Home » Europa » Polonia » Cosa vedere a Cracovia in 4 giorni

Cosa vedere a Cracovia in 4 giorni

visitare Cracovia in 4 giorni

Cosa vedere Cracovia  giorni citta vecchia

Cosa vedere a Cracovia in 4 giorni? La seconda città polacca (quasi 800.000 abitanti, di cui un quarto, 200.000, ripeto, duecentomila studenti!!!) è situata a sud, non lontano dal confine con Repubblica Ceca, Slovacchia, e dai Monti Tatra.

Cosa vedere a Cracovia

Se è la vostra prima volta in città (non è escluso infatti che ne seguano altre) il tour di Cracovia in 4 giorni prevede dei must see imprescindibili.

Tour di Cracovia in 4 Giorni

Il giro deve partire della Piazza del Mercato. Chiamata Rynek Głowny, è una delle più grandi e belle piazze d’Europa. Meriterebbe da sola il viaggio (nel 1978 è stata inserita nella lista UNESCO tra i primi 12 monumenti al mondo!)

È il cuore pulsante della città. Palazzi dall’architettura elegante, musei, cafè, ristoranti, bar, negozi. Non manca nulla. Ma soprattutto è animata, vivace, brulicante: residenti, turisti, musicisti, artisti di strada la popolano quotidianamente. Potete ascoltare musica di qualità per tutto il giorno.

Tagliata a metà dal Mercato dei Tessuti (Sukiennice), le sue perle sono:

Cosa-vedere-Cracovia-4-giorni-Basilica-Santa-Maria

L’interno della Basilica di Santa Maria

La Basilica di Santa Maria

Basilica di Santa Maria (Bazylica Mariacka), gotica, edificata nel XIV secolo e caratterizzata da due torri di altezze differenti (69 mt l’una, 81 l’altra).

Vi svelo l’aneddoto: due erano gli architetti incaricati della costruzione delle torri. Fratelli. La competizione e la rivalità tra loro furono tali che, in seguito ad un litigio, il maggiore accoltellò il minore. A morte. C’è chi dice che si gettò per rimorso dalla torre, chi invece che fu fermato dalle guardie, arrestato, processato e giustiziato.

In ogni caso, leggenda a parte (non trovate che il disallineamento delle torri, invece, contribuisca a rendere la chiesa particolarmente originale, gotica ed affascinante?), la chiesa lascia senza fiato.

Non ci credete? Visitatela, gremita, durante una messa: avrete i brividi. Lasciatevi incantare dalla volta stellata azzurra, dalle splendide vetrate, dalla pala d’altare lignea (del XIV secolo, con 200 immagini scolpite), dalle tre navate. Respirerete un’atmosfera rara!

P.S. ogni ora, da una finestra della torre più alta, si sente un suono di tromba “interrotto”. La melodia si ripete su tutti i lati, identica. L’interruzione commemora l’assassinio del guardiano, incaricato di lanciare il segnale d’allarme in caso di pericolo, durante l’assedio dei Tartari nel 1241. Una freccia gli trafisse la gola, spezzando tragicamente il suono della tromba. La melodia, nota come hejnał, veniva suonata anche all’alba e al tramonto per segnalare l’apertura e la chiusura delle porte della città. Sentire oggi questo suono, sapendo cosa commemori, fa un certo effetto.

Indirizzo: Piazza del Mercato Orari: da lunedì a sabato dalle ore 11:30 alle 18:00; domenica dalle ore 14:00 alle 18:00. Prezzi: adulti 10 PLN, seniors 8 PLN, studenti 5 PLN (per la Cattedrale), adulti 15 PLN, studenti 10 PLN  (per la salita alla torre).   N.b.  4.31 ZLN=1 euro

Fate un giro all’interno del Mercato dei Tessuti. In passato, i commercianti vi vendevano cuoio, spezie, cera, seta, tessuti e il preziosissimo sale (proveniente da Wieliczka) sotto una copertura in legno. Un incendio devastò il mercato che venne ricostruito (come lo vediamo oggi) in stile rinascimentale con i magnifici portici. Nei tanti chioschi ordinatamente incastonati gli uni accanto agli altri all’interno, troverete souvenir più particolari di quelli che si vendono altrove in città (se collezionate presepi e palline di Natale, questo è l’indirizzo giusto).

All’entrata del mercato vedrete penzolare un coltello per non dimenticare il fraticidio consumatosi proprio di fronte… e la leggenda ritorna!

La Torre del Vecchio Municipio

Non consiglio la visita della Torre del Vecchio Municipio (Wieza Ratuszowa) se l’obiettivo è una panoramica sulla città dall’alto dei suoi 75 metri. Perché dopo 110 gradini in pietra non è consentito l’accesso all’esterno e dovrete accontentarvi di guardare Cracovia attraverso i finestroni.

Se invece vi interessa, durante la salita, ammirare i macchinari dell’antico orologio della torre e le fotografie storiche, che illustrano il passato della città, acquistate il biglietto. Nei sotterranei della torre vi erano le carceri della città, dove si torturavano i reclusi.

Indirizzo: Piazza del Mercato Orari: Da Aprile a Ottobre: dalle 10:30 alle 18:00. Da Novembre  a Dicembre: dalle 12:00 alle 18:00; chiusa ogni 1° martedì del mese. Prezzi: intero 9 PLN, ridotto 7 PLN; gratuito il lunedì.

Ai piedi della torre, si staglia una moderna scultura di Igor Mitoraj che raffigura Eros Bendato.

La Chiesa di San Adalberto

Chiesa di S. Adalberto, patrono della Polonia. Di piccole dimensioni si trova in un angolo della Piazza del Mercato, proprio dove predicava il santo. Ingresso (naturalmente) gratuito.

Il Rynek è affascinante sempre, di giorno per la vivacità e di notte per il suo romanticismo raro, con le carrozze che attraversandola le donano un fascino d’altri tempi. Io la preferisco di notte, più intima.

Museo sotterraneo di Cracovia

Se siete interessati alla visita del museo sotterraneo di Cracovia, sappiate che l‘ingresso è gratuito il martedì ma i biglietti “free” sono limitati quindi vanno prenotati tempestivamente sul sito ufficiale.

Cosa-vedere-Cracovia-4-giorni-Piazza-Mercato-Rynek Glowny

La piazza del Mercato, Rynek Glowny, di notte con tanto di carrozza!

Wawel, il Castello Reale

Wawel, il Castello Reale in collina, in posizione fantastica. Come mi ha detto un polacco conosciuto una sera lì: “La Polonia è il Wawel!”. Per loro, ha un valore sacro. Complesso monumentale ricchissimo, vi si trovano: la Cattedrale (con le tombe di re e polacchi illustri), gli appartamenti di Stato e Reali, Il Tesoro della Corona, le Armerie, la Grotta del Drago.

Sconsigliato comprare biglietti in loco: lunga fila! Conviene prenotare online, tramite sito ufficiale del castello. Ma attenti: le varie attrazioni del Castello son separate e da pagare, quindi, separatamente.

Indirizzo: nella parte alta di Cracovia, visibile da tutta la città. Come arrivare? A piedi dalla Città Vecchia.  Tram: 9,10,13,1922,24 fermata Wawel. Orari: Aprile e Settembre dalle 6 del mattino alle 19. Da Maggio  ad Agosto dalle 6 alle 20. Da Novembre a Febbraio dalle 6 alle 17; Marzo e Ottobre dalle 6 alle 18. Prezzi: 18 zloty in media (4 euro) circa, per le singole attrazioni.

Cosa-vedere-Cracovia-4-giorni-Castello-Wawel

Il Castello di Wawel di notte

La Fabbrica di Schindler

La fabbrica di Schindler un must assoluto. Ubicata nel quartiere periferico meridionale di Podgorze (superata la Vistola, a circa 10 minuti a piedi dalla fine di Kazimierz), accoglie (in un vecchio edificio amministrativo della fabbrica di Schindler, che in realtà si trova in Moravia) un’esposizione permanente intitolata “Cracovia durante l’occupazione nazista, fra il 1939 e il 1945”.

Non lasciatevi fuorviare: non è un memoriale di Schindler, ma un’esposizione su Cracovia, che vi mostrerà la storia della città, dalla fine del 1939 all’epoca comunista.

Diciamolo subito: prendete una guida (spero appassionata e competente). Non importa quanto costa. Questo è un luogo speciale, in cui immergersi, facendosi trasportare nel passato.

Sì, rivivrete la storia della città e degli ebrei di Cracovia. Una storia dolorosa, toccante, travagliatissima.

Il locale si fonderà con la Grande Storia. Ma superando la freddezza dei vuoti numeri entrerete nell’anima di questi ebrei e scenderete nell’Inferno che han dovuto subire.

Percepirete l’angoscia, vi si attaccherà alla pelle, specie nella straordinaria ricostruzione del ghetto ebraico. Catacombale.

Esperienza dolorosa, ma necessaria. Per un appassionato di Storia è uno dei luoghi più speciali che possiate mai visitare! Sicuramente nella top 10 dei musei mai visti nella mia vita!

