19; dal 16 settembre al 31 ottobre, apertura dalle 9 alle 18; dal 1 novembre al 15 dicembre, apertura dalle 9 alle 17.
Prezzi: 7,50€ intero; 5,20€ ridotto (studenti, ragazzi dai 10 ai 18 anni, disabili e veterani di guerra). Per le mostre temporanee è richiesta un’integrazione di 2,50€.

10 thoughts on “Visita al paese fantasma di Oradour sur Glane, il Villaggio Martire

  1. TuristadiMestiere

    @ernest: concordo, non lontano da noi né nel tempo né nello spazio…
    @alessia: è un evento poco conosciuto in effetti, anche se di documentazione sul web ce n’è molta.
    @fabiana: hai perfettamente ragione. Basta guardare i video per farsi comunque un’idea del luogo e leggere le testimonianze per prendere coscienza di un episodio storico agghiacciante.
    @exo: grazie a Te per aver letto e apprezzato!
    @adri: lo credo anche io: ricostruirla avrebbe fatto perdere un pezzo di storia. E invece è bene che resti a perenne memoria.
    @vele: concordo anche io. Quanto al give…vengooooo!
    @N2O: anche per me è stato drammatico apprendere di tutta la storia ed ho voluto parlarne per condividere con voi l’emozione che mi ha suscitato
    @erika: lieta di avertene parlato. Un caro saluto a te. Non passo da un po’ da tutti voi perché ho la febbre, ma mi rifarò presto!!!
    @laduchessa: grazie!!!

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>