Home » Italia » Toscana » Un giorno alle Terme di Saturnia

Un giorno alle Terme di Saturnia

Terme di Saturnia by night
Già a qualche chilometro dalle terme di Saturnia l’atmosfera cambia.
Il viaggiatore che dovesse passare su quella strada ignorando la presenza di una sorgente termale rimarrebbe come minimo sconcertato.
A un tratto la discesa e le curve finiscono, il bosco di querce scompare, la strada si fa piana e si aprono a perdita d’occhio i campi verdi, verdi come il verde d’Irlanda con tutte le sue sfumature e variazioni, forse sono quel benefico calore, l’acqua e il miscuglio di elementi chimici che viene dalla profondità della terra a rendere così rigogliosa l’erba. Ma se al viaggiatore distratto non bastasse tutto ciò per rimanere sorpreso, le nebbie che salgono dai canali d’irrigazione paralleli alla strada dovrebbero certamente risvegliargli la curiosità. [Niccolò Ammaniti “Ti prendo e ti porto via”]

Chi di voi sa cosa significhi la parola SPA? Molti associano genericamente il termine ai centri benessere mentre bisognerebbe ricondurre più precisamente il significato al potere curativo e rigenerante dell’acqua. Proprio per ribadire il legame indissolubile con il termalismo, in tempi recenti si è voluto agganciare l’acronimo alla locuzione latina Salus per aquam ma la verità vera è che il termine deriva dall’omonima cittadina belga in provincia di Liegi, nota già ai romani per le proprietà prodigiose delle sue acque (leggete Cosa vedere a Liegi).

 

Terme-di-Saturnia

La sorgente termale

 

Chiarito che chi dice SPA dice terme, chi dice terme, a cosa pensa? Io, dopo il weekend rigenerante trascorso alle Terme di Saturnia penso, ca va sans dire, alla Toscana! Le “mie” terme di Saturnia si sono concentrate nell’omonimo complesso Spa&Golf Resort, incastonato nel mutevole paesaggio della Maremma, a tratti aspro e brullo, ma incredibilmente affascinante col suo patchwork autunnale di verdi e arancio. Un angolo di Toscana, terra di Briganti e di Butteri, che ha saputo mantenere una genuinità rara, fatta di borghi silenziosi in cui il tempo sembra essersi fermato e tradizioni fortemente radicate tra gli abitanti.

 

Terme-di-Saturnia

Ospiti a bagno nella sorgente

 

Essendo stata invitata a sperimentare le Piscine Termali nella formula Club Benessere (accesso Sorgente, zona relax riservata, set piscina e parcheggio: 65€ a persona) sono arrivata in hotel – dove un parcheggiatore si è preso cura della mia macchina – e, appena varcata la soglia d’ingresso, ho avvertito l’odore pungente dell’acqua sulfurea che, anziché disturbare, invita l’ospite ad entrare nel mood spa. Dalla lounge del bar, mentre sorseggiavo un ottimo caffè, ho notato nella sorgente termale di un verde cangiante alcuni ospiti già a mollo. Immaginate qualcosa di più rilassante di un bagno in piscina con acqua a 37° e a seguire di una sontuosa colazione in accappatoio e ciabattine?

 

Turista-di-mestiere-Terme-di-Saturnia-

Io a mollo nella sorgente

Io no, quindi mi sono cambiata nello spogliatoio riservato a chi ha il pacchetto Club Benessere (ubicato in una dependance con sauna, bagno turco, lettini e angolo dei tè e della frutta) e mi sono immersa nella sorgente. In un sabato di novembre caratterizzato dal cielo grigio e da un’aria gemmea di pascoliana memoria, le terme sono un toccasana. Perché se l’acqua sorgiva cura la pelle, fa bene al cuore, all’apparato respiratorio e depura il fegato, il tepore culla, scioglie le tensioni muscolari e sgombra la mente.

Turista-di-mestiere-Terme-di-Saturnia

Sotto il getto delle cascatelle

 

Dopo qualche minuto, aghi di pioggia hanno iniziato a picchiettare lo strato superficiale della sorgente e mi sono ritrovata nella magia di una nebbiolina di vapore tremolante che ho faticato ad abbandonare a ora di pranzo. Nebbiolina che, sul far della sera, trafitta dalla luce posizionata ad hoc, ha reso il bagno ancor più speciale!

 

Terme-di-Saturnia-by-night

Il fascino delle terme sul far della sera

 

L’esperienza culinaria alle Terme di Saturnia

L’Hotel Terme di Saturnia vanta un ristorante, un bistrot e un patio salad bar bordo piscina e lo Spring Bar. I menù, supervisionati dall’Executive Chef Giuseppe Zibetti con la collaborazione dello chef Alessandro Bocci, esaltano le tipicità toscane con eccellenze del territorio che chiaramente non mancano di strizzare l’occhio alla leggerezza. Della serie che nonostante il pranzetto che mi sono concessa, non ho esitato a fare subito dopo il bagno!

 

Terme-di-Saturnia-Ristorante-Aqualuce

Una superba cena al Ristorante Aqualuce

 

Lo Spring Bar offre invece piatti più smart, ideali durante la bella stagione: come la vedete un’insalata a bordo piscina in costume e ciabatte? La sera, dopo cena, l’atmosfera in questo spazio vista Sorgente,  è stato scaldato da un drink e dalla voce di una cantante. Un intrigante calendario di concerti jazz, bossanova e swing infatti ha animato i weekend delle Terme di Saturnia con possibilità di accesso non solo agli ospiti dell’hotel ma, gratuitamente, anche ad esterni appassionati del genere.

 

Aperol-Spring-Terme-Saturnia

Aperol “Spring” alle Terme di Saturnia what else?

Terme-di-Saturnia-Spring-Bar

Il panorama dallo Spring Bar

 

In una situazione simile, voi cosa avreste fatto? Io mi sono fermata anche a dormire alle Terme di Saturnia in una silenziosissima camera al primo piano. Le stanze sono calde, accoglienti, raffinate e nel set di cortesia potrete utilizzare i buonissimi prodotti Terme di Saturnia (acquistabili anche nello shop del complesso). Al mattino la colazione mi ha riconciliata col mondo (una degna #sfidabreakfast) e solo l’idea di fare una passeggiata nella storia, visitando Montemerano, mi ha persuasa a preparare la valigia!

 

Montemerano-Toscana

La bellissima Montemerano

 

La chicca: Rebalance@Saturnia è l’esclusivo programma Spa Golf & Resort che abbina acqua termale, attività fisica giornaliera (nordic walking, aquagym, ginnastica posturale, stretching), trattamenti SPA (tra cui fanghi Saturnia, trattamento viso e detox, massaggi personalizzati e un gommage termale), alimentazione equilibrata e filosofia dell’habitat, 5 fattori determinanti per ritrovare il benessere psico-fisico. Il pacchetto comprende 5 notti di pernottamento in pensione completa in camera doppia superior al prezzo di 1990€ a persona.

P.S. ricordate di togliere accessori in argento quando entrate nell’acqua perché si annerirebbero immediatamente. Per riportarli al loro colore naturale, oltre ai prodotti appositi, potreste utilizzare il dentifricio. Provare per credere.

Indirizzo: Loc. Follonata, 58014 Saturnia (GR). Le Terme di Saturnia non sono agevoli da raggiungere, non giriamoci intorno! Il mio consiglio è quello di muovervi in auto (distano circa 150 km da Roma ma la strada, soprattutto quando si addentra nella Maremma più selvaggia e aspra, è tutta curve quindi dovete mettere in conto tre ore scarse di viaggio) perché la stazione ferroviaria più vicina è quella di Grosseto (linea Milano-Roma) e per coprire i restati 60km, dovrete prenotare un transfer a pagamento con l’hotel. Vi assicuro però che l’ubicazione delle Terme ne ha in qualche modo preservato l’autenticità e l’esclusività quindi non rinunciate! Prezzi Piscine termali: 25€ a persona (+ 25€ se volete accedere al Bagno Sorgente nel weekend e nei giorni festivi o + 5€ per accedere al Bagno Sorgente dal lunedì al giovedì). 20€ per l’accesso pomeridiano (inverno 13-17 – estate 14-19). Per ogni adulto pagante, 1 bambino sotto i 12 anni accede gratuitamente.  Club benessere (quello che ho fatto io): 65€. Se alloggiate nell’hotel, avrete tutto il complesso a disposizione, compresa la SPA. Orario invernale: 9.30-17. Orario estivo: 9.30-19.

Cascate-del-Mulino-Saturnia

Cascate del Mulino

Accessibili giorno e notte, senza il pagamento di alcun ticket, sono le cascate del Mulino e del Gorello con le loro “piscine naturali” a cui si arriva con la propria auto (anche il parcheggio è gratuito). Portate con voi teli e, soprattutto d’inverno, l’accappatoio perché l’escursione termica è importante e non ci sono ambienti in cui cambiarsi o scaldarsi (a parte la vostra macchina, per intenderci). Siccome il fondale potrebbe essere scivoloso in alcuni tratti, dotatevi di scarpette da scoglio e, di notte, di una torcia perché queste terme non sono illuminate.  Queste cascate sono il set della notte romantica tra il playboy (in caduta libera) Graziano Biglia e  la professoressa Flora Palmieri, due personaggi del romanzo di Ammaniti citato all’inizio… che ne dite, Saturnia location ideale per un nuovo tour dedicato allo Scaffale di TDM?

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento