Home » Europa » Spagna » Il percorso pedonale più spaventoso al mondo: il Caminito del Rey

Il percorso pedonale più spaventoso al mondo: il Caminito del Rey

il caminito del rey
Si chiama il Caminito del Rey ma non lasciatevi ingannare dal nome che evoca una passeggiatina tranquilla: parliamo di un percorso pedonale lungo 3 km lungo le pareti verticali del Desfiladero de los Gaitanes a El Chorro, vicino a Alora (Malaga) che fa davvero venire i brividi!!!

Il Caminito del Rey

Nel video potrete vedere come il ragazzo cammini su un sentiero traballante, pieno di voragini e letteralmente a strapiombo sul fiume!
La reputazione del Caminito è davvero pessima, non solo per le pessime condizioni in cui versa, ma soprattutto per la pericolosità del sentiero che ha causato addirittura la morte di diversi escursionisti!
Questo percorso risale agli inizi del ‘900 quando venne realizzato per consentire agli operai della Sociedad Hidroeléctrica del Chorro di raggiungere le due cascate, il Salto del Chorro e il Salto del Gaitanejo.
Persino il re Alfonso XIII il giorno dell’inaugurazione si cimentò nel cammino tanto da meritargli il nome con cui è conosciuto ancora oggi: il Caminito del Rey.
Purtroppo la mancata manutenzione negli anni ha provocato uno stato di degrado tale da renderlo una meta intrigante per gli appassionati di arrampicata che però hanno sottovalutato le insidie del sentiero tanto da  perdervi la vita tra gli anni 1999 e 2000.
Le autorità hanno tentato di dissuadere questi temerari con delle multe salatissime ma è difficilissimo impedirne l’accesso: la risoluzione migliore pare essere quella di mettere in sicurezza il Caminito perché effettivamente la bellezza del paesaggio circostante è davvero mozzafiato!

POTREBBERO INTERESSARTI...

7 commenti

Monica Nardella 17 Gennaio 2013 - 16:40

@sandra: ahahahahahah, ti assicuro, senza un restauro di quel percorso e una bella imbragatura… neanche a me!
@mauro: ma dddaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaai, esagerato!!! 😛
@paòlo: ma infatti io non so come fanno a fidarsi di quelle quattro assi in croce…
@niki: e anche tachicardia!
@christomannos: spero infatti che ai progetti seguano i fatti: sarebbe bellissimo poter recuperare un percorso tanto suggestivo!

Rispondi
Christomannos 17 Gennaio 2013 - 12:16

Avevo già visto questo filmato. Spettacolare. Effettivamente la soluzione migliore sarebbe quella di metterlo in sicurezza per poter far gustare questo “caminito” in tutta tranquillità.
un caro saluto
Mario

Rispondi
nicki stauble 11 Gennaio 2013 - 20:01

Adrenalina infinita

Rispondi
Anonymous 11 Gennaio 2013 - 13:53

mi sento cadere dal divano!

Rispondi
Paòlo 11 Gennaio 2013 - 13:19

Ideale per me che soffro di vertigini solo a vedere le immagini 😀

La cosa peggiore è il punto dove devi fare l’equilibrista sulla sbarra di metallo. Poi potrebbe crollare da un momento all’altro, da pazzi.

Rispondi
Mauro 11 Gennaio 2013 - 12:38

Tutto sommato non è poi peggio della Salerno – Reggio Calabria 🙂

Rispondi
Sandra M. 11 Gennaio 2013 - 11:56

Son ben certa che non mi ci vedranno manco dipinta. E non solo dal minuto 1:15
:0)

Rispondi

Lascia un commento