Home » Europa » Riga, capitale dell’Art Nouveau

Riga, capitale dell’Art Nouveau

Riga, Arte Nouveau in Alberta iela foto | Dalbera
Riga, la capitale della Lettonia, il 17 gennaio ha inaugurato il 2014 con una serie di eventi per celebrare il tanto atteso ruolo di Capitale della Cultura europea (insieme a Umea, Svezia).

Riga in Lettonia

Anno cruciale, dunque, per la cittadina baltica che avrà modo di mostrare al mondo le bellezze che sono valse al suo centro storico e al quartiere dell’Art Nouveau il riconoscimento di patrimonio dell’Umanità Unesco nel 1997 e le straordinarie architetture che la stanno proiettando verso il futuro, colmando velocemente il gap con altre città dell’est Europa finora più gettonate. 

Riga, Art Nouveau, Alberta iela 8

Riga – foto | Dalbera

Grazie a questa vetrina, abbiamo scoperto una Riga sorprendente. Qualche esempio? Gli 800 palazzi in stile Art Nouveau, concentrati in un quartiere a nordest del centro (Vecriga) e caratterizzati da facciate elaborate in cui prevalgono il bianco e l’azzurro, i colori preferiti dal maggiore esponente dello stile righese, l’architetto lettone Mikhail Ejzenstejn. Si stima che il 30% degli edifici cittadini siano realizzati secondo i dettami del cosiddetto Jugendstil, percentuale che fa di Riga uno dei maggiori centri mondiali di Art Nouveau: lo avreste mai detto? 

Riga, Art Nouveau, Elizabetes iela 10b

Riga – foto | Dalbera

Una passeggiata tra Alberta iela, Elizabetes iela e Strelnieku iela vi assicurerà dunque una lezione chiara e indimenticabile sullo stile diffusosi in città tra la fine del XIX secolo e il 1914, più di qualunque pagina ben scritta su un libro di storia dell’arte! Preparatevi a un tour con il naso all’insù per avvistare motivi floreali, figure mitologiche, cariatidi, volti, elmi e aquile scolpiti con dovizia di particolari sulle facciate e sui tetti di questi palazzi! 

Un tour completo dovrebbe partire sulla sponda destra del fiume Daugava da Merkela iela, dove si possono ammirare i mosaici che rappresentano le antiche divinità baltiche. Dovrebbe poi procedere verso Kalpaka boulevard, Elizabetes iela e, dopo una deviazione verso Vilandes iela, giungere ad Alberta iela, la via più caratteristica.

 

Riga, Art Nouveau, Alberta iela 13

Riga – foto | Dalbera

Se non avete molto tempo a disposizione, anche se questa passeggiata meriterebbe almeno un paio di ore, vi indichiamo almeno tre “must see” di questo stile: il palazzo in Alberta iela 2a (impossibile non riconoscerlo con le due sfingi all’entrata che lo vigilano!), quello in Elizabetes iela 10b (considerato la “summa” dello stile con tutti gli elementi tipici dai mascheroni, agli elmi, alle ghirlande) e infine la Casa dei Gatti (un edificio giallo, costruito da un ricco commerciante, che fece scolpire sulle torrette  due irriverenti gatti con la coda verso la sede della Camera di Commercio che gli aveva rifiutato l’ingresso nella corporazione) in Meistaru iela 19Se invece volete concentrarvi esclusivamente su Ejzenstejn, allora ammiratene la creatività ai numeri 10a e 10b di Elizabetes iela e ai numeri 2, 4, 8 e 13 di Alberta iela! 

Riga, Art Nouveau, Alberta iela 13

Riga – foto | Dalbera

Ai veri appassionati, invece, consigliamo vivamente di consultare il sito (ricco di mappe e foto) del Museo dell’Art Nouveau, in Alberta iela 12. Lo studio pre-partenza vi permetterà di conoscere esattamente l’ubicazione dei palazzi e di disegnare l’itinerario più confacente ai vostri gusti e alla vostra curiosità. Ovviamente, una volta a Riga, ritagliatevi un momento per visitare dal vivo questo gradevolissimo museo in cui ammirare un intero appartamento arredato con mobilia e suppellettili in stile, oltre ad antichissimi abiti.

Come arrivare: l’aeroporto si trova a soli 13 chilometri dal centro ed è servito da voli diretti dai principali scali italiani. Dal Terminal 1 parte il bus n. 22 che, in trenta minuti circa e passando per la stazione di Riga, conduce in pieno centro (Abrenes iela). Il biglietto, se acquistato all’ufficio informazioni all’interno dell’aeroporto e valido per un solo viaggio, costa 0.71€; se acquistato a bordo, costa 1€. Se pensate di utilizzare per l’intera giornata i mezzi pubblici cittadini, optate per il biglietto valido 24h per viaggi illimitati al costo di 2,70€ (ulteriori info www.rigassatiksme.lv/en/).  
In alternativa, c’è l’Airport Express, più veloce e con partenze più frequenti: il biglietto costa 5€. 

Riga, Art Nouveau Museum

Museo dell’Art Nouveau, particolare foto | Dalbera

Quando andare: a Riga d’inverno fa freddo, diciamocelo! La colonnina di mercurio segna spesso temperature tra i -2 e i -6 ma non mancano picchi notturni fino a -10! Periodi ideali sono quindi la tarda primavera e l’estate quando, oltre alle temperature più gradevoli, si possono sfruttare giornate molto lunghe a passeggiare, visitare musei e sedersi a uno dei numerosi tavolini dei caffè all’aperto a bere qualche squisitezza locale. Se dovessero offrirvi un cocktail a base di “Balsamo Nero”, pensateci bene! Si tratta di un liquore tradizionale (una specie di amaro) in cui a una base di vodka pura vengono aggiunti 24 ingredienti diversi – piante, radici, olii essenziali, bacche. Il risultato? Una bomba! La chicca: dal 1 gennaio 2014 la Lettonia è entrata a far parte dell’euro e quindi non sarà più necessario cambiare i soldi con il lats lettone.

POTREBBERO INTERESSARTI...

2 commenti

Elisa - Pecora Verde Blog 29 Giugno 2015 - 20:27

Bel post che rende giustizia alla bellezza di Riga! Un altro link utile è il sito http : // www. jugendstils .riga .lv / eng/ JugendstilsRiga: ha la directory di tutti gli edifici e gli architetti della città ed è tradotto in inglese – anche se non per intero. Un saluto #fuoridalgregge da Pecora Verde! 🙂

Rispondi
Ernest 23 Gennaio 2014 - 12:07

deve essere davvero carina.
un saluto

Rispondi

Lascia un commento