  • L’ufficio di Oskar Schindler;
  • la storia dettagliata della sua vita e del percorso interiore che lo ha portato ad affrontare certe scelte;
  • le differenze tra realtà e la versione proposta dal film “Schindler’s list” di Spielberg;
  • l’accoglienza (un misto tra riconoscenza e risentimento) del film da parte dei cracoviani e degli ebrei della città;
  • la storia del farmacista dott.Tadeus Pankiewicz,
  • la ricostruzione di parti del lager di Plaszow e del ghetto ebraico

questo e molto altro in questo vero e proprio gioiello, ricchissimo di foto e fonti.

Vi ho convinti ad inserire la Fabbrica nelle priorità? Ma ricordate: visitatela con una guida. Altrimenti qualche didascalia in inglese non vi aiuterà certo a conoscere nei dettagli tutto ciò che merita di essere ricordato. Per sempre. Nella vostra testa. Nel vostro cuore.

Prezzi: 28pln. L’ingresso è gratuito il lunedì ma i biglietti “free” sono limitati quindi vanno prenotati tempestivamente sul sito ufficiale.

Kazimierz

Kazimierz è il mio quartiere di Cracovia, non lontano dal centro. Ebraico. Un gioiello.

La Corpus Christi Basilica (Bazylika Bożego Ciała), sinagoghe, piazzette, ristorantini, pub, angoli nascosti e quell’atmosfera d’altri tempi, genuina, che non si può raccontare…ma solo vivere!

Szeroka è la mia pizza preferita. Andate al pub Alchemia, in Plac Nowy. E prendete una casseruola dal chiosco rotondo al centro della piazza.

Grodzka Ulica

Grodzka Ulica, la via Reale, che collega il Rinek al Castello. La via più bella di Cracovia.

A metà della strada, non perdetevi la bellissima Chiesa dei Santi Pietro e Paolo.

Kraków-Płaszów

E ancora: il campo di concentramento di Kraków-Płaszów, nel quartiere omonimo, a sud di Cracovia (2km circa dal Museo di Schindler).

Ma siccome una città non è la somma delle attrazioni, Cracovia è molto più di questo!

È piena di vita. È piena di giovani. È sicura. Ha tanti locali bellissimi ed originali.

Io non ricordo un tale concentrato di locali curati e caratteristici (molti sotterranei, nelle traverse della pizza della città vecchia). Ha tanto verde. È antica, storica (ci sarebbe anche la vecchia università da visitare), ma anche evoluta e moderna considerando i servizi (mezzi pubblici, la stazione dei bus/treni inglobati in un centro commerciale).

Ma non è finita qui! Ci sono altre cose da vedere a Cracovia in 4 giorni!

Auschwitz

Il campo di concentramento simbolo dell’Olocausto non ha bisogno di commenti. Ogni essere umano deve andarci. Prima o poi. Per capire, ricordare, riflettere, emozionarsi.

Come visitare Auschwitz

Cosa-vedere-Cracovia-4-giorni-wieliczka

Una “sala” nella miniera di sale di Wieliczka [photo credit JacekAbramowicz via Pixabay]

Le Miniere di sale di Wieliczka

Le miniere di sale di Wieliczka: praticamente alla periferia di Cracovia.

Molto antiche, raggiungono 327 mt di profondità e presentano una miriade di gallerie e cunicoli. Vi dirò…belle, bellissime…ma non mi han preso tanto, ad esclusione di una sala enorme, veramente straordinaria. Comunque sicuramente da visitare. Temperatura interna: 14-16 gradi.

Indirizzo: Wieliczka, alla periferia di Cracovia  Orari: alle 7:30 da Aprile ad Ottobre; alle 8 negli altri mesi. Chiusura alle 17 negli altri mesi; alle 18 tra 26 Dicembre e 4 Gennaio Prezzi: adulti 94 PLN, ridotto 74 PLN, famiglia da 4 persone 262 PLN I prezzi sono un po’ minori per i Polacchi e in bassa stagione. Come arrivare? Col bus 304; col treno suburbano; o con la macchina. Durata: circa 3 ore, con visita guidata. Anche per le miniere trovate ovunque (agenzie, hotel) gite organizzate.

Info Utilissima: su questo sito dei Musei di Cracovia (in inglese) trovate prezzi e orari di tutti i siti da visitare in città in un’unica pagina!

Dove mangiare a Cracovia?

Vi consiglio un ristorante molto carino e dall’atmosfera familiare (specie le sale interne: sembra un appartamento!) con cucina polacco/ucraina: Marchewka Z Groszkiem. Si trova in ulica Mostowa 2, verso la fine di Kazimierz e vicino ad un ponte (molto carino) sulla Vistola.

