Home » Europa » Svizzera » Cosa vedere a Basilea in 36 ore

Cosa vedere a Basilea in 36 ore

Basilea cosa visitare nella città dell'arte e della cultura

Locali Basilea Bar Rouge

Cosa vedere a Basilea in 36 ore? Se siete amanti dei ritmi lenti e dei contrasti, questa città svizzera è il posto che fa per voi.

Basilea da vedere

Dai ponti che collegano le sponde del Reno, il fiume su cui è stata fondata, si respira un’aria bohemienne eppure, appena si svolta l’angolo, si intravede uno skyline futuristico.

Al confine con la Germania e la Francia, Basilea regala la sensazione di trovarsi in tre Paesi contemporaneamente.

Si dice che dall’ultimo piano del palazzo a specchi di Messeplatz, firmato Morger & Degelo e Marques,  mentre si sorseggia un Berry Little nel Bar Rouge a oltre 100 metri di altezza, si possano ammirare le tre nazioni oltre al panorama pazzesco sulla città svizzera… provare per credere!

Cosa vedere a Basilea in 36 ore

Cosa-vedere-Basilea-Mittlere Brucke

Il Mittlere Brucke, il ponte più antico della città

Partite dal Mittlere Brucke, il ponte più famoso della città (costruito nel 1226 ha rappresentato per anni un fondamentale passaggio sul Reno) e raggiungete un altro dei simboli di Basilea, il Palazzo Comunale (Rathaus) che svetta sulla frequentatissima piazza del mercato (la Marktplatz dove potrete acquistare verdura fresca, frutta e fiori).

Il capolavoro dell’architettura gotica è facilmente riconoscibile dal colore rosso intenso che caratterizza la facciata, decorata con gli stemmi dei 12 cantoni che formavano la confederazione.

Cosa-vedere-Basilea-Municipio

Il Municipio

Da vedere a Basilea, nel cortile d’onore del Palazzo, la cinquecentesca statua di Lucio Munazio Planco, il militare e politico romano che ha fondato Basilea.

Turista di Mestiere lo conosce bene perché è sepolto a Gaeta (la mia città d’origine) in un mausoleo che svetta sulla cima di Monte Orlando.

Leggete Cosa vedere a Gaeta

Cosa-vedere-Basilea-Munazio Planco

La statua di Munazio Planco, fondatore di Basilea

A una manciata di minuti, nei pressi dell’Orto Botanico dell’Università, c’è la Spalentor (Porta di Spalen) la più imponente delle tre porte cittadine ancora presenti nella cinta muraria quattrocentesca.

Cosa-vedere-basilea-Spalentor

La Spalentor, una delle tre porte nella cinta muraria del ‘400

Tornando verso il fiume, vedrete la Cattedrale (Münster).

Una splendida chiesa di epoca medievale in pietra arenaria rossa dalla quale, salendo a pagamento (circa 5 franchi) fin sopra la torre, godrete di un panorama privilegiato sulla città, a patto che non soffriate di vertigini.

All’altezza della stazione centrale, anziché imboccare il Wettsteinbrucke, svoltate a destra per raggiungere la Tinguely-Brunnen, uno dei simboli di Basilea.

Su quello che era il palcoscenico del teatro cittadino, nel 1977, il pittore e scultore neorealista Tinguely ha creato una fontana e una serie di diversi ingranaggi che danno vita a scenografici giochi d’acqua.

Cosa vedere a Basilea, la città dell’arte e della cultura

Qui risiede l’università più antica della Svizzera e si conta un numero di musei impressionante, circa quaranta.

Cosa-vedere-Basilea-panorama

Il panorama dalla Cattedrale

Il più famoso è il Fondation Beyeler, un’opera firmata Renzo Piano per ospitare la collezione del gallerista Ernst Beyeler. Il Basler Papiermühle è il museo della carta dove sono esposti oggetti legati alla scrittura e alla stampa. La sua ubicazione è spettacolare: il mulino di Gallician!

Tra le opere architettoniche di recente realizzazione, spicca il nuovo padiglione del Basel Exhibition Square, il City lounge che porta la firma dello studio Herzog & de Meuron. Il rivestimento metallico ondulato dissonante che filtra l’afflusso luminoso verso i livelli espositivi superiori e l’oculo a cielo aperto, lo differenziano dal comune rettangolo squadrato dei palazzi espositivi.

Basel Exhibition Square, City Lounge

Basel Exhibition Square, City Lounge

Dove mangiare a Basilea

Dopo una giornata in giro per la città, fatevi conquistare dall’ampia scelta ristorativa ma attenzione, la parola d’ordine è: prenotazioneDopo le h. 19,00 non rispondono più al telefono e lastminute rischiate di trovare tutto full.
Oltre all’immancabile cioccolato, il formaggio e le patate non mancano in nessun piatto tradizionale: se vi piacciono, li potrete gustare in versioni creative o classiche ma, quasi inevitabilmente, caloriche!

Cosa-mangiare-Basilea-fonduta

Una gustosa fonduta di formaggio con crostini di pane e patate lesse

Se siete nei pressi del Parco Claramatte, troverete il ristorante Walliserhof (+41 61 222 28 62  Clarastrasse 27) che vi delizierà con la raclette (formaggio fuso servito con gschwellti -patate lesse con la buccia-, cetrioli, cipolline sottaceto e senape) o con la tipica fonduta di formaggio e crostini di pane servita nel caquelon (la pentola di ceramica). Attenzione, se non vi piace l’aglio, statene alla larga.

Cosa-mangiare-Basilea-Rosti

Un gustoso rösti di patate

Se avete voglia di un pasto veloce a base di carne e patatine fritte ma, soprattutto, se volete provare il röstiuna schiacciata cotta in padella con burro o grasso caldo di patate grattugiate bollite o crude e vi trovate nei pressi del municipio, andate da Gifthüttli (+41 61 261 16 56 Schneidergasse 11).

Un delizioso piatto di spatzle

Un delizioso piatto di spatzle

Restando sempre in zona, andando da Hasenburg mangerete gli spatzle: tipici gnocchi a base di patate conditi con funghi, verza e formaggio (+41 61 261 32 58 Schneidergasse 20).

Dove dormire a Basilea

Dove-dormire-Basilea

La camera dell’hotel Wittstein

Noi abbiamo dormito all’Hotel Wettstein (Grenzacherstrasse 8, ubicato sulla sponda opposta del Reno rispetto al centro ma a di un chilometro da tutte le principali attrazioni), una struttura accogliente e moderna.

Le camere sono spaziose, arredate con cura e lo staff è molto disponibile. Non abbiamo fatto colazione (fruhstück se volete imparare qualche parolina) in hotel perché non era compresa nella tariffa e il costo extra era abbastanza elevato (ma non c’è problema ci sono decine di posticini carini dove mangiare qualcosa di altamente calorico e appagante per il vostro palato)!

Il plus di questa struttura, è quello di offrire gratuitamente le bevande analcoliche e la birra nel frigo bar!

Il Wettstein, come tutti gli hotel di Basilea, consegna agli ospiti, al momento del check-in, un Mobility Ticket che vi consentirà, a costo zero, di viaggiare sui mezzi pubblici di tutta la città (e dintorni, incluso l’EuroAirport) e per tutto il periodo di permanenza.

P.S. la conferma di prenotazione dell’hotel costituisce un titolo di trasporto valido il giorno dell’arrivo e quindi, UDITE UDITE, potrete utilizzare i mezzi pubblici gratuitamente dall’aeroporto o da una delle stazioni ferroviarie cittadine fino all’hotel (in 2a classe).

Una dimostrazione lampante di quanto Basilea sia avanti a livello di servizi per il turista. Non solo. Sono previsti 17 hotspot wifi in tutta la città (indicati sulla Basel Card), peccato che non non siamo riusciti a usufruirne (non funzionavano correttamente)!

La chicca: a Basilea pare vi siano 202 fontane da cui zampilla acqua potabile tranne che da una.

Quando andare a Basilea

Cosa-vedere-Basilea-mercatini

I mercatini di Natale

Noi siamo andati a Basilea durante il periodo natalizio e abbiamo scoperto che in città sono allestiti i mercatini più grandi della Svizzera con tante idee regalo: tenete in considerazione però, il loro tenore di vita e pertanto i prezzi degli oggetti in vendita.

I mercatini di natale occupano il cuore della città: a Münsterplatz, con il magnifico albero decorato da Johann Wannere  e Barfüsserplatz, potrete curiosare nelle 180 casette di legno tra splendidi lavori artigianali, prodotti tipici e vin brulé per i più freddolosi.

Se siete veri appassionati di arte, a giugno si tiene l’annuale Art Basel, una manifestazione definita “l’olimpiade dell’arte” con oltre 300 gallerie che aprono per esporre opere moderne, installazioni multimediali, fotografie, stampe e video di artisti famosi e giovani talenti.

Come arrivare a Basilea

L’aeroporto, chiamato EuroAirport Basilea-Mulhouse-Friburgo (è l’unico caso al mondo di aeroporto trinazionale: è svizzero, costruito su territorio francese ma serve anche la città tedesca di Friburgo) si trova a circa 7 chilometri dalla città, raggiungibile in 15 minuti con l’autobus no. 50 che porta dritto alla stazione ferroviaria. Basilea infatti è ottimamente collegata anche con i treni: vi sono ben tre stazioni (una svizzera servita dalla linea SBB, una francese servita dalla linea SNCF e una tedesca servita dalla linea BB) tutte in prossimità del centro.

Curiosi di leggere le altre mete della rubrica 36 ore a?

Articolo redatto con Marianna Grussu [che ringraziamo anche per le foto]

POTREBBERO INTERESSARTI...

3 commenti

Bruna Athena 17 Gennaio 2018 - 15:11

Non sono mai stata in Svizzera: non sapevo della sua origine latina. I piatti mi ispirano!

Rispondi
Silvia Demick 13 Gennaio 2018 - 15:43

Della Svizzera conosco altre città ma a Basilea non ci sono mai stata. Potrebbe essere un’ottima scelta per i prossimi mercatini di Natale visto che ormai quelli di Zurigo mi hanno stufata un po’.
Molto carino anche l’albergo, e in particolare trovo davvero bella questa cosa del biglietto per i mezzi di trasporto, che è un’idea eccellente per promuovere il turismo e che molte altra città – anche in Italia – dovrebbero copiare.
Buon weekend ❤️

Rispondi
Monica Nardella 13 Gennaio 2018 - 17:53

Si l’idea del pass che permette a tutti i turisti di viaggiare gratuitamente sui mezzi pubblici è il miglior biglietto di benvenuto!

Rispondi

Lascia un commento