Home » Il gusto di viaggiare » #sfidabreakfast: la colazione nel mondo

#sfidabreakfast: la colazione nel mondo

Come nasce la #sfidabreakfast?

La #sfidabreakfast nasce per caso, come le idee più belle o folli. Ero in partenza con altri blogger per un tour nella campagna romana (leggete: dove dormire a Valmontone).

Sapevo che avremmo alloggiato in differenti B&B e pensai che sarebbe stato divertente fare colazione insieme, almeno virtualmente. Perché non pubblicare tutti uno scatto e magari sfidarsi, per scoprire chi avesse mangiato il croissant più buono o assaggiato la specialità più particolare?

La premessa. Per alcuni B&B l’impossibilità di servire a colazione prodotti fatti in casa diventa una “scusa” per adagiarsi e allestire tavole deprimenti. Sui ripiani spogli vengono posizionati croissant in busta, fette biscottate monoporzione, biscotti confezionati e marmellatine in vaschette di plastica con cui non si riesce a stendere neanche un velo (pietoso) di confettura.

In vista del blogtour Romecountryside, per valorizzare i due elementi di un B&B, l’accomodation e la colazione, ho lanciato la #sfidabreakfast, una specie di contest per condividere il momento e decretare la migliore colazione del weekend. I proprietari hanno raccolto l’invito con entusiasmo e si sono mobilitati nella scelta di forni, pasticcerie e fornitori per acquistare prelibatezze capaci di solleticare le nostre papille gustative e di diventare protagoniste dei nostri obiettivi.

Qualcuno prestava già la giusta attenzione alla colazione, altri meno, quindi l’occasione è stata un utile spunto per raccomandare agli ospitali proprietari dei vari B&B coinvolti nel blogtour di avere sempre cura del momento breakfast sotto molteplici aspetti. Servire un croissant fragrante o del pane profumato fa sentire un viaggiatore davvero coccolato ma anche l’allestimento della tavola (dalle tovagliette colorate a un semplice mazzolin di fiori), accompagnato da un sorriso cordiale, diventano il migliore biglietto da visita della struttura.

La #sfidabreakfast è diventata virale!

Dall’autunno del 2015 la #sfidabreakfast ne ha fatta di strada! È diventato un appuntamento per tanti viaggiatori che taggano la propria colazione in giro per il mondo (e dietro l’angolo, persino dalla cucina di casa propria!). Perché? Perché la colazione non è solo una questione di nutrimento, è un’esperienza per viaggiare nelle tradizioni, nelle abitudini, nei gusti e nei sapori di altri popoli (o, nel caso della stessa Italia, nei sapori regionali spesso sconosciuti ai più).

E poi la colazione è un momento di grande convivialità: davanti a una tavola imbandita si chiacchiera con più piacere, ci si attarda con il cameriere o con il proprietario a  chiedere informazioni e suggerimenti per il tour in programma,  si fa amicizia con altri clienti. Senza dimenticare che la colazione è inevitabilmente l’ultima esperienza che il viaggiatore farà all’interno della struttura: quindi costituirà il ricordo più vivido dell’accoglienza e dell’attenzione dello staff.

La #sfidabreakfast è persino approdata su Electo Radio nella rubrica Travel on Air!

La #sfidabreakfast è diventata una gallery.

Abbiamo visto “minestre” a colazione in Romania, frutta ai Caraibi, miso a Tokyo, torte appena sfornate in Italia. Tavole imbandite e vassoi ipocalorici. Una battaglia tra salato e dolce.  Un viaggio nel viaggio, insomma! Partecipate anche voi, finirete nell’album più ghiotto che esista (presto online su facebook)!

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento