Home » Italia » Lazio » Una notte al museo con le Muse di Mucha

Una notte al museo con le Muse di Mucha

mucha vittoriano roma

Fino a domenica 11 settembre potrete ammirare le opere di Alphonse Mucha, uno dei più significativi e poliedrici interpreti dell’Art Nouveau, nell’ala Brasini del Complesso del Vittoriano di Roma. Una mostra che racconta l’artista boemo a 360° attraverso dipinti, manifesti, gioielli e disegni. Oltre 200 opere suddivise in 6 sezioni perché Mucha oltre a essere fortemente influenzato dalle atmosfere parigine a cavallo tra l’800 e il ‘900 e a creare immagini per il grande pubblico, fu allo stesso tempo cosmopolita, patriota, mistico e filosofo. Passeggiando nelle sale, scoprirete il proficuo sodalizio tra il nostro e la Divina Sarah Bernhardt. Non tutti sanno che Alphonse, mentre impazzava la Belle Epoque, sbarcava il lunario a Parigi come vignettista,  illustratore e correttore. Divideva uno studio con Paul Gauguin ed entrambi sognavano il momento in cui avrebbero potuto vivere della propria arte. Sarah era un’attrice di teatro affermata e un po’ capricciosa. L’ultimo manifesto realizzato per pubblicizzare lo spettacolo non le era piaciuto e decise di commissionarlo al tipografo presso il quale lavorava Mucha.

alphonse-mucha-sarah-bernhardt

Dettaglio del manifesto “Gismonda” [foto presa da web]

La Gismonda le piacque così tanto da assumere l’artista per i manifesti futuri e per curare scenografie e persino i gioielli: quando si dice l’incontro che ti cambia la vita! Concedetevi qualche minuto per osservare i manifesti. Scoprirete una Sarah ipnotica. Il punto focale sono i suoi occhi, sempre. Sembra che stiano frugando nel vostro animo eppure allo stesso tempo assenti, come se avessero penetrato il vostro corpo per andare oltre. Attorno a quello sguardo c’è il mondo di Mucha: capelli fluttuanti, fiori, gioie, merletti, mosaici mentre il resto del corpo ha linee sottili e semplici. E’ impossibile non fissare la parte alta del manifesto e quindi gli occhi ipnotici di Sarah. Io ho amato particolarmente anche le altre donne di Alphonse, ritratte in pose languide, femminili ma al tempo stesso caratterizzate da un incredibile candore.

Mucha-Vittoriano-Roma

Io e Anna, l’ambassador L’Oreal per l’evento

Ebbene, il 14 luglio ha avuto luogo “Le Muse di Mucha“, un evento durante il quale le raffinate donne di Mucha sono diventate “vere” grazie a cinque global fashion ambassador L’Oréal Professionnel che hanno realizzato per l’occasione delle acconciature sublimi per altrettante modelle, tra cui la sottoscritta! Secondo voi, quale “Musa” avrei potuto interpretare se non l’Estate, datata 1896, nonché immagine prescelta per l’intera mostra?

mucha-vittoriano-roma

Io e la Musa dell’Estate

 

La mostra è organizzata e prodotta da Arthemisia Group in collaborazione con la Fondazione Mucha e curata da Tomoko Sato. Si ringrazia L’Oreal Professionnel.

Indirizzo: Complesso del Vittoriano, ingresso lato Fori Imperiali Prezzi: 13€ intero, 11€ ridotto, 5€ ridotto speciale, gratis under 4 anni. Orari: dal lunedì al giovedì 9.30 – 19.30 Venerdì e sabato 9.30 – 22.00 Domenica 9.30 – 20.30. La biglietteria chiude un’ora prima.

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento