Home » Sudamerica » Cile » Chiloé, isola di leggende e pescatori, patrimonio Unesco

Chiloé, isola di leggende e pescatori, patrimonio Unesco

Chiloé
Il viaggio dei miei sogni: un tour in Patagonia, 5000 km da percorrere tra Cile e Argentina. E tra le tappe in queste terre mitiche, ritagliare un’escursione a Chiloé, un’isola facente parte dell’omonimo arcipelago a sud del Cile.

Chiloé

Un luogo magico fatto di acqua e terra, di leggende e duro lavoro in cui il mix tra cultura spagnola e tradizione dei nativi ha prodotto un risultato stupefacente e inatteso. Chiloé è un’isola di pescatori, verdeggiante e piovosa. Un’isola che si sveglia presto al mattino e che si addormenta con ombre di antichi velieri che navigano senza meta nelle sue acque. E’ un’isola dove potrete ammirare le palafitte di Castro: coloratissime casette in legno sospese sull’acqua. 
 
Castro, Chiloé Island

Castro, Chiloé Island

 
Legno che torna nella realizzazione delle chiese (ad opera dei gesuiti e dei francescani): delle 150 costruite, se ne sono preservate solo 16 e per salvaguardare questo patrimonio antichissimo che risale a circa 300 anni fa, l’Unesco le ha inserite nei beni dell’Umanità. Tra le più importanti, ricordiamo la Chiesa di Santa Maria di Loreto ad Achao, la Chiesa di Nostra Signora del Patrocinio di Tenaún, la Chiesa di San Giovanni Battista e quella di Nostra Signora dei Dolori, tutte e tre a Dalcahue. Un terribile terremoto con conseguente tsunami si è abbattuto sull’isola, devastando Castro. A futura memoria di quel tragico evento, è stato lasciato intatto un tratto di ferrovia e un locomotore che correva lungo la linea Ancud-Castro.
 
Castro, Chiloé Island - Cile
 
La chicca: innamoratevi di ques’isola leggendo “Il quaderno di Maya“, di Isabel Allende. Dopo, non potrete resistere alla tentazione di trovarvi in quella terra incontaminata!
 
Quando andare: da ottobre ad aprile, durante la stagione estiva quando la temperatura è mite e non piove molto. 
Come arrivare: in aereo, voli giornalieri da Santiago del Cile a Tepual (durata: un’ora e mezza). Da qui, spostamenti in auto o in autobus. Se si vuole arrivare dalla terraferma, si deve prendere un autobus giornaliero a Puerto Montt (durata: due ore circa) oppure imbarcarsi su un traghetto (anche col proprio veicolo), da Pargua a Chacao (durata: 30 minuti).

POTREBBERO INTERESSARTI...

4 commenti

federica 21 Settembre 2015 - 10:52

e non scordarsi di mangiare curanto! 🙂

Rispondi
TuristadiMestiere 13 Ottobre 2012 - 8:20

@liz: un posto da visitare il prima possibile!
@adri: è un posto davvero fantastico!

Rispondi
Adriano Maini 29 Settembre 2012 - 8:40

Prima del maremoto non conoscevo questa località dalla storia, per lo meno, superba.

Rispondi
Liz 28 Settembre 2012 - 12:17

decisamente un posto che merita

Rispondi

Lascia un commento