Le porzioni sono molto abbondanti, il rapporto qualità/prezzo ottimo. Qualità del cibo buona (consiglio in particolare i pancake di patate, conditi), prezzi economici, birre apprezzabili, servizio standard.

Altro posticino grazioso è W Starej Kuchni in ulica św. Tomasza 8 (a due passi dall’hotel in cui alloggiavamo). Assolutamente da provare la zuppa di salsiccia e uova in crosta di pane e il talerz polski, un piatto misto di carne con un assaggio di pierogi (specie di ravioli con ripieni differenti) e i pancakes rustici. Ottimo rapporto qualità prezzo.

Se volete alzare il livello (sia qualitativo che economico), vi consiglio Wierzynek in ulica Rynek Glowny 16 (nella piazza centrale, lato torre civica). E’ un ristorante elegante su due piani, con camerieri in guanti bianchi che servono alcuni piatti sotto scenografiche cloche che sollevano in perfetto sincrono!

Provate il petto d’anatra (tenerissimo) adagiato su una fetta di torta tipica (particolarissimo il contrasto dolce/salato) e una salsa fruttata che conferisce la giusta acidità al piatto.

P.S. in diversi locali in città viene servita la vodka alle ciliegie, buonissima!

Dove dormire a Cracovia

All’Hotel Unicus Krakow Old Town, in pieno centro storico (nonostante la posizione, è super silenzioso)!

E’ un boutique hotel super tecnologico, con la reception aperta h24. Le camere sono di design. Il letto è enorme e comodissimo. Troverete tutti i comfort immaginabili e il set di cortesia è davvero fornito.

dove-dormire-a-cracovia

Unicus Krakow Old Town

Nella sala colazioni, scavata nella roccia, potrete fare il carico di energie necessario per iniziare la giornata col piede giusto! Proprio accanto c’è l’Unicus Palace (5 stelle) con un ristorante italiano in cui gli ospiti dell’Old Town possono cenare con uno sconto.

Come arrivare dall’aeroporto di Cracovia in centro

L’aeroporto Giovanni Paolo II dista 11 chilometri dal centro città. I modi più economici sono senza dubbio il treno e l’autobus.

Il treno Balice Ekspres copre giornalmente la tratta aeroporto – stazione ferroviaria di Krakow Glowny con una frequenza di 30-60 minuti. Il tragitto ha una durata di circa 15-20 minuti e il biglietto costa 14 (2,90€ circa).

I biglietti possono essere acquistati:

  • presso le macchinette nel terminal degli arrivi livello 0 (pagamento in contanti o carte di credito);
  • presso le macchinette nella stazione ferroviaria (pagamento in contanti o carte di credito);
  • direttamente a bordo (pagamento in contanti o carte di credito).

Le linee autobus, che si prendono a 50 metri dall’uscita del Terminal 1 (dove atterrano i voli internazionali) sono:

  • bus 208, 209 e 252 (902 notturno)

Tutte queste linee collegano l’aeroporto alla stazione ferroviaria Krakow Glowny. Il tragitto dura circa 30-40 minuti. Esistono biglietti a tratta singola, multipla e a durata variabile. A titolo di esempio, un single trip della durata di 60 minuti costa 6 (1,25).

I biglietti possono essere acquistati:

  • presso le macchinette nel terminal degli arrivi livello 0 (pagamento in contanti o carte di credito);
  • presso le macchinette nella stazione ferroviaria (pagamento in contanti o carte di credito);
  • direttamente a bordo sulle linee 208 e 252 (pagamento con carte di credito).

Per informazioni sempre aggiornate sui collegamenti, consultate il sito ufficiale dell’aeroporto.

Se noleggiate una macchina (noi consigliamo il noleggio con Panek), seguite le indicazioni per il centro città e parcheggiate nel comodissimo (e vicino al centro) parking in ulika Stanislawa Worcella 6 (costo 60 al giorno)

Allora, vi ho convinti a partire ed a scoprire Cracovia?

Articolo redatto in collaborazione con Andrea Martelli

POTREBBERO INTERESSARTI...

2 commenti

narrabondo 28 Gennaio 2020 - 21:26

Cracovia è una cittadina piccolina, ma fiabesca. Le miniere di sale sono il non plus ultra. Sono stupende. L’unica cosa che non mi è piaciuta è il cibo e i famosi pierogi mi hanno disgustato!

Un saluto

Rispondi
Monica Nardella 10 Febbraio 2020 - 11:04

Il cibo è sempre un’esperienza molto personale quindi capisco il punto di vista diametralmente opposto. Felice che sul resto ci sia piena sintonia!

Rispondi

Lascia un commento