Home » Europa » Olanda » Kinderdijk: 19 mulini a vento Patrimonio dell’Umanità!

Kinderdijk: 19 mulini a vento Patrimonio dell’Umanità!

Kinderdijk olanda mulini wimzilver tramonto

Dove vedere i mulini in Olanda? L’icona indiscussa del paese – al pari dei tulipani – sono sparsi su tutto il territorio olandese. I più famosi si trovano a Kinderdijk e Zaanse Schans.

Kinderdijk, in Olanda, è un piccolo villaggio a 16 chilometri da Rotterdam classificato dall’UNESCO come Patrimonio dell’Umanità nel 1997 per l’incantevole paesaggio che regala ai visitatori: ben 19 mulini a vento sparsi nel verde della pianura olandese!

Il 25% del territorio dei Paesi Bassi è sotto costante monitoraggio per il rischio inondazioni a cui è esposto a causa della sua posizione al di sotto del livello del mare.

Non è un caso che, proprio in queste terre, siano stati fatti i primi esperimenti di polder, zone un tempo invase dal mare, bonificate tramite dighe e canali drenanti).

Cosa vedere a Rotterdam?

 

Kinderdijk-olanda-mulini-wimzilver-sunrise

I mulini di Kinderdik all’alba. Foto gentilmente concessa da wimzilmer

 

Il sito di Kinderdijk è composto da 8 mulini a vento in mattoni, disposti nella zona del canale Nederwaard (costruiti nel 1738), 8 mulini a vento di paglia nella zona del canale Overwaard (risalenti al 1740), 2 mulini a vento in pietra nel polder Nieuw Lekkerland (edificati nel 1760) ed 1 mulino a vento nel polder Blokweer (costruito nel 1521, bruciato nel 1997 e restaurato nel 2000).

 

Kinderdijk-olanda-mulini-wimzilver-4

I mulini di Kinderdik. Foto gentilmente concessa da wimzilmer

 

Il Nederwaardmolen è aperto ai visitatori ed offre una visione complessiva dell’antico funzionamento e delle condizioni di vita dei suoi abitanti.

Risiedere e lavorare in un mulino, infatti, non era cosa facile. I mugnai avevano famiglie numerose spesso composte da 10 o 12 figli e vivevano, con grandi sacrifici, dei frutti della terra, grazie all’allevamento del bestiame e alla pesca. Erano costretti a vivere all’interno dei mulini perché dovevano monitorare costantemente il livello dell’acqua ed eventualmente intervenire seguendo la direzione del vento e cambiando la posizione delle pale.

 

Kinderdijk-olanda-mulini-wimzilver

I mulini di Kinderdik. Foto gentilmente concessa da wimzilmer

 

La visita vi farà scoprire delle curiosità inattese: le porte di ingresso, ad esempio, erano di piccole dimensioni perché l’alimentazione all’epoca era molto povera e poco equilibrata (e quindi la costituzione ne risentiva).

Tra i quattro livelli del mulino, si distribuiva la vita del mugnaio e della sua famiglia. Soggiorno e camera da letto dei genitori al piano terra; le stanze dei bambini al piano superiore. La soffitta dove si affumicava il pesce pescato grazie alla presenza della parte terminale del camino al terzo piano; gli ingranaggi del mulino al quarto e la calotta rotante, in grado di girare fino a 360° in base alla direzione del vento, all’ultimo piano.

Nel Blokweer si trova il Visitor Center e, grazie a dei video, si possono capire il lavoro del mugnaio e il funzionamento dei mulini. Negli anni successivi alla Seconda Guerra Mondiale, i mulini hanno smesso di funzionare e sono stati sostituiti da una grande ed efficiente stazione di pompaggio delle acque.

A parte i musei, gli altri 17 mulini sono di proprietà privata ma in estate contribuiscono a rendere il paesaggio incantevole e a precipitare i visitatori in un’altra epoca con le pale che ruotano come se nulla fosse cambiato dalla metà del ‘700 a oggi.

 

Kinderdijk-olanda-mulini-wimzilver-3

I mulini di Kinderdik. Foto gentilmente concessa da wimzilmer

 

I mulini a vento in Olanda in estate

Ogni sabato di luglio ed agosto, se le condizioni del vento lo permettono, tutti i mulini vengono messi in funzione e regalano ancora lo spettacolo di un tempo. Inoltre, il secondo sabato di maggio, tutti i mulini presenti sul territorio olandese vengono attivati per celebrare la “Giornata nazionale dei mulini” e spesso prevedono l’ingresso gratuito. Durante il secondo weekend di settembre le luci dei mulini vengono accese al calare della sera.

I mulini a vento in Olanda in inverno

In inverno i canali di Kinderdijk si ghiacciano e si trasformano in una pista di pattinaggio frequentata soprattutto dalle famiglie olandesi che, nel fine settimana, sfidano le basse temperature per godere di un paesaggio unico al mondo: insomma, ogni stagione regala un’emozione! Noi ci siamo stati a inizio ottobre. La temperatura era piacevole ma, ed è una costante, c’era vento e quindi  portate con voi un foulard o una sciarpa per proteggere gola/orecchie.

 

KINDERDIJK-OLANDA-MULINI-NEVE

I mulini di Kinderdik e i canali ghiacciati. Foto gentilmente concessa da wimzilmer

KINDERDIJK-OLANDA-MULINI

I mulini di Kinderdik e i canali ghiacciati. Foto gentilmente concessa da wimzilmer

 

 

Perché si chiama Kinderdijk? In olandese Kinderdijk significa “Diga dei Bambini” e deriva da una leggenda secondo la quale nel 1420, durante una devastante alluvione, una culla contenente un bambino e un gatto, si sia adagiata proprio sulla diga, dopo essere stata trascinata dalla turbolenta corrente.

 

Come arrivare ai mulini a vento in Olanda

Dal centro di Rotterdam, Kinderdijk può essere raggiunta tramite il Waterbus che parte da Rotterdam Willemskade (proprio dove si trova il famoso ponte Erasmusbrug, la struttura a forma di cigno che collega il centro con la vecchia zona portuale dove si trova anche l’imbarco dei vaporetti Spido).

Linea 202 con cui arrivare direttamente a destinazione in meno di un’ora. Prezzo a tratta: 4€ (pagamento solo cash a bordo) o 3,59€ se si possiede la Rotterdam Welcome Card. Questi sono i prezzi del ticket comprato a bordo (pagamento solo cash) ma se andate sul sito del Waterbus potrete acquistare prima i biglietti e usufruire di un piccolo sconto.

Linea 20 che vi lascerà a Ridderkerk (la seconda fermata) e da qui dovrete prendere un ferry (gli orari sono allineati quindi non dovete temere di perderlo all’arrivo) per raggiungere il sito. In totale si impiega una quarantina di minuti. Prezzo: Rotterdam Erasmusbrug – Ridderkerk: 4€ intero o 2,73€  se si possiede la Rotterdam Welcome Card. Questi sono i prezzi del ticket comprato a bordo (pagamento solo cash). Per il ferry che copre la tratta Ridderkerk – Kinderdijk dovrete acquistare un ticket: 1,70€ A/R. Se andate sul sito del Waterbus potrete acquistare prima i biglietti che coprano l’intero transfer e usufruire di un piccolo sconto.

 

How-to-get-to-mills-kinderdijk

La tabella oraria dei waterbus per Kinderdijk

 

Dall’aeroporto di Rotterdam (e da quello di Amsterdam Schiphol), potete arrivare alla stazione centrale,  prendere la metro fino alla Stazione di Zuidplein e raggiungere il sito con l’autobus nr. 90: fermata Molenkade. Il tragitto dura circa 40 minuti.

Da Utrecht (Stazione Centrale) prendere l’autobus nr. 90 (il solo che porta all’ingresso del sito) direzione Alblasserdam;

Se vi spostate in macchina potete usufruire di un parcheggio custodito nei pressi del sito al costo di 5€ (per le moto 2,50€). Il sito di Kinderdijk può essere visitato a piedi, in bicicletta (noleggiabile in loco) o a bordo di un battello.

 

Kinderdijk-olanda-mulini-wimzilver-2

I mulini di Kinderdik. Foto gentilmente concessa da wimzilmer

 

Orari ingresso

Durante il periodo estivo il sito è aperto dalle 9 alle 17.30 mentre negli altri mesi, dalle 11 alle 16. E’ prevista una chiusura il giorno di Natale e nei mesi di gennaio e febbraio per manutenzione. Il Mulino è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 18 in estate mentre negli altri periodi l’apertura è prevista solamente nel week end dalle 10 alle 16. Per essere sempre aggiornati ed evitare disguidi, consultate il sito ufficiale.

 

Dove dormire ad Amsterdam?

 

Prezzi Kinderdijk

Il sito è GRATUITO. Potete entrare senza problemi. Se volete visitare il Mulino o fare un piccolo boat tour, allora dovete pagare un ticket pari a 8€ per gli adulti e a 5,50€ per i bambini. I possessori della Rotterdam Welcome Card 2017, strappando la paginetta del libricino allegato alla card che descrive il sito possono utilizzarla come voucher per ottenere il 25% di sconto sull’ingresso.

POTREBBERO INTERESSARTI...

Lascia un commento